Home Cronaca L’ex papa Benedetto accusato di non aver agito nel rapporto sugli abusi della Chiesa di Monaco

L’ex papa Benedetto accusato di non aver agito nel rapporto sugli abusi della Chiesa di Monaco

by Redazione

L’ex papa Benedetto XVI non è riuscito a prendere provvedimenti contro i religiosi in quattro casi di presunti abusi sessuali nella sua arcidiocesi quando era arcivescovo di Monaco, un rapporto trovato giovedì, aggravando uno scandalo che ha travolto la Chiesa cattolica. Benedetto ha precedentemente negato illeciti sui casi.

Nel 2020 è stato chiesto allo studio legale di Monaco Westpfahl Spilker Wastl (WSW) di indagare sulle accuse di abusi sessuali nell’arcidiocesi di Monaco e Frisinga tra il 1945 e il 2019.

Il rapporto, commissionato dall’arcidiocesi, afferma che ci sono state almeno 497 vittime di abusi, principalmente giovani maschi. Molti altri casi probabilmente non erano stati segnalati, hanno affermato gli avvocati.

In due casi sospetti ha anche trovato da ridire sull’attuale arcivescovo di Monaco, il cardinale Reinhard Marx, 68 anni. Marx, che non è sospettato di aver partecipato ad abusi, si è scusato con le vittime.

L’arcivescovo Georg Gänswein, l’ex segretario del papa, ha detto che Benedetto aveva appena visto che il rapporto avrebbe “dato la necessaria attenzione al testo” nei prossimi giorni.

Benedetto, che ora ha 94 anni, vive in Vaticano da quando ha rassegnato le dimissioni da pontefice nel 2013.

“Il papa emerito, come ha fatto spesso durante il suo pontificato, esprime shock e vergogna per gli abusi sui minori da parte dei chierici”, ha detto Gänswein, aggiungendo che Benedetto stava pregando per le vittime.

In una dichiarazione senza menzionare l’ex papa, il Vaticano ha affermato che valuterà l’intero rapporto e ne esaminerà i dettagli.

“Nel ribadire il senso di vergogna e rimorso per gli abusi sui minori da parte del clero, la Santa Sede assicura la sua vicinanza a tutte le vittime e conferma il percorso intrapreso per proteggere i più piccoli e garantire loro un ambiente sicuro”, ha affermato il portavoce Matteo Bruni.

Gli avvocati del WSW avevano il compito di scoprire chi sapeva cosa fosse successo nell’arcidiocesi e qualsiasi azione intraprendessero. L’attenzione si è concentrata su Joseph Ratzinger, poi papa Benedetto XVI, che fu arcivescovo di Monaco e Frisinga tra il 1977 e il 1982.

Presentando il rapporto, l’avvocato Martin Pusch ha affermato che Ratzinger non ha fatto nulla contro gli abusi in quattro casi e non sembrava esserci alcun interesse per le parti lese.

“In un totale di quattro casi, siamo giunti alla conclusione che l’allora arcivescovo cardinale Ratzinger può essere accusato di cattiva condotta in caso di abusi sessuali”, ha affermato Pusch. “Afferma ancora ignoranza anche se, a nostro avviso, è difficile da conciliare con la documentazione”.

Gli avvocati hanno anche accusato Marx, arcivescovo di Monaco e Frisinga dal 2008 e influente liberale, di cattiva condotta in due presunti casi di abuso. L’anno scorso papa Francesco ha rifiutato una sua offerta di dimettersi da arcivescovo per la crisi degli abusi.

“In qualità di attuale arcivescovo, mi scuso a nome dell’arcidiocesi per le sofferenze inflitte alle persone nell’area della chiesa negli ultimi decenni”, ha affermato Marx, aggiungendo che la sua arcidiocesi darà una risposta completa al rapporto del 27 gennaio.

Nel 2018, la Chiesa cattolica tedesca, che è tra le più ricche del mondo, si è scusata con le vittime dopo che un rapporto ha scoperto che i religiosi avevano abusato di circa 3.700 vittime nei sette decenni fino al 2014.

L’anno scorso, un rapporto nell’arcidiocesi di Colonia tra il 1975 e il 2018 ha rilevato 202 pedofili e 314 vittime e ha affermato che i funzionari della Chiesa avevano mancato ai loro doveri in circa 75 casi.

Il gruppo riformista cattolico We are Church ha invitato Benedetto ad affrontare quella che ha definito una sua responsabilità morale.

“Un’ammissione personale di colpa per le sue azioni o non azioni in quel momento sarebbe un gesto urgente e un grande esempio per altri vescovi e leader in tutto il mondo”, ha affermato.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento