Home Attualità L’esplosione di una bombola di ossigeno a Baghdad nell’ospedale COVID-19 uccide 82 persone

L’esplosione di una bombola di ossigeno a Baghdad nell’ospedale COVID-19 uccide 82 persone

by Redazione

Un incendio causato dall’esplosione di una bombola di ossigeno in un ospedale COVID-19 a Baghdad ha causato almeno 82 vittime e ha costretto alcune persone a saltare attraverso le finestre dell’edificio in fiamme.

Mentre i soccorritori hanno setacciato l’edificio carbonizzato dal fumo, il primo ministro Mustafa al-Kadhimi ha incolpato la negligenza e ha sospeso il suo ministro della salute Hassan al-Tamimi in attesa di un’inchiesta sull’incendio di sabato all’ospedale Ibn Khatib.

Anche circa 110 persone sono rimaste ferite, ha detto il portavoce del ministero dell’Interno Khalid al-Muhanna. La maggior parte dei morti e dei feriti erano pazienti.

Già decimato da guerre e sanzioni, il sistema sanitario iracheno ha lottato per far fronte alla crisi del coronavirus, che ha ucciso 15.257 persone e infettato più di 1 milione.

Le forze di sicurezza hanno isolato l’ospedale, nell’area del ponte Diyala della capitale irachena, dove detriti carbonizzati e vetri frantumati coprivano il terreno all’esterno.

Mentre le fiamme si sono diffuse sabato, i parenti si sono affrettati a salvare i propri cari, con alcuni salti in salvo.

“Ho portato mio fratello in strada. Poi sono tornato (indietro) e sono salito all’ultimo piano che non stava bruciando. Ho trovato una ragazza che soffocava, di circa 19 anni … stava per morire”, ha detto un testimone.

“L’ho presa sulle spalle e sono corso giù … I dottori sono saltati sulle macchine. Tutti stavano saltando. E io ho continuato a salire da lì, ho preso la gente e sono sceso di nuovo”.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento