Home Approfondimenti La BCE potrebbe ridurre il suo supporto, ma non per ora

La BCE potrebbe ridurre il suo supporto, ma non per ora

by Freelance

Di Mirko Fallacia

La Banca centrale europea dovrebbe recuperare lo stimolo giovedì, compiendo un passo simbolico verso l’allentamento degli aiuti di emergenza messi in atto durante la pandemia, continuando a segnalare un ampio sostegno per gli anni a venire.

La BCE ha fatto tutto il possibile per sostenere l’economia mentre il nuovo coronavirus ha fatto chiudere le imprese e ha tenuto le persone a casa lo scorso anno. Ma con il calo della disoccupazione e il rimbalzo dell’inflazione con la ripresa della vita normale, i politici sono sotto pressione per riconoscere formalmente che il peggio è passato.

Tuttavia, qualsiasi mossa è probabilmente ai margini, riflettendo il timore dei banchieri centrali che tagliare prematuramente il sostegno annullerebbe anni di stimolo – una prospettiva pericolosa per la BCE, già alle prese con un deficit di credibilità dopo quasi un decennio di mancato raggiungimento del suo obiettivo di inflazione.

L’inflazione è ora al massimo da 10 anni, ma dovrebbe scendere bruscamente all’inizio del prossimo anno e languire nuovamente al di sotto dell’obiettivo del 2% della BCE fino al 2023, una prospettiva probabilmente confermata da nuove proiezioni economiche in qualche modo migliorate della BCE giovedì.

La BCE sarà anche desiderosa di non fare una grande mossa prima della Federal Reserve statunitense, che ora sembra un po’ riluttante a stabilire il proprio corso fuori dalla politica super-facile.

E questo lascia alla Banca Centrale Europea l’opportunità di prendere fiato e deve, da un lato, riconoscere che la crisi del coronavirus – la giustificazione per il sostegno di emergenza – si sta attenuando, dall’altro invece, deve rassicurare i mercati che questo non è l’inizio di un’uscita graduale dalla politica facile e che il suo impegno nell’aumento dei prezzi al consumo è fermo.

In pratica, questo potrebbe significare un taglio dell’acquisto di obbligazioni tramite il suo Programma di acquisto di emergenza pandemica (PEPP) a un intervallo da 60 a 70 miliardi di euro al mese per il quarto trimestre, da circa 80 miliardi di euro a luglio.

La BCE potrebbe anche optare per una formulazione vagamente formulata che lascia ai politici un’ampia discrezionalità su quanto possono acquistare sotto il PEPP di 1,85 trilioni di euro nel caso in cui non siano soddisfatti della reazione del mercato.

I rendimenti tedeschi a dieci anni, un punto di riferimento per la zona euro, sono scesi ai minimi di sei mesi al di sotto di meno 50 punti base ad agosto e sono ancora scambiati a un livello relativamente basso di meno 33 punti base, anche se i mercati hanno scontato un modesto arretramento da parte della BCE di giovedì.

È probabile che i politici evitino qualsiasi discussione sull’eventuale fine del sostegno di emergenza, attualmente prevista per marzo, e lascino quella che dovrebbe essere una decisione controversa per dicembre.

La difficoltà è che la banca deve segnalare la fine del suo più grande schema di acquisto di attività promettendo di mantenere il supporto tramite altri strumenti, mantenendo sostanzialmente invariata la direzione generale della politica.

Il PEPP è uno strumento di lotta alla crisi e la sua estensione oltre marzo sarebbe difficile da giustificare, data la normalizzazione dell’attività economica.

Ciò richiederà che la BCE sposti la sua attenzione sul più rigido e consolidato Programma di acquisto di attività (APP).

Ma per rendere l’APP adatto allo scopo, la BCE dovrà aumentare i volumi di acquisto e riscrivere le sue regole sulla flessibilità – a cui i membri conservatori del Consiglio direttivo probabilmente resisteranno per timore che la BCE stia già agendo oltre il suo mandato.

Particolarmente importanti sono le norme che vietano alla BCE di acquistare più di un terzo del debito di qualsiasi paese o di effettuare acquisti sproporzionati rispetto alle dimensioni dell’economia di un paese.

I responsabili politici dovrebbero anche scontrarsi sulla loro valutazione dell’inflazione, con alcuni che sostengono sempre più che il recente aumento potrebbe non essere temporaneo come previsto dalla BCE.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento