Home Attualità Gli Usa definiscono la Cina “la più seria minaccia a lungo termine” per l’ordine mondiale

Gli Usa definiscono la Cina “la più seria minaccia a lungo termine” per l’ordine mondiale

by Nik Cooper

Sono parole pesanti quelle del segretario di Stato americano, Antony Blinken, che ha delineato visioni contrastanti per il futuro della comunità internazionale.

L’orazione del segretario di Stato usa si è incentrata per lo più sullo stato monopartitico autoritario sempre più aggressivo ed espansivo della Cina e un’altra ancorata alla concezione del presidente Joe Biden di un baluardo di alleati e partner impegnati per la democrazia , i diritti umani e “l’ordine internazionale basato su regole”.

L’amministrazione Biden, dice Blinken, ha trascorso il suo primo anno in carica lavorando per garantire quest’ultimo. In un discorso alla George Washington University, ha affermato che Washington “ha sviluppato e implementato una strategia globale” nei confronti di Pechino “per sfruttare i nostri punti di forza nazionali e la nostra rete impareggiabile di alleati e partner per realizzare il futuro che cerchiamo”.

“La Cina è l’unico Paese con l’intento di rimodellare l’ordine internazionale e, sempre più, il potere economico, diplomatico, militare e tecnologico per farlo”, ha affermato Blinken.

“La visione di Pechino ci allontanerebbe dai valori universali che hanno sostenuto così tanto del progresso mondiale negli ultimi 75 anni”.

Blinken, che avrebbe dovuto pronunciare le sue osservazioni il 5 maggio, è stato costretto a rimandare dopo essere risultato positivo al Covid-19 il giorno precedente – ha continuato a insistere sul fatto che gli Stati Uniti non stanno “cercando un conflitto o una nuova Guerra Fredda. Al contrario, siamo determinati a evitare entrambi”.

“Non cerchiamo di bloccare la Cina dal suo ruolo di grande potenza, né di impedire alla Cina – o a qualsiasi altro paese, se è per questo – di far crescere la propria economia o promuovere gli interessi del proprio popolo”, ha affermato Blinken.

“Ma difenderemo e rafforzeremo il diritto internazionale, gli accordi, i principi e le istituzioni che mantengono la pace e la sicurezza, proteggeranno i diritti degli individui e delle nazioni sovrane e consentiranno a tutti i paesi, compresi gli Stati Uniti e la Cina, di coesistere e cooperare”.

Nonostante le loro prospettive divergenti, gli Stati Uniti e la Cina “dovranno confrontarsi tra loro nel prossimo futuro”, ha continuato Blinken. “Ecco perché questa è una delle relazioni più complesse e consequenziali di quelle che abbiamo oggi nel mondo”.

La risposta dell’ambasciata cinese a Washington, DC al discorso di Blinken non ha affrontato il suo contenuto specifico, ma ha fatto eco alla sua valutazione delle sfide che irritano le relazioni bilaterali.

“Le relazioni tra Cina e Stati Uniti sono ora a un bivio critico”, ha detto il portavoce dell’ambasciata Liu Pengyu in una dichiarazione. “Ci auguriamo che la parte statunitense lavorerà con la Cina per attuare seriamente l’intesa comune raggiunta da (Xi e Biden) per migliorare la comunicazione, gestire le differenze e concentrarsi sulla cooperazione, in modo da riportare le relazioni bilaterali sulla strada di uno sviluppo sano e costante in tempi brevi”.

Blinken ha evidenziato i potenziali rischi per la sicurezza degli Stati Uniti e i loro alleati rappresentati dall’alleanza della Cina con la Russia.

“Mentre la Russia si stava chiaramente mobilitando per invadere l’Ucraina, il presidente Xi e il presidente Putin hanno dichiarato che l’amicizia tra i loro paesi era, e cito, ‘senza limiti’ e questa settimana, poiché il presidente Biden era in Giappone, Cina e Russia hanno condotto strategiche pattuglie di bombardieri insieme nella regione”, ha detto Blinken.

Ma quel miscuglio di carote e bastoncini retorici ha confuso alcuni osservatori.

Infatti, da un lato, Blinken afferma che non c’è alcuna relazione conflittuale o guerra fredda con la Cina, ma, dall’altro, delinea i passaggi per gli Stati Uniti per modellare l’ambiente intorno a Pechino con un occhio all’avanzata degli interessi strategici degli Stati Uniti.

Il discorso di Blinken prepara il tavolo per una telefonata tra Biden e Xi che, secondo il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan, potrebbe avvenire entro poche settimane.

Ma le castagne messe sul fuoco dal braccio destro di Biden rivelano sempre più un’animale ferito rappresentato dagli Usa, che, sebbene vantino l’esercito più potente e tecnologico al mondo, hanno un economia che continua ad avere emorragie in ogni settore.

Le politiche messe in pratica dagli Usa negli ultimi 50 anni fanno pensare ad un impero quasi in decadenza e, dopo l’impressionante ascesa di Pechino sul palcoscenico internazionale, le amministrazioni che verranno dovranno ridimensionare le loro politiche interne ed esterne se vorranno tenere ancora testa al dragone.

Ma il rancore bilaterale di queste amministrazioni, Usa e Cina, hanno ostacolato qualsiasi progresso misurabile.

Il discorso di Blinken giovedì è arrivato pochi giorni dopo che Biden ha concluso il suo primo viaggio in Asia come presidente degli Usa, durante il quale ha raggiunto un accordo con una dozzina di nazioni indo-pacifiche per partecipare ai negoziati sulla sua iniziativa economica caratteristica nella regione, l’Indo-Pacific Economic Economic Struttura.

Blinken ha chiarito che una base fondamentale della strategia cinese dell’amministrazione è creare e rafforzare alleati e partnership in Asia. Ma gli osservatori si chiedono se lo sviluppo del partenariato internazionale della Cina stia superando quello degli Stati Uniti.

Il Quad è un gruppo geostrategico informale e l’IPEF non ha incentivi per l’accesso al commercio.

Ma la strategia cinese sulla politica estera è completamente diversa da quella degli Usa. Infatti la differenza nelle partnership che Pechino sta sviluppando, che sono accordi formali e strategici firmati che durano, è fondamentale per garantirsi una sicurezza della regione. Un vertice che non porta a un accordo firmato non appartiene ad una strategia vincente, ma l’amministrazione Biden pare non abbia capito questo dettaglio.

Il presidente Usa, tuttavia, pare abbia suscitato una notevole attenzione da parte dei media quando ha dichiarato a Tokyo che gli Stati Uniti sarebbero intervenuti militarmente per difendere Taiwan se l’isola fosse stata invasa dalla Cina.

Blinken ha trascorso più di due minuti del suo discorso ribadendo il sostegno degli Stati Uniti a Taiwan e denunciando quella che ha definito l’intimidazione militare “provocatoria” della Cina nei confronti dell’isola autonoma.

Ma Blinken lo sa che la Cina non conquista così, Hong Kong docet, e, a meno che non ci siano teatrini ad hoc che possono essere creati da una parte e dall’altra per scatenare la guerra, si sa che la minaccia intimidatoria degli Usa rimane un’ottima escamotage per fare pubblicità allo Zio Sam e per acquisire sempre più consenso internazionale. Infatti nessuno dei due colossi vorrebbe intraprendere un conflitto con l’altro; almeno per ora.

Pechino ha visto arrivare l’espressione di sostegno di Blinken a Taiwan e ha sparato un colpo retorico pre-discorso attraverso la prua.

Un editoriale sferragliante dell’ambasciatore cinese negli Stati Uniti, Qin Gang, è apparso sul South China Morning Post poche ore prima del discorso di Blinken, avvertendo dei pericoli della relazione USA-Taiwan.

“Noi incoraggeranno i separatisti [taiwanesi] e trasformeranno lo Stretto di Taiwan in una pericolosa chiave di polvere … non scenderemo mai a compromessi né ci tireremo indietro”, scrive l’ambasciatore cinese.

Ma ora la temperatura si sta alzando inutilmente e Biden ha anche accolto i leader dell’Associazione delle nazioni del sud-est alla Casa Bianca all’inizio di questo mese per un vertice speciale, il primo di questi incontri tenutosi a Washington, DC.

L’intenso attacco della diplomazia asiatica, coronato dal discorso di Blinken di giovedì, ha evidenziato la forte propaganda Usa per unire gli alleati intorno alla Casa Bianca e creare timori e preoccupazioni negli incerti che non si sono ancora legati a doppio filo con gli Usa.

Biden ha cercato di dare la priorità alla regione al momento del suo insediamento, ma i funzionari statunitensi sono stati ampiamente consumati da febbraio dall’invasione russa dell’Ucraina.

Blinken ha fatto riferimento a quel conflitto nelle sue osservazioni, promettendo che “anche mentre la guerra del presidente Putin continua, rimarremo concentrati sulla più seria sfida a lungo termine all’ordine internazionale”, la leadership mondiale con la Repubblica popolare cinese.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento