Home In evidenza 11 settembre 2001: A 20 anni dal giorno più buio della storia americana

11 settembre 2001: A 20 anni dal giorno più buio della storia americana

by Freelance

Sono passati 20 anni da quel fatidico martedì 11 settembre 2001, quando 19 militanti associati al gruppo estremista islamico di al Qaeda hanno dirottato quattro aerei e hanno compiuto attacchi suicidi contro obiettivi negli Stati Uniti.

Due si abbatterono sulle torri gemelle, sede del World Trade Center a New York City, un terzo aereo colpì il Pentagono appena fuori Washington, DC, e il quarto aereo si schiantò in un campo a Shanksville, in Pennsylvania, dopo una rivolta dei passeggeri. Quasi 2.996 persone furono uccise durante gli attacchi terroristici dell’11 settembre.

Le conseguenze di quei terribili attacchi innescarono una pesante risposta da parte degli statunitensi che iniziarono una guerra contro il terrorismo, alla guida degli alleati e dell’Occidente, durata quasi 20 anni e conclusasi esattamente 11 giorni fa.

Martedì 11 settembre 2001

L’11 settembre 2001, alle 8:45 di un limpido martedì mattina, un Boeing 767 dell’American Airlines carico di 20.000 galloni di carburante per jet si è schiantato contro la torre nord del World Trade Center a New York City.

L’impatto ha lasciato un buco aperto e in fiamme vicino all’80° piano del grattacielo di 110 piani, uccidendo all’istante centinaia di persone e intrappolandone altre centinaia nei piani più alti.

Mentre iniziava l’evacuazione della torre e della sua gemella, le telecamere hanno trasmesso immagini in diretta di quello che inizialmente sembrava essere uno strano incidente.

Quindi, 18 minuti dopo l’impatto del primo aereo, un secondo Boeing 767, il volo United Airlines 175, è apparso dal cielo, ha girato bruscamente verso il World Trade Center e si è abbattuto sulla torre sud vicino al sessantesimo piano.

La collisione ha causato una massiccia esplosione che ha riversato detriti in fiamme sugli edifici circostanti e sulle strade sottostanti. Divenne subito chiaro che l’America era sotto attacco.

Mentre milioni di persone osservavano lo svolgersi degli eventi a New York, il volo 77 dell’American Airlines ha sorvolato il centro di Washington, DC, prima di schiantarsi contro il lato ovest del quartier generale militare del Pentagono alle 9:45.

Il carburante del jet del Boeing 757 aveva causato un inferno devastante che ha portato al crollo strutturale di una parte del gigantesco edificio in cemento, che è il quartier generale del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

In tutto, 125 tra militari e civili sono stati uccisi nel Pentagono, insieme a tutte le 64 persone a bordo dell’aereo di linea.

Meno di 15 minuti dopo che i terroristi hanno colpito il centro nevralgico delle forze armate statunitensi, l’orrore a New York ha preso una svolta catastrofica quando la torre sud del World Trade Center è crollata in un’enorme nuvola di polvere e fumo.

L’acciaio strutturale del grattacielo, costruito per resistere a venti superiori a 200 miglia all’ora e un grande incendio convenzionale, non poteva resistere al tremendo calore generato dal carburante in fiamme.

Alle 10:30 crolla l’edificio nord delle torri gemelle. Solo sei persone nelle torri del World Trade Center al momento del loro crollo sono sopravvissute. Quasi 10.000 altri sono stati curati per lesioni, molte gravi.

Nel frattempo, un quarto aereo diretto in California, il volo United 93, è stato dirottato circa 40 minuti dopo aver lasciato il Newark Liberty International Airport nel New Jersey. Poiché l’aereo era in ritardo nel decollo, i passeggeri a bordo hanno appreso degli eventi a New York e Washington tramite telefono cellulare e chiamate Airfone a terra.

Sapendo che l’aereo non stava tornando in un aeroporto come hanno affermato i dirottatori, un gruppo di passeggeri e assistenti di volo ha pianificato un’insurrezione.

Uno dei passeggeri, Thomas Burnett, Jr., ha detto a sua moglie al telefono che “So che moriremo tutti. Siamo in tre. faremo qualcosa al riguardo. Ti amo tesoro.” Un altro passeggero, Todd Beamer, è stato sentito dire “Siete pronti ragazzi? Rotoliamo” su una linea aperta.

Sandy Bradshaw, un’assistente di volo, ha chiamato suo marito e ha spiegato che si era infilata in una cambusa e stava riempiendo brocche di acqua bollente. Le sue ultime parole per lui furono: “Tutti corrono in prima classe. Devo andare. Ciao”.

I passeggeri hanno combattuto i quattro dirottatori e si sospetta che abbiano attaccato la cabina di pilotaggio con un estintore. L’aereo si è poi capovolto e si è schiantato verso il suolo a una velocità superiore a 500 miglia all’ora, schiantandosi in un campo rurale vicino a Shanksville, nella Pennsylvania occidentale, alle 10:10.

I “nemici” dell’America

I dirottatori erano terroristi islamici provenienti dall’Arabia Saudita e da diverse altre nazioni arabe. Secondo quanto riferito, erano finanziati dall’organizzazione terroristica al Qaeda del fuggitivo saudita Osama bin Laden e avrebbero agito in rappresaglia per il sostegno americano a Israele, il suo coinvolgimento nella guerra del Golfo Persico e la sua continua presenza militare in Medio Oriente.

Alcuni dei terroristi vivevano negli Stati Uniti da più di un anno e avevano preso lezioni di volo nelle scuole di volo commerciali americane. Altri si erano infiltrati nel paese nei mesi precedenti l’11 settembre e avevano agito come “muscolo” nell’operazione.

I 19 terroristi hanno facilmente fatto passare taglierini e coltelli attraverso i controlli di sicurezza in tre aeroporti della costa orientale e sono saliti a bordo di quattro voli di prima mattina diretti in California, scelti perché gli aerei erano carichi di carburante per il lungo viaggio transcontinentale. Poco dopo il decollo, i terroristi hanno sequestrato i quattro aerei e ne hanno preso i comandi, trasformando i normali aerei passeggeri in missili guidati.

I morti

Un totale di 2.996 persone sono state uccise negli attacchi dell’11 settembre, compresi i 19 dirottatori terroristi a bordo dei quattro aeroplani. Cittadini di 78 paesi diversi sono morti a New York, Washington, DC e Pennsylvania.

Al World Trade Center, 2.763 sono morti dopo che i due aerei si sono schiantati contro le torri gemelle. Quella cifra include 343 vigili del fuoco e paramedici, 23 agenti di polizia di New York City e 37 agenti di polizia della Port Authority che stavano lottando per completare l’evacuazione degli edifici e salvare gli impiegati intrappolati ai piani superiori.

Al Pentagono sono morte 189 persone, di cui 64 sul volo 77 dell’American Airlines, l’aereo di linea che ha colpito l’edificio. Sul volo 93, 44 persone sono morte quando l’aereo si è schiantato in Pennsylvania.

La risposta dell’Occidente

Alle 19:00, il presidente George W. Bush, che si trovava in Florida al momento degli attacchi e aveva passato la giornata a essere trasportato in giro per il paese a causa di problemi di sicurezza, è tornato alla Casa Bianca.

Alle 21:00, ha pronunciato un discorso televisivo dallo Studio Ovale, dichiarando: “Gli attacchi terroristici possono scuotere le fondamenta dei nostri edifici più grandi, ma non possono toccare le fondamenta dell’America. Questi atti frantumano l’acciaio, ma non possono intaccare l’acciaio della determinazione americana”.

In riferimento all’eventuale risposta militare degli Stati Uniti, ha dichiarato: “Non faremo distinzioni tra i terroristi che hanno commesso questi atti e quelli che li ospitano”.

L’operazione Enduring Freedom, lo sforzo internazionale guidato dagli americani per cacciare il regime talebano in Afghanistan e distruggere la rete terroristica di Osama bin Laden con sede lì, è iniziata il 7 ottobre. Nel giro di due mesi, le forze statunitensi avevano effettivamente rimosso i talebani dal potere operativo, ma la guerra è continuata, mentre le forze statunitensi e della coalizione tentavano di sconfiggere una campagna di insurrezione talebana con sede nel vicino Pakistan.

Osama bin Laden, la mente dietro gli attacchi dell’11 settembre, è rimasto in libertà fino al 2 maggio 2011, quando è stato presumibilmente rintracciato e ucciso dalle forze statunitensi in un nascondiglio ad Abbottabad, in Pakistan. Nel giugno 2011, l’allora presidente Barack Obama ha annunciato l’inizio del ritiro delle truppe su larga scala dall’Afghanistan; ci volle fino all’agosto 2021 perché tutte le forze statunitensi si ritirassero.

Viene creata la Homeland Security

Sulla scia dei timori per la sicurezza sollevati dall’11 settembre e dell’invio di lettere contenenti antrace che hanno ucciso due persone e ne hanno infettate 17, l’Homeland Security Act del 2002 ha creato il Department of Homeland Security.

Oggi, il Dipartimento per la sicurezza interna è un gabinetto responsabile della prevenzione degli attacchi terroristici, della sicurezza delle frontiere, dell’immigrazione e delle dogane, del soccorso e della prevenzione dei disastri.

L’atto è stato seguito due giorni dopo dalla formazione della Commissione nazionale sugli attacchi terroristici agli Stati Uniti. La “Commissione 11 settembre” bipartisan, come venne chiamata, fu incaricata di indagare sugli eventi che portarono all’11 settembre. Il rapporto della Commissione sull’11 settembre è stato pubblicato il 22 luglio 2004. Ha nominato Khalid Sheikh Mohammed, la mente accusata dietro l’11 settembre, “il principale artefice degli attacchi dell’11 settembre”.

Mohammed ha guidato le operazioni di propaganda per al Qaeda dal 1999 al 2001. È stato catturato il 1 marzo 2003 dalla Central Intelligence Agency e dall’Inter-Services Intelligence del Pakistan e interrogato prima di essere imprigionato nel campo di detenzione di Guantanamo Bay con altri quattro terroristi accusati di crimini di guerra legati all’11 settembre.

L’uso della tortura, compreso il waterboarding, durante l’interrogatorio di Khalid Sheikh Mohammed ha ricevuto attenzione internazionale.

Impatto economico dell’11 settembre

Gli attacchi dell’11 settembre hanno avuto un effetto negativo immediato sull’economia degli Stati Uniti. Molte istituzioni di Wall Street, inclusa la Borsa di New York, sono state evacuate durante gli attacchi. Il primo giorno di negoziazione dopo gli attacchi, il mercato è sceso del 7,1%, pari a 684 punti. La sola economia di New York ha perso 143.000 posti di lavoro al mese e $ 2,8 miliardi di salari nei primi tre mesi. Le perdite più pesanti sono state nella finanza e nel trasporto aereo, che hanno rappresentato il 60 percento dei posti di lavoro persi. Il costo stimato del danno al World Trade Center è di 60 miliardi di dollari. Il costo per pulire i detriti a Ground Zero è stato di $ 750 milioni.

Migliaia di primi soccorritori e persone che lavorano e vivono nella parte bassa di Manhattan vicino a Ground Zero sono stati esposti a fumi tossici e particelle emanati dalle torri mentre bruciavano e cadevano. Entro il 2018, a 10.000 persone è stato diagnosticato un cancro correlato all’11 settembre.

Dal 2001 al 2004, oltre 7 miliardi di dollari di risarcimento sono stati dati alle famiglie delle vittime dell’11 settembre e alle 2.680 persone ferite negli attacchi. Il finanziamento è stato rinnovato il 2 gennaio 2011, quando il presidente Barack Obama ha convertito in legge il James Zadroga 9/11 Health and Compensation Act che prende il nome da James Zadroga, un ufficiale di polizia di New York che è morto per malattie respiratorie contratte dopo aver salvato le persone dalle macerie a Ground Zero, la legge ha continuato a monitorare la salute e il risarcimento per i primi soccorritori e i sopravvissuti dell’11 settembre.

Nel 2015, i finanziamenti per il trattamento delle malattie legate all’11 settembre sono stati rinnovati per altri cinque anni per un totale di 7,4 miliardi di dollari. Il Fondo di indennizzo per le vittime avrebbe dovuto smettere di accettare richieste di risarcimento nel dicembre 2020.

Il 29 luglio 2019, l’allora presidente Trump ha firmato una legge che autorizzava il sostegno al Fondo di indennizzo per le vittime dell’11 settembre fino al 2092. In precedenza, gli amministratori avevano ridotto i benefici fino al 70% quando il fondo di 7,4 miliardi di dollari si era esaurito. I lobbisti vocali per il fondo includevano Jon Stewart, il primo soccorritore dell’11 settembre John Feal e il detective in pensione del Dipartimento di polizia di New York e il soccorritore dell’11 settembre Luis Alvarez, morto di cancro 18 giorni dopo aver testimoniato davanti al Congresso.

Il 18 dicembre 2001, il Congresso ha approvato la nomina dell’11 settembre “Giornata del patriota” per commemorare l’anniversario degli attacchi dell’11 settembre. Nel 2009, il Congresso ha nominato l’11 settembre Giornata nazionale del servizio e della memoria.

I primi memoriali dell’11 settembre sono arrivati ​​subito dopo gli attacchi, con veglie a lume di candela e omaggi floreali presso le ambasciate statunitensi in tutto il mondo. In Gran Bretagna, la regina Elisabetta ha cantato l’inno nazionale americano durante il cambio della guardia a Buckingham Palace. Rio de Janeiro ha esposto cartelloni pubblicitari che mostravano la statua del Cristo Redentore della città che abbracciava lo skyline di New York City.

Per il primo anniversario degli attentati di New York nel 2002, due luminose colonne di luce sono state lanciate nel cielo da dove un tempo sorgevano le Torri Gemelle. Il “Tribute in Light” è poi diventato un’installazione annuale gestita dalla Municipal Art Society di New York. Nelle notti limpide, i raggi sono visibili da oltre 60 miglia di distanza.

Si è tenuto un concorso per la memoria del sito del World Trade Center per selezionare un memoriale permanente appropriato per le vittime dell’11 settembre. Il progetto vincitore di Michael Arad, “Reflecting Absence”, si trova ora fuori dal museo in un parco di otto acri. Si compone di due piscine riflettenti con cascate che scendono dove un tempo le Torri Gemelle si alzavano nel cielo.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento