Home Attualità Renzi: “Meloni non è fascista, è sfascista. Dove li trova i 100 miliardi per le promesse che ha fatto?”

Renzi: “Meloni non è fascista, è sfascista. Dove li trova i 100 miliardi per le promesse che ha fatto?”

by Redazione

La campagna elettorale entra nel vivo e, come si usa fare dalle nostre parti, c’è chi fa proposte e promesse senza far quadrare i conti. La destra qualunquista è anche questo e a sottolinearlo ci pensa Matteo Renzi.

“Meloni non è fascista è sfascista – dice il leader di Italia Viva – dove li trovano i 100 miliardi per le promesse che hanno fatto? Questa è la destra. Dall’altra parte c’è Conte che va in processione a Palermo come il santo patrono del reddito di cittadinanza, mentre di Maio archivia Tony Blair trovando casa nel Pd dopo averlo infangato con il partito di Bibbiano. Poi c’è Fratoianni che non ha votato la fiducia a Draghi una sola volta e si mette con Letta che si dice sostenitore dell’agenda Draghi. Ecco perché il terzo polo: non siamo cibo per algoritmi e populismi”.

Ma la critica non ha un sapore poi tanto amaro quando viene fatta da colui che si definiva il rottamatore ed è finito a far parte del sistema tanto osteggiato.

Come se Renzi e Calenda non fossero amanti delle chiacchiere da bar e delle finte promesse.

Ma l’ex premier non demorde e cerca di convincere il popolo italiano sulla sua serietà quando dice che “vogliamo arrivare a essere decisivi: il premier lo faranno Meloni o Draghi e non ho dubbi che se c’è da ragionare del caro energia o della guerra o di regole della democrazia preferisco l’ultimo. Se insieme a Calenda riusciamo ad arrivare al 10 per cento facciamo la differenza”, spera il leader di Italia Viva.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento