Home Estero La Cina alla conquista di Taiwan terza parte 3/3

La Cina alla conquista di Taiwan terza parte 3/3

by Nik Cooper

Nei capitoli precedenti abbiamo parlato del grande progetto di conquista cinese ai danni della pacifica Taiwan (La Cina alla conquista di Taiwan seconda parte 2/3 – Avanti live) e, come abbiamo spiegato nei due articoli precedenti, il processo di conquista subdolo della Cina prosegue ininterrottamente, senza sosta e senza opposizioni. Il nostro giornale riporta e condanna questo atto di violenza fisica e psicologica di una grande potenza ai danni di una piccolissima realtà come Taiwan. Gioco forza, se non dovessero mettere dei freni esterni a questa campagna di conquista, la piccola Repubblica di Taiwan finirebbe con l’essere annoverata, senza volerlo, nella Repubblica popolare cinese. Non è ammissibile nel terzo millennio.

Il travagliato passaggio a una forza a tempo pieno ha contribuito allo sventramento delle riserve, una componente cruciale della capacità dell’isola di rafforzare le unità a tempo pieno e respingere le truppe d’invasione. Secondo esperti militari taiwanesi e stranieri, la forza di riserva di 2,31 milioni esiste solo sulla carta.

Nelle interviste, i riservisti chiamati a un corso di aggiornamento da uno a sette giorni si sono lamentati di perdere tempo in esercitazioni, conferenze e film inutili. Non c’erano esercizi realistici o spiegazioni chiare di quale azione sarebbe stata richiesta in caso di crisi, hanno detto.

Un riservista di nome Lee ha detto di essere stato convocato per cinque giorni di addestramento lo scorso anno, la seconda volta da quando ha terminato il servizio di leva nel 2015. Ha descritto l’esperienza come “un’opportunità per fare amicizia”. A volte, gli istruttori sapevano che gli studenti erano annoiati, abbandonavano le loro lezioni e aprivano la parola ai tirocinanti per presentarsi. Uno dei compagni riservisti di Lee, un rivenditore di automobili, ha colto l’occasione per fare una presentazione di vendita.

“Di certo non sono addestrato adeguatamente per combattere in una guerra”, ha detto Lee. “La riqualificazione è durata solo cinque giorni, durante i quali abbiamo sparato solo una volta”.

Ci sono segni che l’amministrazione Tsai stia lavorando per aumentare la prontezza e la potenza di fuoco e per riformare le riserve. A ottobre, Yen ha rivelato una proposta per costruire una forza meglio addestrata all’interno delle riserve, composta da 268.000 soldati, che potrebbero essere mobilitati “immediatamente” per unirsi all’esercito permanente in caso di emergenza.

Nell’annuale Esercitazione Han Kuang tenutasi a luglio nel centro di Taiwan, due battaglioni di riservisti furono chiamati a prendere parte a un’esercitazione di artiglieria a fuoco vivo con unità regolari. Un alto funzionario di Taiwan che ha familiarità con la pianificazione della sicurezza dell’isola ha detto che gli Stati Uniti hanno esortato i militari a includere i riservisti nell’esercitazione.

Importanti pensatori militari dell’isola chiedono una scossa più radicale. Il primo è l’ammiraglio Lee, l’ex capo dell’esercito, che ha esposto le sue idee in una serie di articoli.

Prima del suo ritiro l’anno scorso, Lee ha proposto che l’isola evitasse una guerra di logoramento con una Cina enormemente potente. Invece, Lee suggerisce a Taiwan di prepararsi ad assorbire missili PLA e attacchi aerei. La chiave, sostiene, è preservare la capacità di contrattaccare una forza d’invasione nonostante la probabile perdita dei principali hardware convenzionali, comprese grandi navi da guerra e caccia a reazione.

Al centro della proposta di Lee ci sono diversi cambiamenti. Uno, Taiwan dovrebbe mantenere un piccolo numero di armi grandi e costose per preservare il morale pubblico e contrastare le operazioni nella zona grigia di Pechino. Allo stesso tempo, però, l’isola dovrebbe essere irta di un gran numero di armi più piccole, più economiche ma letali, tra cui missili anti-nave mobili, missili anti-aerei portatili, mine marine avanzate e navi lanciamissili veloci. Mimetizzate e disperse nelle aree urbane, costiere, nella giungla e di montagna, queste armi sarebbero più difficili da trovare e distruggere per le forze dell’EPL e potrebbero colpire una forza di invasione ben prima che raggiunga la terra.

Un altro elemento cruciale è la drammatica riforma delle riserve e delle unità di protezione civile, creando unità urbane e di guerriglia. Questi sarebbero impegnati in una guerra di lunga durata con le truppe cinesi che riescono a sbarcare.

Donald Trump e Robert Obrien

Per ora, non è chiaro se l’amministrazione di Tsai adotterà le proposte di Lee. Ma il pensiero di Lee ha un forte sostegno a Washington. Il consigliere uscente per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, Robert O’Brien, ha affermato a ottobre che i taiwanesi dovrebbero “trasformarsi in un porcospino” militarmente, aggiungendo: “I leoni generalmente non amano mangiare i porcospini”.

Lee, tuttavia, afferma che Taiwan non dovrebbe fare affidamento sull’aiuto dell’America. “Come difendi Taiwan? Tutto quello che posso sentire è che gli Stati Uniti interverranno”, ha detto. “Che motivo c’è per credere che gli Stati Uniti sacrificheranno la vita dei propri figli per difendere Taiwan?” Ha aggiunto: “La mia scommessa migliore è la mia stessa forza, per impedire alle persone di bullarmi”.

Sotto il presidente Donald Trump, gli Stati Uniti hanno incrementato in modo significativo gli aiuti militari a Taiwan e un maggiore impegno con l’isola. Con Joe Biden che ha battuto Trump nelle elezioni presidenziali del mese scorso, i taiwanesi aspettano con ansia di vedere se la nuova amministrazione seguirà l’esempio di Trump.

Un alto funzionario del Pentagono, David Helvey, ha detto in un discorso di ottobre che gli Stati Uniti stanno incoraggiando Taipei ad acquistare il maggior numero possibile di missili per la difesa costiera, insieme a mine, artiglieria mobile e apparecchiature di sorveglianza avanzate. Ha detto che questo avrebbe dato a Taiwan le migliori possibilità di prevalere in “un’unica battaglia che non possono permettersi di perdere”.

Altre di queste armi sono in cantiere. A ottobre, l’amministrazione Trump ha approvato la richiesta di Taipei di acquistare 400 missili anti-nave Harpoon e relative lanciatori, trasportatori e sistemi radar che rafforzeranno le difese dell’isola contro attacchi navali e anfibi. Nello stesso mese, ha approvato la vendita di 135 missili da crociera avanzati lanciati dall’aria per l’aviazione di Taiwan.

I missili aumenterebbero la capacità di Taipei di colpire navi da guerra PLA o bersagli terrestri sulla costa cinese in un conflitto. Taiwan sta anche accelerando lo sviluppo dei suoi capaci missili anti-nave, di difesa aerea e di attacco terrestre di fabbricazione nazionale.

Pechino è profondamente insoddisfatta della tendenza sotto Trump. Vuole che gli Stati Uniti cessino immediatamente la vendita di armi e il contatto militare con l’isola. Taiwan è un “affare interno della Cina” e le vendite di armi “sono una provocazione politica contro la Cina, incoraggiano l’arroganza delle forze secessioniste” indipendentiste di Taiwan “e minano la pace e la stabilità nello Stretto di Taiwan”, ha detto l’Ufficio per gli affari di Taiwan a Pechino in una dichiarazione.

Rafforzare la capacità di Taiwan di difendersi ha avuto un lungo il sostegno bipartisan negli Stati Uniti, ha detto il ministero della difesa di Taiwan. “Il prossimo governo degli Stati Uniti continuerà a mantenere le relative promesse”, ha aggiunto riferendosi alle recenti vendite di armi.

Il team di transizione di Biden ha rifiutato di commentare questa storia. Alcuni commenti passati di Biden, tuttavia, hanno destato preoccupazione a Taiwan.

Nel 2001, ad esempio, l’allora senatore Biden ha criticato il presidente repubblicano George W. Bush per aver detto che gli Stati Uniti avevano un “obbligo” di difendere Taiwan, un requisito non enunciato nel Taiwan Relations Act. L’atto, che regola le relazioni degli Stati Uniti con Taipei, è stato approvato dopo che l’America ha stabilito legami con Pechino quattro decenni fa.

Ma Biden ha fatto queste osservazioni molto prima dell’emergere della Cina come una delle principali minacce al dominio degli Stati Uniti nella regione Asia-Pacifico. Durante la campagna del 2020, Biden ha chiesto di rafforzare i legami con Taiwan e altre “democrazie affini”.

Molti nei circoli di politica estera di Biden hanno anche riconosciuto che gli imperativi degli Stati Uniti sono cambiati man mano che una Cina autoritaria e in ascesa è diventata più assertiva e ha cercato di plasmare le istituzioni globali.

La scelta di Biden per il consigliere per la sicurezza nazionale, Jake Sullivan, non ha risposto a una richiesta di commento. Ma in un pezzo che ha co-scritto su Foreign Policy a maggio, Sullivan è arrivato al cuore della questione di Taiwan.

“L’Esercito popolare di liberazione non ha nascosto il fatto che sta costruendo le capacità di proiezione del potere militare necessarie per soggiogare Taiwan”, osservava l’articolo, “uno sviluppo che sconvolgerebbe l’equilibrio di potere regionale dall’oggi al domani e chiamerebbe il resto dell’America impegni nel Pacifico occidentale in discussione”.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento