Home Attualità Pompeo: “Patetico” che Biden incolpi Trump per l’Afghanistan

Pompeo: “Patetico” che Biden incolpi Trump per l’Afghanistan

by Freelance

Di Mirko Fallacia

L’ex segretario di Stato Mike Pompeo ha affermato che è “patetico” che il presidente Biden incolpi l’ex presidente Trump per la situazione in Afghanistan, che domenica è caduta nelle mani dei talebani.

Durante un’apparizione su “Fox News Sunday”, Pompeo ha detto al conduttore Mike Wallace che l’amministrazione Biden non è riuscita a controllare la situazione in Afghanistan, aggiungendo che le forze statunitensi dovrebbero tornare nel paese e “schiacciare” i talebani.

“Spero che riusciremo a far uscire queste persone. Spero che porteranno la potenza aerea. Dovrebbero andare a schiacciare questi talebani che circondano Kabul. Possiamo farlo con la potenza aerea americana”, ha detto Pompeo a Wallace.

Dichiarazioni pesanti arrivano dall’ex Segretario di Stato che aggiunge: “Dobbiamo fare pressione su di loro. Dovremmo infliggere loro dei costi e del dolore. Non dovremmo supplicarli di risparmiare la vita degli americani. Dovremmo imporre costi ai talebani fino a quando non ci consentiranno di eseguire il nostro piano in Afghanistan”.

Pompeo ha anche affermato che è “patetico” che Biden dica di aver “ereditato” la situazione in Afghanistan dall’amministrazione Trump.

«Se i rischi non fossero così gravi, Chris, sarebbe patetico. Non avrei permesso a mio figlio di 10 anni di sfuggire a questo tipo di patetico trasferimento di colpa”, ha detto Pompeo.

“Dovrebbe essere meno concentrato sul tentativo di dare la colpa a qualcun altro piuttosto che sulla risoluzione del problema di assicurarsi che proteggiamo e difendiamo la sicurezza americana”.

Il governo afghano è caduto domenica, con i talebani che hanno preso il controllo della capitale Kabul. Il presidente afghano Ashraf Ghani è fuggito dal paese e il personale dell’ambasciata americana a Kabul è stato evacuato all’aeroporto di Kabul.

Sabato, Biden ha rilasciato una dichiarazione che sembra accusare l’ex amministrazione di aver lasciato i talebani “nella posizione militarmente più forte dal 2001”.

“Quando sono entrato in carica, ho ereditato un accordo tagliato dal mio predecessore – che ha invitato i talebani a discutere a Camp David alla vigilia dell’11 settembre 2019 – che ha lasciato i talebani nella posizione militarmente più forte dal 2001 e ha imposto un Scadenza del 1 maggio 2021 sulle forze statunitensi. Poco prima di lasciare l’incarico, ha anche portato le forze statunitensi a un minimo di 2.500″, ha affermato Biden.

Biden ha affermato che le politiche di Trump non gli hanno dato altra scelta che inviare più truppe “per combattere ancora una volta nel conflitto civile di un altro paese” o far uscire le truppe e gli alleati dal paese.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento