Home In evidenza Xi non c’è? Le speranze della COP26 si attenuano sulla probabile assenza del leader cinese

Xi non c’è? Le speranze della COP26 si attenuano sulla probabile assenza del leader cinese

by Nik Cooper

I leader della maggior parte dei più grandi emettitori di gas serra del mondo si riuniscono a Glasgow da domenica, con l’obiettivo di sfornare piani e fondi per inclinare il pianeta verso l’energia pulita. Ma l’uomo che gestisce la più grande industria al mondo non sarà lì.

L’attesa assenza del presidente cinese Xi Jinping dai colloqui potrebbe indicare che il più grande produttore mondiale di CO2 ha già deciso di non avere più concessioni da offrire al vertice sul clima COP26 delle Nazioni Unite in Scozia dopo tre importanti impegni dallo scorso anno, hanno affermato gli osservatori del clima.

Invece, la Cina sarà probabilmente rappresentata dal vice ministro dell’Ambiente Zhao Yingmin insieme al veterano Xie Zhenhua, che è stato riconfermato come principale inviato per il clima del paese all’inizio di quest’anno dopo una pausa di tre anni.

“Una cosa è chiara”, ha detto Li Shuo, consigliere senior per il clima di Greenpeace a Pechino. “La COP26 ha bisogno di un supporto di alto livello dalla Cina e da altri emettitori”.

Il capo della terza fonte mondiale di emissioni sul riscaldamento climatico, il primo ministro indiano Narendra Modi, si è impegnato a partecipare al vertice COP26, che si terrà dal 31 ottobre al 12 novembre.

Come altri leader, subirà le pressioni degli organizzatori del summit che si impegnano a ridurre le emissioni più rapidamente e a fissare una data obiettivo per raggiungere la neutralità del carbonio, un obiettivo fissato da Xi per il 2060 con una mossa a sorpresa l’anno scorso.

Ma la Cina non sarà disposta a essere vista cedere alle pressioni internazionali per obiettivi più ambiziosi, secondo un consulente ambientale, soprattutto perché è alle prese con una paralizzante crisi di approvvigionamento energetico in casa. Pechino è “già al limite”, ha detto il consulente, parlando a condizione di anonimato citando la delicatezza della questione.

Sebbene non ci sia stato alcun annuncio ufficiale, analisti e fonti diplomatiche hanno affermato che pochi si aspettavano che Xi partecipasse di persona alla COP26.

Ha già perso diversi vertici globali di alto profilo dall’inizio dell’epidemia di COVID-19 alla fine del 2019 e non ha partecipato fisicamente alla Conferenza sulla biodiversità globale a Kunming in Cina all’inizio di questo mese.

Hanno anche affermato che è improbabile che Xi presti la sua presenza fisica – un’apparizione video virtuale rimane una possibilità – a un incontro che aveva poche prospettive di svolta significativa, specialmente dopo che la Cina ha respinto i tentativi degli Stati Uniti di trattare il clima come un problema “autonomo” che potrebbe essere separato dalle più ampie controversie diplomatiche tra le due parti.

Piuttosto che fare ulteriori concessioni, la priorità assoluta di Cina e India è garantire un solido accordo di finanziamento che consenta ai paesi più ricchi di rispettare l’impegno dell’Accordo di Parigi di fornire 100 miliardi di dollari all’anno per aiutare a pagare l’adattamento climatico e trasferire tecnologia pulita nel mondo in via di sviluppo. Xi partecipò di persona al vertice di Parigi nel 2015.

Le preoccupazioni di Xi

Sebbene Xi non abbia viaggiato fuori dalla Cina da prima della pandemia, ha fatto tre importanti annunci sul clima sulla scena internazionale.

Il suo inaspettato impegno netto zero è arrivato in un video discorso all’Assemblea generale delle Nazioni Unite (UNGA) nel settembre 2020. Quell’annuncio ha incoraggiato le imprese, i settori industriali e persino altri paesi a rispondere con i propri piani d’azione zero netto.

Xi ha anche affermato in un messaggio al vertice dei leader sul clima guidato dagli Stati Uniti ad aprile che la Cina avrebbe iniziato a tagliare il consumo di carbone entro il 2026. E ha usato l’UNGA di quest’anno per annunciare la fine immediata del finanziamento del carbone all’estero, un importante pomo della discordia.

Come l’India, la Cina è stata sotto pressione per aggiungere più ambizione ai suoi “contributi determinati a livello nazionale” aggiornati sui cambiamenti climatici, che dovrebbero essere annunciati prima dell’inizio dei colloqui di Glasgow.

Tuttavia, le revisioni dovrebbero concentrarsi sull’attuazione degli obiettivi che sono già stati annunciati, piuttosto che renderli più ambiziosi.

La Cina ha ripetutamente sottolineato che le sue politiche climatiche sono progettate per servire le proprie priorità interne e non saranno perseguite a spese della sicurezza nazionale e del benessere pubblico.

Ma Jun, direttore dell’Institute of Public and Environmental Affairs, un gruppo non governativo con sede a Pechino che monitora l’inquinamento aziendale e le emissioni di gas serra, ha affermato che la Cina ha già abbastanza sfide climatiche da affrontare e ha poco margine di manovra per andare oltre a Glasgow.

La popolazione cinese conta più di un miliardo e mezzo di persone e, da sola, possiede un quinto della popolazione mondiale. Pensare di rivoluzionare un sistema che permetta a più di un miliardo di persone di avere energia elettrica pulita in poco tempo è impensabile e si rischia di fare le cose di fretta e male. Per questo, anche paesi come Cina e India, non solo quelli del terzo mondo, chiunque si trovi in difficoltà deve essere aiutato da tutti, ne va della nostra esistenza e non ne possiamo fare questioni di bandiera.

La rivoluzione energetica non è solo un’occasione per riuscire a salvare la terra da noi stessi, ma è anche un’opportunità per l’essere umano di trovare unità e coesione che vanno ben oltre l’amor di patria e l’attaccamento alle nostre bandiere nazionali.

La nostra forza sta nell’unione, ed è stata l’unica caratteristica che ha distinto l’essere umano dalle altre bestie; senza di essa non ci saremmo sviluppati, non avremmo avuto stimoli per evolverci e distinguerci dalle altre razze, e ci avrebbe condannati a vivere un’esistenza come scimmie nella foresta. Ora più di ieri bisogna rinnovare quella qualità che ci ha resi grandi.

Con tutti i venti contrari e tutti gli impegni presi, è importante fare il punto e consolidare. Non è sufficiente mettere questi impegni sulla carta. Bisogna tradurli in azioni concrete. Avanti!

Potrebbe interessarti

Lascia un commento