Home In evidenza Facebook non ha avvisato mezzo miliardo di utenti interessati dalla fuga di dati

Facebook non ha avvisato mezzo miliardo di utenti interessati dalla fuga di dati

by Freelance

Di Gaia Marino

Facebook Inc non ha notificato agli oltre 530 milioni di utenti i cui dettagli sono stati ottenuti attraverso l’uso improprio di una funzionalità prima del 2019 e recentemente resi pubblici in un database, e attualmente non ha intenzione di farlo, ha detto un portavoce della società mercoledì.

Business Insider ha riferito la scorsa settimana che i numeri di telefono e altri dettagli dei profili utente erano disponibili in un database pubblico. Facebook ha affermato in un post sul blog martedì che “attori malintenzionati” avevano ottenuto i dati prima di settembre 2019 “raschiando” i profili utilizzando una vulnerabilità nello strumento della piattaforma per sincronizzare i contatti.

Il portavoce di Facebook ha affermato che la società di social media non era sicura di avere piena visibilità su quali utenti avrebbero bisogno di essere informati. Ha detto che ha anche tenuto conto del fatto che gli utenti non potevano risolvere il problema e che i dati erano disponibili pubblicamente. Facebook ha detto di aver tappato il buco dopo aver identificato il problema in quel momento.

Le informazioni raschiate non includevano informazioni finanziarie, informazioni sanitarie o password, ha detto Facebook. Tuttavia, i dati raccolti potrebbero fornire informazioni preziose per hack o altri abusi.

Facebook, che è stato a lungo sotto esame su come gestisce la privacy degli utenti, nel 2019 ha raggiunto un accordo fondamentale con la Federal Trade Commission degli Stati Uniti per le sue indagini sulle accuse secondo cui la società ha utilizzato in modo improprio i dati degli utenti.

La Commissione irlandese per la protezione dei dati, il principale regolatore dell’Unione europea per Facebook, ha dichiarato martedì di aver contattato la società in merito alla fuga di dati. Ha detto di non aver ricevuto “nessuna comunicazione proattiva da Facebook”.

L’accordo FTC di luglio 2019 richiede a Facebook di segnalare i dettagli sull’accesso non autorizzato ai dati su 500 o più utenti entro 30 giorni dalla conferma di un incidente.

Il portavoce di Facebook ha rifiutato di commentare le conversazioni della società con le autorità di regolamentazione, ma ha detto che era in contatto per rispondere alle loro domande.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento