Home Attualità Lo scandalo “corruzione” del Qatar sconvolge il Parlamento europeo

Lo scandalo “corruzione” del Qatar sconvolge il Parlamento europeo

by Redazione

Di Gaia Marino

Il Parlamento europeo si tinge d’illegalità dopo che un’importante deputata è stata sospesa dal suo partito. La polizia ha avviato un’indagine su presunte attività di lobbying illecite da parte del Qatar e l’inchiesta rischia di esplodere e di dilagare in una crisi senza precedenti nell’Unione europea.

Venerdì la polizia belga ha perquisito 16 case e arrestato almeno quattro persone a Bruxelles e dintorni nell’ambito di un’inchiesta su ciò che i pubblici ministeri hanno definito “organizzazione criminale, corruzione e riciclaggio di denaro”.

Tra gli arrestati ci sarebbe anche la vicepresidente del Parlamento europeo Eva Kaili, del partito socialista greco Pasok. È stata sospesa dal gruppo dei Socialisti e Democratici in parlamento “con effetto immediato, in risposta alle indagini in corso”, ha twittato il gruppo a livello europeo venerdì. Kaili è stata anche espulsa dal partito di centrosinistra Pasok in Grecia.

I blitz hanno scatenato uno scandalo per il Parlamento e in particolare per il gruppo dei Socialisti e Democratici, che è stato criticato per la sua posizione morbida nei confronti del Qatar alla vigilia dei Mondiali di calcio.

Le perquisizioni sono state effettuate nell’ambito di un’indagine più ampia, rivolta principalmente agli assistenti parlamentari, ha dichiarato l’ufficio del procuratore federale belga in una nota.

Gli organi di stampa belgi Le Soir e Knack hanno riferito che tra gli arrestati insieme a Kaili c’era anche Luca Visentini, segretario generale della Confederazione internazionale dei sindacati.

Kaili, uno dei 14 vicepresidenti del parlamento, ha recentemente definito il Qatar un “capofila nei diritti dei lavoratori” dopo l’incontro con il ministro del lavoro del paese, nonostante le profonde preoccupazioni internazionali sulle condizioni dei lavoratori edili degli stadi.

Lo stato del Golfo è stato oggetto di recenti polemiche in quanto ospite della Coppa del Mondo 2022 in corso, durante la quale è stato criticato per le sue politiche regressive nei confronti dei diritti LGBTQ+ e dei lavoratori migranti.

“Da diversi mesi, gli investigatori della Polizia giudiziaria federale sospettano che un Paese del Golfo influenzi le decisioni economiche e politiche del Parlamento europeo (PE)”, ha aggiunto la dichiarazione del procuratore.

Il Qatar è accusato di aver preso di mira funzionari “con una posizione politica e/o strategica significativa” al Parlamento, inviando loro “ingenti somme di denaro” e “regali importanti”, secondo la dichiarazione del procuratore.

Il Qatar è un enorme produttore di gas naturale liquefatto e i politici occidentali hanno cercato di mantenere docile il paese mentre cercano di trovare fonti energetiche alternative durante la guerra della Russia contro l’Ucraina.

Gli investigatori belgi stanno esaminando se il Qatar abbia cercato di influenzare le posizioni in Parlamento in modi che “vanno oltre il classico lobbismo”, secondo Knack. La polizia ha sequestrato “circa 600.000 euro in contanti”, cellulari e apparecchiature informatiche durante le perquisizioni.

In una dichiarazione, il Gruppo S&D ha affermato di essere “sconvolto dalle accuse di corruzione nelle istituzioni europee” e che “coopererà pienamente con tutte le autorità investigative”.

La dichiarazione aggiungeva: “Data la gravità delle accuse, fino a quando le autorità competenti non forniranno informazioni e chiarimenti pertinenti, chiediamo la sospensione dei lavori su tutti i fascicoli e le votazioni in plenaria riguardanti gli Stati del Golfo, in particolare la liberalizzazione dei visti e le visite programmate”.

Siglato anche l’ufficio di un assistente dell’eurodeputata belga S&D Marie Arena. Arena, che presiede la sottocommissione del Parlamento per i diritti umani, ha affermato di non essere stata interrogata dalla polizia.

Raggiunto telefonicamente venerdì sera, Arena ha detto che l’assistente sottoposto a controllo lavorava per una ONG chiamata Fight Impunity. “Non capisco nulla della situazione”, ha detto Arena. “Se il Qatar lo sta facendo, so che gli altri stanno facendo esattamente lo stesso”, ha detto Arena. “E quindi dobbiamo davvero impedire questa capacità di influenzare”.

Senza tener conto della vicenda, che dovrà essere giudicata dalla magistratura, l’Unione Europea sta continuando a perdere credibilità poiché alcune istituzioni sono fuori controllo proprio per lo status di privilegiate che non consente a nessuno al di sotto di criticarle ne tanto meno di controllarle.

L’Ue ha bisogno di più trasparenza e di più Unione tra gli stati proprio per consentire la ricostruzione di uno stato che sia realmente al di sopra di tutti, dal punto di vista economico e politico, e che persegua veramente gli interessi del Continente; un’unione così corrotta e così impotente e inutile non serve proprio a nessuno se non ai corruttori.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento