Home News 7 giugno 1893, Gandhi si ribella

7 giugno 1893, Gandhi si ribella

by Freelance

Di Eugenio Magnoli

In un evento che avrebbe rivoluzionato la società indiana, Mohandas K. Gandhi, un giovane avvocato indiano che lavorava in Sud Africa, si rifiutò di rispettare le regole di segregazione razziale su un treno sudafricano e viene espulso con la forza a Pietermaritzburg.

Nato in India e formatosi in Inghilterra, Gandhi si recò in Sud Africa all’inizio del 1893 per esercitare la professione legale con un contratto di un anno.

Stabilitosi a Natal, fu subito preso di mira dalle leggi razziali sudafricane che limitavano i diritti dei lavoratori indiani.

Gandhi in seguito ricordò uno di questi incidenti, in cui venne stato rimosso da uno scompartimento ferroviario di prima classe e gettato da un treno. Da quel momento decise di combattere l’ingiustizia e di difendere i suoi diritti di indiano e di uomo.

Quando il suo contratto scadde, decise spontaneamente di rimanere in Sud Africa e di lanciare una campagna contro una legislazione che avrebbe privato gli indiani del diritto di voto.

Ha formato il Natal Indian Congress e ha attirato l’attenzione internazionale sulla difficile situazione degli indiani in Sud Africa.

Nel 1906, il governo del Transvaal cercò di limitare ulteriormente i diritti degli indiani e Gandhi organizzò la sua prima campagna di satyagraha, o disobbedienza civile di massa. Dopo sette anni di proteste, negoziò un accordo di compromesso con il governo sudafricano.

Nel 1914 Gandhi tornò in India e visse una vita di astinenza e spiritualità alla periferia della politica indiana.

Sostenne la Gran Bretagna nella prima guerra mondiale, ma nel 1919 lanciò un nuovo satyagraha in segno di protesta contro la leva militare obbligatoria degli indiani per la Gran Bretagna.

Centinaia di migliaia avevano risposto alla sua chiamata di protesta e nel 1920 divenne capo del movimento indiano per l’indipendenza.

Sempre non violento, affermò l’unità di tutte le persone sotto un unico Dio e predicò l’etica cristiana e musulmana insieme ai suoi insegnamenti indù. Le autorità britanniche lo incarcerarono più volte, ma il suo seguito è stato così grande che venne sempre rilasciato.

Dopo la seconda guerra mondiale, fu una figura di spicco nei negoziati che portarono all’indipendenza dell’India nel 1947.

Pur salutando la concessione dell’indipendenza indiana come “l’atto più nobile della nazione britannica”, fu angosciato dalla diatriba religiosa tra India e Pakistan.

Quando nel 1947 scoppiò la violenza tra indù e musulmani in India, ricorse a digiuni e visite nelle aree problematiche nel tentativo di porre fine al conflitto religioso in India.

Il 30 gennaio 1948, era in una di queste veglie di preghiera a Nuova Delhi quando venne colpito a morte da Nathuram Godse, un estremista indù che si oppose alla tolleranza di Gandhi per i musulmani.

Conosciuto come Mahatma, o “la grande anima”, durante la sua vita, i metodi persuasivi di disobbedienza civile di Gandhi influenzarono diversi leader dei movimenti per i diritti civili in tutto il mondo, in particolare Martin Luther King, Jr., negli Stati Uniti.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento