Home Approfondimenti 7 febbraio 1964, i Beatles sbarcano per la prima volta a New York rivoluzionando drasticamente il concetto di “Star”

7 febbraio 1964, i Beatles sbarcano per la prima volta a New York rivoluzionando drasticamente il concetto di “Star”

by Freelance

Di Eugenio Magnoli

Il 7 febbraio 1964, il volo 101 della Pan Am Yankee Clipper da Londra Heathrow atterra all’aeroporto Kennedy di New York e arriva “Beatlemania”. Era la prima visita negli Stati Uniti dei Beatles, un quartetto rock-and-roll britannico che aveva appena ottenuto il suo primo successo negli Stati Uniti numero 1 sei giorni prima con “I Want to Hold Your Hand”.

Al Kennedy, i “Fab Four” – vestiti con abiti da mod e sfoggiando i loro tipici tagli di capelli a forma di “pudding bowl”, ciotola di budino – sono stati accolti da 3000 fan urlanti che hanno causato una sommossa quando i ragazzi sono scesi dall’aereo e sul suolo americano.

Due giorni dopo, Paul McCartney, 21 anni, Ringo Starr, 23, John Lennon, 23 e George Harrison, 20, hanno fatto la loro prima apparizione all’Ed Sullivan Show, un popolare programma televisivo di varietà. Sebbene fosse difficile ascoltare la performance sopra le urla delle ragazze adolescenti tra il pubblico in studio, si stima che 73 milioni di telespettatori statunitensi, o circa il 40% della popolazione statunitense, si siano sintonizzati per guardare.

Sullivan prenotò immediatamente i Beatles per altre due apparizioni quel mese. Il gruppo ha fatto la sua prima apparizione in un concerto pubblico negli Stati Uniti l’11 febbraio al Coliseum di Washington, D.C., e hanno partecipato 20.000 fan. Il giorno successivo, hanno tenuto due esibizioni consecutive alla Carnegie Hall di New York e la polizia è stata costretta a chiudere le strade intorno al venerabile music hall a causa dell’isteria dei fan. Il 22 febbraio i Beatles tornarono in Inghilterra.

Il primo tour americano dei Beatles ha lasciato un’impronta importante nella memoria culturale della nazione. Con la gioventù americana pronta a staccarsi dal panorama culturalmente rigido degli anni ’50, i Beatles, con la loro musica esuberante e la loro bonaria ribellione, furono il catalizzatore perfetto per il cambiamento.

I loro singoli e album vendettero milioni di dischi e ad un certo punto, nell’aprile 1964, tutti e cinque i singoli più venduti negli Stati Uniti erano canzoni dei Beatles. Quando il primo lungometraggio dei Beatles, A Hard Day’s Night, uscì ad agosto, la Beatlemania era un’epidemia in tutto il mondo. Più tardi quel mese, i quattro ragazzi di Liverpool tornarono negli Stati Uniti per il loro secondo tour e suonarono in arene sold-out in tutto il paese.

Successivamente, i Beatles smisero di andare in tour per concentrarsi sulle loro innovative registrazioni in studio, come Sgt. Pepper’s Lonely Heart’s Club Band, un concept album psichedelico considerato un capolavoro di musica popolare. La musica dei Beatles è rimasta rilevante per i giovani durante i grandi cambiamenti culturali degli anni ’60 e i critici di tutte le età hanno riconosciuto il genio della scrittura di canzoni della squadra di Lennon-McCartney. Nel 1970, i Beatles si sciolsero, lasciando un’eredità di 18 album e 30 singoli nella Top 10 degli Stati Uniti.

Durante il decennio successivo, tutti e quattro i Beatles intrapresero una carriera da solista, con successo variabile. Lennon, il Beatle più schietto e controverso, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco da un fan squilibrato fuori dal suo condominio di New York nel 1980. McCartney è stato nominato cavaliere dalla regina Elisabetta II nel 1997 per il suo contributo alla cultura britannica. Nel novembre 2001, George Harrison è morto di cancro. Ringo Starr è stato nominato cavaliere per “servizi alla musica” nel 2018.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento