Home Cronaca Clima: Il secondo mandato di Trump sarebbe una catastrofe per il riscaldamento globale, secondo le Nazioni Unite

Clima: Il secondo mandato di Trump sarebbe una catastrofe per il riscaldamento globale, secondo le Nazioni Unite

by Nik Cooper

Una seconda presidenza Donald Trump sarebbe un colpo mortale per il riscaldamento globale a 1,5 gradi, ha affermato il capo del clima delle Nazioni Unite uscente.

A Patricia Espinosa è stato chiesto se credeva che un ritorno di Trump alla Casa Bianca – o un altro personaggio con politiche climatiche simili – avrebbe posto fine a qualsiasi speranza di raggiungere l’obiettivo di riduzione del cambiamento climatico dell’accordo di Parigi.

Espinosa ha risposto: “Sì. Beh, diciamo di sì.” Gli scienziati affermano che oltre il limite di 1,5 gradi, gli impatti dei cambiamenti climatici diventano sempre più gravi.

Quando l’ex presidente degli Stati Uniti è uscito dall’Accordo di Parigi e ha posto fine alla maggior parte delle forme di finanziamento per controllare il riscaldamento globale, il mondo andava nella direzione sbagliata secondo gli esperti.

Senza la spinta del secondo più grande inquinatore del mondo e della più grande economia, “non siamo riusciti a ottenere lo stesso livello di trazione nel processo”.

“Penso che sia qualcosa che non possiamo più permetterci. Data l’urgenza della situazione”, ha detto.

Eppure, ci sono poche indicazioni che Trump, o il suo partito repubblicano, siano pronti a rinunciare al loro sostegno ai combustibili fossili.

“Ci sono interessi economici molto importanti e probabilmente anche alcune resistenze sociali” che vanno contro gli sforzi per il clima negli Stati Uniti, ha detto Espinosa.

Ma spera che un'”analisi obiettiva e specifica” degli interessi degli Stati Uniti, piuttosto che una basata sull'”ideologia”, porti alla conclusione che agire sui cambiamenti climatici porterebbe benefici e rappresenterebbe un’opportunità economica.

Tra poche settimane, Espinosa lascerà il suo lavoro di segretaria esecutiva della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) dopo sei anni tumultuosi.

Ha preso il potere subito dopo la conclusione dell’accordo di Parigi nel 2015 e ha supervisionato numerosi shock: l’elezione di Trump e il ritiro degli Stati Uniti dall’accordo, una rivolta in Cile che ha costretto la conferenza COP25 a essere rapidamente trasferita a Madrid, COVID e ora l’invasione di Ucraina.

Nel frattempo, gli scienziati del clima hanno fornito previsioni sempre più cupe sulle conseguenze umane ed economiche del riscaldamento del pianeta, mentre le emissioni di gas serra continuano ad aumentare.

I governi possono fare solo tanta differenza con la regolamentazione e il denaro pubblico. La vera azione consiste nel muovere miliardi nel settore finanziario, rendere più ecologici i finanziamenti multilaterali per lo sviluppo e cambiare la politica aziendale.

La Convenzione delle Nazioni Unite sul clima ha appena compiuto 30 anni. Nonostante alcuni progressi, le prospettive che porti a termine la sua missione per tenere a freno il riscaldamento globale sono ancora lontane anni luce.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento