Home In evidenza Djokovic trattato come un terrorista mentre gli avvocati si battono per il divieto d’ingresso in Australia

Djokovic trattato come un terrorista mentre gli avvocati si battono per il divieto d’ingresso in Australia

by Romano Franco

E’ un trattamento che si addice più a quello di un terrorista che di un campione internazionale di Tennis quello riservato a Novak Djokovic, entrato in Australia nelle ultime ore.

E’ l’ultima frontiera del virus dell’imbecillità che non si limita solo a punire chi non si attiene a regole dettate da governi di incapaci e dalla scienza superficiale, che hanno affrontato la pandemia di covid19 paragonandola più ad un morbillo che ad una influenza, ma danneggia gravemente immagine e figura di chi, come Djokovic, ha già contratto il virus e non crede, in base ai dati e alle statistiche, di appartenere ad una categoria a rischio per quanto riguarda la malattia.

Che abbia uno status di privilegiato sulla faccia della terra non vi è dubbio alcuno, in pochi godono dell’influenza, della stima e della rilevanza internazionale della star serba; e come sportivo, a differenza del politico, non è tenuto a tenere un comportamento sempre “politically correct”.

Al tennista numero uno al mondo Novak Djokovic è stato negato l’ingresso in Australia giovedì nel mezzo di una tempesta di proteste per la decisione di concedergli un’esenzione medica dai requisiti di vaccinazione COVID-19 per giocare agli Australian Open.

La star del tennis era rintanata in un hotel di quarantena a Melbourne mentre i suoi avvocati chiedevano un’ingiunzione urgente per consentirgli di rimanere nel paese dopo essere stato detenuto dai funzionari al confine.

La saga, alimentata dal punteggio politico interno sulla gestione da parte del paese di un’impennata record di nuove infezioni da COVID-19, ha creato un incidente internazionale con il presidente serbo che ha rivendicato le molestie nei confronti del suo giocatore di punta.

“Non ci sono casi speciali, le regole sono regole”, ha detto il primo ministro australiano Scott Morrison in un briefing televisivo.

“Continueremo a prendere le decisioni giuste quando si tratta di proteggere i confini australiani in relazione a questa pandemia”.

Eliminare il tampone come controllo per indurre la gente a vaccinarsi è una mossa discutibile ma comprensibile in un certo senso, ma per i cittadini di quel Paese, ma nel caso di Djokovic, tennista internazionale, monitorato 24 ore su 24, è difficile trovare un senso all’obiezione del governo quando si chiede più controllo e monitoraggio sulle condizioni di salute di una star internazionale di tennis del suo calibro. In pochi sono controllati dal punto di vista medico come il campione serbo.

Djokovic, che ha costantemente rifiutato di rivelare il suo stato di vaccinazione mentre criticava pubblicamente i vaccini obbligatori, ha dato il via al furore quando ha affermato su Instagram di aver ricevuto un’esenzione medica per perseguire una 21a vittoria da record del Grande Slam all’Open a partire dal 17 gennaio.

L’annuncio ha suscitato proteste in Australia, in particolare nella città ospitante del torneo di Melbourne, che ha subito il blocco cumulativo più lungo del mondo per scongiurare il coronavirus.

Il tasso di vaccinazione degli adulti australiani è di circa il 91% è elevato per gli standard internazionali e c’è poca simpatia pubblica per coloro che rifiutano di essere vaccinati, poiché la variante Omicron invia i numeri dei casi a livelli record.

Tuttavia, la mossa del governo australiano di bloccare il suo ingresso ha causato disordini tra Canberra e Belgrado.

Il presidente serbo Aleksandar Vucic ha dichiarato su Twitter di aver parlato con Djokovic per rassicurare il giocatore “che tutta la Serbia è con lui e che i nostri corpi stanno facendo di tutto per far sì che le molestie nei confronti del miglior tennista del mondo cessino immediatamente”.

Morrison si è detto consapevole che “sono state fatte delle dichiarazioni” dall’ambasciata serba a Canberra e ha negato le accuse di molestie.

Morrison ha affermato che si trattava di un caso individuale e ha notato che Djokovic aveva attirato l’attenzione, un possibile riferimento ai suoi commenti anti-vaccinazione e al post su Instagram.

UDIENZA

Il padre di Djokovic ha detto ai media in Serbia che suo figlio è stato introdotto in una stanza di isolamento sotto la guardia della polizia quando è atterrato all’aeroporto Tullamarine di Melbourne verso le 23:30.

L’udienza presso il Federal Circuit and Family Court of Australia è stata aggiornata alle 18:00. dopo che il giudice Anthony Kelly ha dichiarato di non aver ricevuto documenti dagli avvocati di Djokovic.

Il tribunale ha riservato un’udienza completa per lunedì per il caso, ma gli avvocati del governo si sono riservati il ​​diritto di chiedere una sentenza per rimuovere Djokovic dal paese prima dell’udienza.

Nick Wood, un avvocato di Djokovic, ha detto al giudice che Tennis Australia aveva consigliato di sapere della sua partecipazione al torneo entro martedì. In risposta, Kelly ha detto che “la coda non scodinzolerà”.

Il destino di Djokovic è legato a una lotta politica in Australia, caratterizzata dalla lotta costante tra l’amministrazione conservatrice di Morrison e il governo vittoriano di sinistra guidato dal premier Dan Andrews.

Il litigio ha oscurato il fatto che le infezioni quotidiane da COVID-19 in Australia hanno raggiunto un record per il quarto giorno consecutivo, con nuovi casi che superano i 72.000, travolgendo gli ospedali e causando carenza di manodopera. Non per colpa di Djokovic, si vuole ricordare.

Secondo il sistema federale australiano, stati e territori possono emettere esenzioni dai requisiti di vaccinazione per entrare nelle loro giurisdizioni. Tuttavia, il governo federale controlla i confini internazionali e può contestare tali esenzioni.

Djokovic si è recato in Australia dopo aver ricevuto un’esenzione dal governo vittoriano. Tale esenzione – i cui motivi non sono noti – ha sostenuto il suo visto rilasciato dal governo federale.

Al suo arrivo, tuttavia, i funzionari della Federal Border Force all’aeroporto hanno affermato che Djokovic non era in grado di giustificare i motivi della sua esenzione.

La task force australiana che stabilisce i parametri di esenzione elenca il rischio di gravi malattie cardiache da inoculazione e un’infezione da COVID-19 negli ultimi sei mesi come qualificazioni.

Tuttavia, Morrison ha dichiarato giovedì che Tennis Australia era stato informato settimane fa che una recente infezione non soddisfaceva i criteri per l’esenzione.

Tennis Australia e funzionari del governo hanno affermato che Djokovic non ha ricevuto alcun trattamento preferenziale, aggiungendo che era tra “una manciata” di approvazioni in una valutazione anonima e indipendente di 26 domande.

Il serbo ha vinto nove titoli al Melbourne Park, inclusi gli ultimi tre, ma probabilmente affronterà un pubblico difficile se scenderà in campo la prossima settimana.

“Penso che potrebbe diventare brutto”, ha detto a News Corp il grande tennista australiano Rod Laver, da cui prende il nome lo showcourt principale. “Penso che il popolo vittoriano penserebbe ‘Sì, mi piacerebbe vederlo giocare e competere , ma allo stesso tempo c’è un modo giusto e un modo sbagliato’.

Paul McNamee, ex direttore del torneo Australian Open e professionista di tennis, ha affermato che Djokovic ha seguito i passaggi necessari per ottenere un visto.

“Secondo me si merita la sua giornata in campo, non in tribunale”, ha detto McNamee alla ABC TV.

E se il vaccino fatto non venisse riconosciuto dal governo australiano… In quel caso cosa si fa? Vaccinare i propri cittadini per proteggerli, anche se in maniera lieve, è una cosa che va a rigor di logica per quanto riguarda il benessere della popolazione.

Come un vaccinato, anche un tamponato può contagiarsi subito dopo aver effettuato il tampone però, per la legge dei grandi numeri, è comunque più monitorato del vaccinato stesso.

Quindi, per i turisti e i visitatori, si può fare un ragionamento completamente diverso rispetto ai cittadini.

Siccome l’obiettivo rimane quello di importare il minor numero possibile di contagiati è meglio che siano monitorati ogni 24 o 48 ore, piuttosto che avere la garanzia di un vaccino che non serve in alcun modo per lo screening ma solo ed esclusivamente come mezzo di difesa dalla malattia. Motivo per cui l’Italia ha giustamente introdotto l’obbligo del tampone oltre al green pass europeo.

Se, per turismo o per lavoro, una persona si controlla e viene monitorata tutto il giorno con tamponi costanti, come il caso di Djokovic, corre meno rischi di contagiare di un vaccinato; secondo una certa ratio.

Quindi, se l’obiettivo rimane quello di non far diffondere il virus si possono applicare al campione serbo le restrizioni del caso; pure se discutibili, visto il suo status da privilegiato.

Ma la campagna di odio e discriminazione nei confronti di chi si oppone al pensiero unico è appena cominciata, e scusate tanto se non partecipiamo a questa folkloristica caccia alle streghe. #Iostocondjokovic.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento