Home In evidenza Qual è il rischio di una guerra tra Russia e Ucraina?

Qual è il rischio di una guerra tra Russia e Ucraina?

by Nik Cooper

I movimenti delle truppe russe vicino all’Ucraina hanno suscitato la preoccupazione di Kiev e degli Stati Uniti.

La Russia nega di aver minacciato chiunque e dice che può schierare le sue truppe sul proprio territorio a suo piacimento. Ha accusato l’Ucraina e la NATO di aumentare le tensioni e ha suggerito che Kiev potrebbe prepararsi a tentare di riconquistare due regioni orientali controllate da separatisti filo-russi dal 2014.

L’agenzia di spionaggio straniera della Russia questa settimana ha confrontato la situazione con l’accumulo di un 2008 guerra in cui le forze russe hanno schiacciato quelle della vicina Georgia.

L’Ucraina nega di aver pianificato tale offensiva e afferma che la Russia ha più di 92.000 soldati ammassati vicino ai suoi confini per un possibile attacco.

QUANTO È PROBABILE UN’INVASIONE RUSSA?

Una dozzina di fonti, inclusi funzionari dell’intelligence occidentale e russi che hanno familiarità con il pensiero del Cremlino, hanno convenuto che è improbabile che un’invasione sia imminente.

Uno scenario più plausibile, hanno detto, è che il presidente Vladimir Putin stia usando la minaccia credibile della forza militare per segnalare che la Russia è seriamente intenzionata a difendere le sue “linee rosse” sull’Ucraina.

Ha affermato numerose volte nelle ultime settimane di non essere disposto ad accettare la fornitura di armi della NATO all’Ucraina o qualsiasi presenza militare della NATO in quel paese, per non parlare della prospettiva di un’eventuale adesione dell’Ucraina all’alleanza.

Putin, hanno aggiunto queste fonti, è abile nell’escalation e nella de-escalation delle crisi, come ha fatto in primavera, quando più di 100.000 soldati russi si sono radunati vicino al confine con l’Ucraina e successivamente si sono ritirati.

In questo modo, sta facendo indovinare agli avversari della Russia le sue intenzioni e ricordando all’Occidente che la Russia è una forza da non sottovalutare.

Le forze armate russe hanno 900.000 personale attivo rispetto ai 209.000 dell’Ucraina, un vantaggio di oltre quattro a uno, secondo l’Istituto internazionale per gli studi strategici (IISS). Ma Samir Puri, membro anziano della guerra ibrida presso l’IISS, ha affermato che il vero vantaggio per la Russia è che ha già dei delegati che combattono nella guerra separatista nell’Ucraina orientale, dandogli la possibilità di collegarsi con loro ed estendere l’area già sotto il loro controllo.

Se dovesse andare per un’invasione più ampia, ha detto, potrebbe contemplare un attacco da nord (dalla Russia e dalla sua alleata Bielorussia), da est o da sud (attraverso la Crimea, che la Russia ha sequestrato all’Ucraina nel 2014), con un assalto navale alle città di Odessa e Mariupol.

L’Ucraina è significativamente più forte militarmente rispetto al 2014, quando ha perso la Crimea contro la Russia senza un vero combattimento. Dispone di missili anticarro avanzati forniti da Washington e potrebbe contare sul supporto dell’intelligence statunitense. Ma dovrebbe comunque affrontare un avversario schiacciante: il vantaggio russo nei carri armati, ad esempio, è più di tre a uno.

“Per l’Ucraina, il problema sarebbe… resistere il più possibile, pregare per l’assistenza dell’Occidente e, infine, contrattaccare”, ha affermato Mathieu Boulegue, ricercatore presso il think-tank Chatham House di Londra.

“Se la Russia invadesse completamente, la questione per Kiev sarebbe quella di organizzare una guerra in stile contro-insurrezione per rendere tremendo il costo dell’invasione per la Russia”.

L’Occidente ha imposto sanzioni alla Russia dopo il sequestro della Crimea e potrebbe aggiungere nuove misure dolorose, come impedirle di pompare gas russo attraverso il gasdotto Nord Stream 2 di nuova costruzione in Germania.

Putin rischierebbe una rottura completa dei rapporti con l’Occidente se invadesse. Non è chiaro fino a che punto la NATO potrebbe arrivare in difesa dell’Ucraina, qualcosa che sarebbe irto di rischi per tutte le parti. L’Ucraina non è un membro della NATO, ma non fare nulla farebbe sembrare l’alleanza irrilevante.

“Questo è il gioco del rischio di pericolo che si sta svolgendo. Sia nella NATO a Bruxelles che a Mosca ci saranno calcoli intorno a dove potrebbero portare i passaggi dell’escalation. Se la NATO dovesse schierarsi per combattere … i russi vedrebbero questo come un’escalation incredibile”, ha detto Puri.

“Penso che sia improbabile che l’Ucraina finisca come un campo di battaglia, ma in realtà questo è il problema che Russia e NATO stanno affrontando in questo momento in Ucraina”.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento