Home Estero I rivali sostengono la frode di massa mentre il partito russo pro-Putin stravince

I rivali sostengono la frode di massa mentre il partito russo pro-Putin stravince

by Nik Cooper

Gli oppositori hanno accusato le autorità russe di frode di massa lunedì dopo che il partito al governo Russia Unita, che sostiene il presidente Vladimir Putin, ha ottenuto una maggioranza parlamentare più ampia del previsto nonostante il disagio per il tenore di vita.

Con il 99,9% dei voti scrutinati, la Commissione elettorale centrale ha affermato che Russia Unita ha vinto quasi il 50% dei voti, con il suo rivale più vicino, il Partito Comunista, che ha ottenuto poco meno del 19%.

La portata della vittoria significa che Russia Unita avrà più di due terzi dei deputati nella camera bassa del parlamento della Duma di Stato da 450 seggi. Ciò gli consentirà di continuare a far passare le leggi senza dover fare affidamento su altri parti.

Russia Unita, un partito che Putin ha contribuito a fondare, avrebbe sempre dovuto vincere. Ai suoi critici più clamorosi, alleati del critico del Cremlino in carcere Alexei Navalny, è stato impedito di prendere parte alle elezioni dopo che un tribunale li ha bollati come estremisti a giugno.

I sondaggi pre-voto avevano suggerito che il malcontento per anni di standard di vita vacillanti e accuse di corruzione avrebbero intaccato il sostegno di Russia Unita.

In effetti, i risultati ufficiali quasi definitivi hanno mostrato che si è assicurato solo il 4% in meno rispetto all’ultima volta che si sono svolte elezioni simili nel 2016.

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha affermato che le condizioni elettorali non hanno favorito procedimenti liberi ed equi, il ministero degli Esteri britannico ha definito il voto una battuta d’arresto per la libertà democratica e il capo della politica estera dell’UE Josep Borrell ha affermato che il blocco ha notato segnalazioni di gravi violazioni.

Fino a 200 manifestanti comunisti che si sono sentiti truffati si sono riuniti per una manifestazione a Mosca lunedì sera sotto lo sguardo della polizia.

I candidati contrari a Russia Unita nella capitale erano stati in vantaggio in più della metà dei 15 distretti elettorali, ma tutti persi dopo l’aggiunta degli elettori elettronici.

“È una vergogna e un vero crimine!” Il candidato comunista Valery Rashkin ha detto alla folla, dicendo che il suo partito avrebbe continuato a protestare fino a quando quelli che ha chiamato i risultati elettronici falsificati di Mosca non fossero stati ribaltati. Rashkin ha detto che i manifestanti sarebbero tornati sabato.

Separatamente, gli alleati di Navalny hanno condannato i risultati.

“Con un numero così colossale di violazioni, i risultati delle elezioni della Duma di Stato non possono essere riconosciuti come puliti, onesti o legittimi”, ha affermato Lyubov Sobol, un assistente di Navalny.

Sobol aveva sperato di candidarsi per il parlamento, ma agli alleati di Navalny è stato impedito di partecipare dopo la designazione dell’estremismo. Anche i media critici e le organizzazioni non governative sono stati presi di mira dalle autorità durante la corsa alle elezioni.

Gli alleati di Navalny avevano cercato di sottrarre sostegno a Russia Unita con una campagna di voto tattico online che le autorità avevano cercato di bloccare.

Le autorità elettorali hanno dichiarato di aver annullato qualsiasi risultato nei seggi elettorali dove c’erano state evidenti irregolarità e che il concorso complessivo era stato equo.

Secondo Ella Pamfilova, capo della commissione elettorale, il voto è stato eccezionalmente pulito e trasparente. Ha detto a Putin che avrebbe esaminato eventuali reclami prima di dichiarare i risultati finali venerdì.

Putin ha rilasciato una breve dichiarazione, ringraziando gli elettori dopo che il Cremlino aveva salutato il risultato, affermando che Russia Unita aveva confermato il suo ruolo di partito leader. Il Cremlino ha affermato che le elezioni sono state competitive, aperte e oneste.

È improbabile che il risultato cambi il panorama politico, con Putin, che è al potere come presidente o primo ministro dal 1999, che ancora domina prima delle prossime elezioni presidenziali del 2024.

Dmitri Trenin, direttore del Carnegie Moscow Center, ha affermato che il Cremlino vedrà la vittoria elettorale come una vittoria per il sistema politico che presiede.

“Inoltre, esso (il Cremlino) ha vinto la situazione post-elettorale: nessuna protesta di strada in tutto il paese… Superato il test principale sulla strada per il 2024”, ha scritto Trenin su Twitter.

Putin, che compirà 69 anni il mese prossimo, rimane una figura popolare tra molti russi che gli attribuiscono il merito di essersi opposto all’Occidente.

I risultati quasi completi hanno mostrato che il Partito Comunista è arrivato secondo, seguito dal partito nazionalista LDPR e dal partito Fair Russia con circa il 7,5% ciascuno. Tutti e tre i partiti di solito sostengono il Cremlino sulla maggior parte delle questioni chiave.

Durante una manifestazione celebrativa presso la sede di Russia Unita trasmessa dalla televisione di stato, il sindaco di Mosca Sergei Sobyanin, un alleato del leader russo, ha gridato “Putin! Putin! Putin!” a una folla sbandierata che echeggiava il suo canto.

Golos, un osservatore elettorale accusato dalle autorità di essere un agente straniero, ha registrato migliaia di violazioni, tra cui minacce contro gli osservatori. Alcuni individui sono stati mostrati alla telecamera mentre sembravano depositare pile di voti nelle urne.

Un pensionato di Mosca che ha dato il suo nome solo come Anatoly ha detto di aver votato Russia Unita perché era orgoglioso degli sforzi di Putin per ripristinare quello che vede come il legittimo status di grande potenza della Russia. Con un’affluenza ufficiale stimata intorno al 52%, ci sono stati segni di apatia. “Non vedo il motivo di votare”, ha detto un parrucchiere di Mosca. “Comunque per noi è tutto deciso”.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento