Home Cronaca Il team guidato dall’OMS in Cina inizierà le riunioni online dalla quarantena

Il team guidato dall’OMS in Cina inizierà le riunioni online dalla quarantena

by Freelance

Di Ginevra Lestingi

Un team guidato dall’Organizzazione mondiale della sanità che studia le origini del COVID-19 inizierà oggi incontri virtuali con i loro ospiti cinesi da un hotel a Wuhan in Cina, dove è emersa per la prima volta la pandemia.

Il loro arrivo giovedì nella città della Cina centrale è stato interrotto dall’assenza di due membri che hanno fallito i test degli anticorpi del coronavirus a Singapore. Uno dei membri da allora ha superato un test e il loro viaggio in Cina è stato organizzato, secondo il ministero degli esteri cinese.

“Il team è attualmente sottoposto alla quarantena obbligatoria di 14 giorni e viene trattato molto bene dai nostri ospiti. I lavori iniziano oggi, giorno 1”, ha twittato il membro del team Peter Daszak, uno zoologo.

Il vialetto e il parcheggio del boutique hotel dove alloggia la squadra sono stati isolati venerdì con nastro adesivo e il personale di sicurezza era di guardia all’ingresso.

L’arrivo della squadra a Wuhan è avvenuto mentre la Cina è in allerta per una recrudescenza di infezioni da COVID-19 nel nord-est.

Gli Stati Uniti, che hanno accusato la Cina di nascondere l’entità del suo focolaio iniziale un anno fa, hanno chiesto un’indagine “trasparente” guidata dall’OMS e criticato i termini della visita, in base alla quale esperti cinesi hanno svolto la prima fase della ricerca

Dominic Dwyer, un virologo australiano del team, ha detto che lui e gli altri scienziati stavano cercando di tenere da parte la politica che circonda il viaggio.

“C’è sempre politica con questo tipo di scenario, ma una delle cose che COVID-19 ci ha mostrato è che se hai una buona scienza, allora informi la politica”, ha detto.

“Vuoi riempire il vuoto scientifico con le risposte in modo che le persone possano prendere decisioni più informate e, quindi, presumibilmente più sensate”.

Dwyer ha detto che l’itinerario per il resto del viaggio doveva ancora essere risolto, ma sperava di visitare istituti di ricerca, ospedali e il mercato in cui sono stati rilevati i primi casi umani della malattia alla fine del 2019.

“Comprendere come (i mercati) funzionano fisicamente vedendoli è utile perché si cerca di capire come i virus potrebbero essere entrati nel mercato dall’esterno … e diffondersi all’interno del mercato, o parti del mercato, e poi diffondersi alla comunità”, ha detto.

Alla squadra non è permesso socializzare mentre è in quarantena, quindi terrà virtualmente tutte le riunioni.

“È nella stanza da due settimane”, ha detto Dwyer. “Le stanze sono di buone dimensioni e hanno fornito a tutti attrezzature per esercizi e vengono consegnati i pasti”, aggiungendo che aveva dei pesi, una corda per saltare e un tappetino per lo yoga.

Uno dei due membri bloccati della squadra, un cittadino britannico, potrà recarsi in Cina dopo essere stato nuovamente negativo in un test sugli anticorpi, ha detto venerdì il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian in una conferenza stampa a Pechino. L’altro membro, che è sudanese, è ancora positivo agli anticorpi. “Resteremo in contatto con l’OMS su queste questioni”, ha detto Zhao.

Il team di 15 persone era risultato negativo alla malattia prima di lasciare i propri paesi d’origine e si è sottoposto a ulteriori test durante il transito a Singapore.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento