Home In evidenza L’attacco di Putin alla democrazia sta funzionando: “L’inverno sta arrivando!”

L’attacco di Putin alla democrazia sta funzionando: “L’inverno sta arrivando!”

by Nik Cooper

La scena si è ripetuta per mesi nelle piazze cittadine di tutta Europa: stridenti testimonianze oculari della guerra in Ucraina, una chiamata alle armi contro la conquista coloniale e accorati appelli all’aiuto del pubblico.

Eppure c’era una differenza importante: i partecipanti a questa manifestazione a Berlino alla fine del mese scorso non stavano battendo per i colori ucraini, ma quelli delle repubbliche separatiste di Luhansk e Donetsk sostenute dal Cremlino. L’obiettivo dei loro oscuri avvertimenti non era la Russia, ma gli Stati Uniti.

“Negli ultimi anni è emersa una linea chiara con una distruzione permanente dei diritti democratici e una marcia verso il fascismo”, ha detto al suo pubblico Klaus Hartmann, leader della Lega socialista dei liberi pensatori, lamentando che la Germania era diventata poco più che un “vassallo” degli Stati Uniti sull’Ucraina e su altri fronti.

“Queste due repubbliche hanno gli stessi diritti che la NATO rivendica per la propria clientela, vale a dire la libera scelta di scegliere la loro alleanza”.

Sarebbe allettante respingere tali sentimenti come le divagazioni della frangia politica (soprattutto perché il raduno in questione è stato organizzato dal piccolo partito comunista tedesco).

Ma mentre la guerra in Ucraina si trascina e gli europei sentono sempre più il peso dell’aumento dei prezzi dell’energia e del rallentamento dell’economia, la frangia si sta rapidamente spostando verso il centro.

La rapidità del cambio di rotta si è evidenziato negli ultimi giorni quando migliaia di manifestanti dell’estrema destra e della sinistra sono scesi in piazza nella Repubblica Ceca e in Germania per protestare contro l’aumento dei prezzi dell’energia, la NATO e il sostegno occidentale all’Ucraina.

Nella sola Praga, sabato, circa 70.000 manifestanti hanno preso parte a una protesta nel centro della città. Migliaia di altri si sono riuniti lunedì nelle città tedesche di Lipsia e Magdeburgo, ascoltando gli appelli dei partiti estremisti di riprendere i disordini civili che hanno fatto cadere la dittatura comunista della Germania dell’Est.

La tempesta in aumento sta confrontando i leader europei con la difficile verità che, anche se la Russia lotta sul campo di battaglia contro l’Ucraina, il Cremlino sta tenendo testa alla sua lunga guerra contro le fondamenta democratiche dell’Europa.

La Russia ha lavorato per anni per minare la fiducia del pubblico nei governi democratici con un cocktail tossico di disinformazione sui social media e sotterfugi politici, principalmente attraverso il suo sostegno agli elementi molto marginali che ora fomentano i movimenti di protesta.

L’obiettivo principale di questi sforzi non è convertire gli europei a diventare sostenitori della Russia, ma piuttosto polarizzare e destabilizzare la politica occidentale a tal punto che gli elettori non sanno in cosa credere.

Non c’è dubbio che Putin stia vincendo in questo senso.

L’inverno sta arrivando

In Bulgaria, il mese scorso, il presidente Rumen Radev ha spinto un governo provvisorio da lui nominato a negoziare un nuovo accordo di fornitura di gas con Gazprom.

Mentre la mossa ha innescato le proteste di piazza da parte di coloro che si oppongono al mantenimento della dipendenza energetica della Bulgaria da Mosca, molti nel paese l’hanno accolta favorevolmente.

Un quadro simile è emerso in Ungheria, dove Viktor Orbán, perenne bête noire dell’UE, ha chiarito che non ha intenzione di recidere tutti i legami con la Russia.

Questa settimana, Orbán, che ha affermato che l’Ucraina non può vincere la guerra, ha minacciato di bloccare il rinnovo di alcune sanzioni europee alla Russia se tre oligarchi non fossero stati tolti dalla lista.

Il leader ungherese ha rapidamente fatto marcia indietro, ma in poche settimane la strategia di Orbán potrebbe essere l’ultima delle preoccupazioni dell’Europa.

I leader dell’Unione Europea si stanno preparando per i risultati delle elezioni italiane di fine mese, con i partiti di estrema destra che dovrebbero ottenere abbastanza sostegno per formare una coalizione.

Le elezioni italiane potrebbero essere un “punto di svolta” per l’Europa.

Giorgia Meloni, leader del partito di estrema destra Fratelli d’Italia, dovrebbe vincere le elezioni. La leader del partito neo fascista è stata criticata sulla posizione assunta nei confronti dell’invasione russa e soprattutto per quanto riguarda gli aiuti militari all’Ucraina.

Ma nonostante la sua posizione guerrafondaia, nella sua coalizione ci sono contraddizioni evidenti mosse da politici che in passato hanno “spezzato il pane” con Putin, come Matteo Salvini, leader della Lega di estrema destra, e Silvio Berlusconi.

Il leader di Forza Italia è legato a doppio filo al capo del Cremlino tanto da regalare a Putin un piumone con l’immagine a grandezza naturale di loro due che si stringono la mano.

Se la Meloni, che nel 2018 ha celebrato la rielezione di Putin come “la volontà inequivocabile del popolo russo”, manterrà la sua posizione sulla Russia di fronte alle pressioni dell’opinione pubblica per un approccio più morbido è tutt’altro che certo.

Anche se gli europei hanno ampiamente rifiutato la narrativa russa di fronte agli orrori che ha inflitto all’Ucraina, i sondaggi nella regione suggeriscono che la loro determinazione si sta indebolendo.

Nei paesi più grandi della regione (Germania, Francia, Regno Unito e Polonia), i residenti sono ora più preoccupati per il costo della vita che per la guerra, secondo il sondaggio YouGov pubblicato questo mese.

In Francia, il 40 per cento della popolazione sosterrebbe un ritorno del movimento dei gilet gialli.

In questo contesto, sembra inevitabile che i leader europei debbano affrontare crescenti pressioni per allentare le sanzioni contro la Russia.

Il tempo è dalla parte di Mosca. Il calo delle temperature nelle prossime settimane e mesi, e con l’avvicinarsi dell’inverno, gli europei inizieranno a risentire dell’aumento dei prezzi del gas naturale, che sono quasi triplicati nell’ultimo anno.

Sebbene le sanzioni non siano l’unico fattore che abbia influito sui prezzi dell’energia, hanno giocato un ruolo fondamentale, soprattutto quando si tratta della decisione di Mosca di soffocare il flusso di gas naturale verso l’Europa, che in precedenza rappresentava più di un terzo del flusso di gas naturale dell’UE.

Un minaccioso promemoria di quella realtà è arrivato sui social media questa settimana con un video che mostra un lavoratore della Gazprom che chiude una valvola del gas, seguito da scene di un paesaggio innevato spazzato dal vento e di capitali europee, inclusa Bruxelles.

Per ora, i leader europei rimangono uniti sulle sanzioni, ma le crepe in quel sostegno stanno diventando ogni giorno più evidenti.

Nei paesi con forti movimenti populisti, il fronte anti-sanzioni ha preso piede per settimane. In Austria, dove il Partito della Libertà e di estrema destra filorusso è una forza potente, il 40 per cento della popolazione non sostiene le sanzioni dell’UE contro Mosca, secondo un sondaggio pubblicato a fine agosto.

Anche il Partito popolare di centrodestra al potere è diviso, con potenti leader regionali che mettono apertamente in discussione il continuo sostegno del governo federale alle misure.

“Niente è scolpito nella pietra”, ha affermato di recente Thomas Stelzer, governatore della provincia dell’Alta Austria, suggerendo che sarebbe necessario rivalutare la posizione delle sanzioni del Paese se “stessimo infliggendo ingenti danni alle nostre stesse vite”.

In Italia, l’opposizione pubblica alle sanzioni è ancora più forte, con il 51 per cento della popolazione favorevole alla loro revoca per alleviare le pressioni economiche, secondo un sondaggio di Termometro Politico pubblicato sabato.

Per gli scopi di Putin, un’Europa che è contro le sanzioni è altrettanto buona di una filo-russa.

Ciò spiega gli sforzi della Russia negli ultimi giorni per incolpare la chiusura del gas delle sanzioni occidentali, che secondo gli analisti stanno riuscendo a rallentare lentamente l’economia del paese, anche se continua a godere di profitti eccezionali dalla vendita di petrolio.

Putin lo ha ammesso mercoledì, definendo le tattiche occidentali un “pericolo per il mondo intero”.

“Sto parlando della corsa alle sanzioni in Occidente e dei tentativi palesemente aggressivi dell’Occidente di imporre il loro modus vivendi ad altri paesi, di togliere loro la sovranità, di sottometterli alla loro volontà”, ha detto Putin a un incontro d’affari presso l’Eastern Economics della Russia Forum a Vladivostok.

Al di là delle sanzioni, l’Europa è sempre più divisa su quanto lontano andare per sostenere finanziariamente l’Ucraina e inscatolare la Russia.

Nell’Europa occidentale, il 40% della popolazione sostiene l’invio di armi e finanziamenti in Ucraina, secondo un sondaggio pubblicato questa settimana da Open Society Foundations. Sebbene sia più alto che in altre parti del mondo, è tutt’altro che una netta maggioranza.

Sebbene il sostegno all’Ucraina su questo fronte rimanga più forte nei Paesi baltici e in Polonia, molti politici nell’Europa occidentale continuano a sollecitare cautela, soprattutto quando si tratta di aiuti militari.

Il presidente Emmanuel Macron ha suscitato scalpore la scorsa settimana con un lungo discorso di politica estera in cui ha chiesto l’unità europea sull’Ucraina, avvertendo anche di non dare ascolto agli appelli dei “guerrafondai”, un riferimento che molti nell’Europa centrale e orientale ritenevano fosse rivolto nella loro direzione.

“Primavere” d’autunno

In nessun luogo il dibattito in Ucraina è più emozionante – o più consequenziale – che in Germania. Per l’Ucraina è essenziale il continuo sostegno del peso massimo dell’economia e della politica europea nella sua lotta.

Anche Mosca lo sa, ed è per questo che ha fatto così tanti sforzi per confondere le acque lì, apparentemente con un certo successo.

Quasi l’80% dei tedeschi crede che l’Occidente dovrebbe chiedere la pace in Ucraina, secondo un sondaggio RTL pubblicato la scorsa settimana. E oltre il 60 per cento afferma che il proprio governo non dovrebbe inviare armi pesanti aggiuntive, come gli obici.

Una preoccupazione più immediata, tuttavia, è l’impatto economico della guerra. Anche se circa la metà dei tedeschi afferma di essere pronta a superare maggiori difficoltà economiche per sostenere l’Ucraina, l’altra metà è scettica.

Due terzi prevedono che la solidarietà della Germania con l’Ucraina si dissiperà man mano che i prezzi continueranno a salire.

Se ciò si rivelerà vero, la frangia politica tedesca tornerà in piazza, cercando di capitalizzare il cambiamento di sentimento con richieste per l’apertura del controverso gasdotto Nord Stream 2 e la fine della guerra.

Mentre i lealisti del Cremlino nel parlamento tedesco – il partito di sinistra e Alternativa per la Germania – hanno disaccordi fondamentali sulla politica, sono uniti nella loro opposizione alla guerra e nell’affinità con la Russia.

E anche se la crisi deve ancora aumentare il numero dei loro sondaggi, entrambe le parti vedono l’opportunità di sfruttare il crescente malessere.

La manifestazione di lunedì a Lipsia, che secondo la polizia ha attirato circa 4.000 partecipanti, è stata solo l’inizio, ha detto il capo del partito di sinistra Martin Schirdewan, che nelle ultime settimane ha promesso di alimentare un “heisser Herbst” (autunno caldo) di protesta.

Potrebbe rivelarsi poco più che una vuota spavalderia, ma la coalizione tripartita tedesca, guidata dai socialdemocratici del cancelliere Olaf Scholz, era abbastanza preoccupata da far approvare un pacchetto di aiuti di emergenza da 65 miliardi di euro dopo una trattativa durata tutta la notte.

Tuttavia, è incerto se ciò calmerà l’angoscia economica dei tedeschi. Gli economisti prevedono che l’aumento dell’inflazione costerà ai tedeschi altri 200 miliardi di euro nel prossimo anno, suggerendo che il pacchetto potrebbe non essere all’altezza.

La scorsa settimana, il ministro degli Esteri Annalena Baerbock ha sperimentato in prima persona quanto siano agitati i suoi compatrioti per l’Ucraina.

Parlando a un evento a Praga, Baerbock ha segnalato un sostegno incrollabile a Kiev. “Se faccio la promessa alle persone in Ucraina, ‘Siamo con te finché hai bisogno di noi’, allora voglio tener duro, qualunque cosa pensino i miei elettori tedeschi”, ha detto.

Tuttavia, le sue osservazioni, pronunciate in inglese, hanno suscitato subito scalpore, in particolare il suggerimento che avrebbe sfidato la volontà dei suoi stessi elettori.

I robot e i troll russi hanno lavorato per distorcere il messaggio di Baerbock etichettandola come una politica arrogante e sleale.

I funzionari ucraini sono profondamente consapevoli dell’importanza di mantenere a bordo l’Europa, e in particolare la Germania.

“L’Occidente capisce che se la Russia vincerà in Ucraina, l’Occidente sarà il prossimo”, ha detto martedì il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba all’emittente austriaca ORF, rispondendo a una domanda sulla determinazione dell’Occidente. “Siamo sulla stessa barca”.

Eppure, finora, la maggior parte dei leader europei, compreso il tedesco Scholz, non riescono ad indottrinare l’opinione pubblica su tale argomento.

Se gli europei dovessero davvero credere al fatto che la loro stessa sicurezza fosse in pericolo, non spingerebbero per la pace o non manifesterebbero contro la guerra. Chiederebbero ai loro leader di inviare più armi all’Ucraina e magari gli eserciti.

Ma cercare di far credere al popolo che il re d’Inghilterra vuole appropriarsi delle loro proprietà e sottometterli è una politica vincente per sviluppare una costosa corsa agli armamenti; infatti, nonostante la favola statunitense sia vecchia come il cucco, alle volte basta solo aggiornarla e cambiare al re la nazionalità.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento