Home In evidenza Le inondazioni europee evidenziano la mancata osservanza degli avvertimenti sul clima

Le inondazioni europee evidenziano la mancata osservanza degli avvertimenti sul clima

by Freelance

Di Ginevra Lestingi

È da molto tempo oramai che gli scienziati avvertono che inondazioni devastanti, come quelle che hanno ucciso più di 100 persone, molte delle quali ancora disperse in Germania e Belgio, potrebbero colpire l’Europa più spesso mentre il mondo si riscalda.

“È una sensazione strana”, ha detto Ozer, uno dei principali climatologi belgi dell’Università di Liegi. “Ne parli per tipo un quarto di secolo. E la gente dice sì, sì. Ma non succede davvero nulla… Aspettiamo e basta”.

Giovedì le inondazioni hanno colpito questa parte del Belgio e gran parte della Germania occidentale, dei Paesi Bassi e del Lussemburgo.

Ozer calcolò mentalmente quante volte si sarebbe verificata una simile inondazione prima che gli umani riscaldassero il clima di oltre un grado. Il fiume Mosa scorreva attraverso Liegi al ritmo più veloce mai registrato. I record di precipitazioni sono stati infranti in tutta la regione. E le inondazioni si sono verificate in estate, il che è insolito perché i fiumi non sono ingrossati dallo scioglimento della neve.

Eventi così gravi, su un’area così vasta dell’Europa nordoccidentale, non accadono senza preavviso. Gli scienziati hanno seguito la tempesta mentre si dirigeva verso sud per tutta questa settimana e il Sistema europeo di sensibilizzazione alle inondazioni ha emesso avvisi di inondazioni potenzialmente letali alle autorità nazionali all’inizio della settimana. Ma alla gente è stato detto di evacuare troppo tardi, o non del tutto.

A Liegi, il sindaco ad interim Christine Defraigne ha chiesto l’evacuazione dopo che le strade di Angleur erano già sommerse.

Almeno 18 persone sono morte in Belgio, ha detto venerdì il ministro degli Interni Annelies Verlinden. A causa della fortuna, piuttosto che di una buona pianificazione, finora non sono stati segnalati decessi ad Angleur.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento