Home Cronaca Crescono le tensioni a Gerusalemme, Israele invia l’aviazione. Il numero delle vittime aumenta

Crescono le tensioni a Gerusalemme, Israele invia l’aviazione. Il numero delle vittime aumenta

by Freelance

Di Mirko Fallacia

I palestinesi hanno lanciato raffiche ininterrotte di razzi contro Israele, mentre i suoi militari hanno colpito Gaza con attacchi aerei nelle prime ore di martedì, in una drammatica escalation di scontri a Gerusalemme.

Esplosioni hanno scosso edifici in tutta Gaza e sirene a razzo hanno portato diversi israeliani a recarsi in molte città del sud per trovare riparo durante la notte. Due palestinesi sono stati uccisi e più di 100 feriti in attacchi aerei, hanno detto funzionari palestinesi. Sei israeliani sono stati feriti da un razzo, hanno detto i medici.

Nove bambini erano tra i 20 morti a Gaza lunedì e decine di razzi sono stati lanciati in Israele, molti dei quali sono stati intercettati dalle difese missilistiche.

Gli eventi sono stati scatenati dai militanti di Gaza che hanno sparato nell’area di Gerusalemme per la prima volta da una guerra del 2014, attraversando quella che il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha definito una “linea rossa”.

L’impennata della violenza è arrivata quando Israele celebrava il “Jerusalem Day”, segnando la sua cattura di Gerusalemme Est nella guerra arabo-israeliana del 1967.

L’escalation è iniziata con gli scontri alla Moschea di Al-Aqsa, nel cuore della Città Vecchia fortificata, nel complesso noto agli ebrei come Monte del Tempio e ai musulmani come il Nobile Santuario, il sito più sensibile del conflitto israelo-palestinese.

La Palestine Red Crescent Society ha detto che più di 300 palestinesi sono rimasti feriti negli scontri con la polizia israeliana, che ha sparato proiettili di gomma, granate assordanti e gas lacrimogeni nel complesso. La polizia ha detto che 21 agenti sono rimasti feriti nelle scaramucce.

Anche se i problemi si sono placati dopo poche ore, ci sono stati altri punti focali di tensione, come il quartiere di Sheikh Jarrah di Gerusalemme Est, appena a nord della Città Vecchia, dove diverse famiglie palestinesi devono affrontare lo sfratto dalle case rivendicate dai coloni ebrei in un lungo periodo causa legale in corso.

Hamas, il gruppo militante islamista che controlla Gaza, ha fissato una scadenza serale per Israele per rimuovere la sua polizia da Al-Aqsa e Sheikh Jarrah. Quando è scaduto, le sirene hanno ululato a Gerusalemme e razzi hanno colpito la periferia della città.

Israele considera tutta Gerusalemme come la sua capitale, inclusa la parte orientale annessa dopo la guerra del 1967 con una mossa che non ha ottenuto il riconoscimento internazionale.

I palestinesi vogliono Gerusalemme est come capitale di uno stato che cercano a Gaza e nella Cisgiordania occupata da Israele.

Hamas e il piccolo gruppo militante della Jihad islamica hanno rivendicato la responsabilità del lancio di razzi su Gerusalemme.

L’esercito israeliano ha detto di aver colpito obiettivi che includevano agenti militanti, tunnel di attacco e la casa di un comandante di battaglione di Hamas.

Dei 20 palestinesi uccisi lunedì, sette, inclusi tre bambini, erano membri della famiglia morti in un’esplosione nella città di Beit Hanoun, sebbene non fosse chiaro se fosse stato causato da un attacco israeliano o da un razzo palestinese che non era riuscito.

Un portavoce dell’esercito israeliano ha detto che circa un terzo dei razzi palestinesi sparati non è stato all’altezza e ha causato danni e vittime all’interno di Gaza.

Gli sforzi internazionali per arginare la violenza sembravano già essere stati fatti. Un funzionario palestinese ha detto che Egitto, Qatar e Nazioni Unite, che in passato hanno mediato tregue tra Israele e Hamas, erano in contatto con il leader del gruppo Ismail Haniyeh.

La tensione cresceva da settimane durante il mese sacro musulmano del Ramadan, tra gli scontri tra le forze di sicurezza israeliane e i manifestanti palestinesi, suscitando la preoccupazione internazionale che gli eventi potessero sfuggire al controllo.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento