Home Cronaca Presidente di Haiti assassinato da una banda armata, dichiarato lo stato di emergenza

Presidente di Haiti assassinato da una banda armata, dichiarato lo stato di emergenza

by Freelance

Di Ginevra Lestingi

Il presidente haitiano Jovenel Moise è stato ucciso da aggressori non identificati nella sua residenza privata durante la notte in un “atto barbaro”, ha detto mercoledì il governo di Haiti, alimentando i timori di un’escalation di disordini nella povera nazione caraibica.

L’assassinio, che ha suscitato la condanna di Washington e dei vicini paesi dell’America Latina, ha coinciso con un’ondata di violenza delle bande a Port-au-Prince negli ultimi mesi alimentata da una crescente crisi umanitaria e disordini politici. Il disordine ha trasformato molti quartieri della capitale in zone vietate.

Il primo ministro ad interim Claude Joseph ha dichiarato in un discorso televisivo dopo aver presieduto una riunione di gabinetto che il governo aveva dichiarato lo stato di emergenza in mezzo alla confusione su chi avrebbe preso le redini del paese. “Miei connazionali, state calmi perché la situazione è sotto controllo”, ha detto.

Anche la moglie del presidente 53enne, Martine Moise, è stata uccisa durante l’attacco intorno all’1:00 ora locale a casa della coppia sulle colline sopra Port-au-Prince, ha detto Joseph in una nota. Stava ricevendo cure mediche.

“Un gruppo di individui non identificati ha attaccato la residenza privata del presidente della Repubblica e quindi ha ferito a morte il capo dello Stato”, ha detto.

Joseph ha detto che la polizia e l’esercito avevano sotto controllo la situazione della sicurezza. Le strade della capitale erano vuote mercoledì mattina dopo l’attacco e gli spari intermittenti durante la notte.

“Sono state prese tutte le misure per garantire la continuità dello stato e per proteggere la nazione”, ha detto Joseph.

Ma con Haiti politicamente polarizzata e di fronte alla fame crescente, si stanno diffondendo i timori di un crollo in ordine. La Repubblica Dominicana ha dichiarato che sta chiudendo il confine che condivide con Haiti sull’isola caraibica di Hispaniola.

“Questo crimine è un attacco contro l’ordine democratico di Haiti e della regione”, ha detto il presidente della Repubblica Dominicana Luis Abinader.

I leader di tutto il mondo hanno condannato l’attacco e hanno fatto appello alla calma. Gli Stati Uniti lo hanno descritto come un “crimine orribile”, mentre il presidente colombiano Ivan Duque ha invitato l’Organizzazione degli Stati americani a inviare una missione ad Haiti per “garantire l’ordine democratico”.

Non era chiaro chi sarebbe succeduto a Moise come presidente. Questa settimana aveva nominato un nuovo primo ministro che non ha ancora prestato giuramento. Il capo della Corte suprema di giustizia – un altro contendente per il posto, secondo la costituzione – è morto il mese scorso a causa del COVID-19 e deve ancora essere sostituito .

Haiti, un paese di circa 11 milioni di persone e il più povero dell’emisfero occidentale, ha lottato per raggiungere la stabilità dalla caduta della dittatura di Duvalier nel 1986, ed è alle prese con una serie di colpi di stato e interventi stranieri.

Una missione di mantenimento della pace delle Nazioni Unite – destinata a ristabilire l’ordine dopo che una ribellione ha rovesciato l’allora presidente Jean-Bertrand Aristide nel 2004 – si è conclusa nel 2019 con il paese ancora allo sbando. Negli ultimi anni, Haiti è stata colpita da una serie di disastri naturali e porta ancora le cicatrici di un forte terremoto nel 2010.

Moise, un esportatore di banane diventato politico, ha affrontato feroci proteste dopo aver assunto la carica di presidente nel 2017. Quest’anno, i leader dell’opposizione lo hanno accusato di aver cercato di instaurare una dittatura oltrepassando il suo mandato e diventando più autoritario.

Moise ha governato per decreto per più di un anno dopo che il paese non ha tenuto le elezioni legislative e ha cercato di far passare una controversa riforma costituzionale.

L’ambasciata degli Stati Uniti ha dichiarato in una nota che mercoledì sarebbe stata chiusa a causa della “situazione di sicurezza in corso”.

Gli Stati Uniti stanno valutando il tragico attacco. “Siamo pronti e siamo al loro fianco per fornire tutta l’assistenza necessaria”, ha detto a Washington il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki. “Naturalmente la nostra ambasciata e il Dipartimento di Stato saranno in stretto contatto, ma è una tragedia. Siamo con loro ed è importante che la gente di Haiti lo sappia”.

Il 30 giugno gli Stati Uniti, il principale donatore di aiuti di Haiti, avevano condannato quella che hanno descritto come una sistematica violazione dei diritti umani, delle libertà fondamentali e degli attacchi alla stampa ad Haiti. L’amministrazione Biden ha esortato il governo haitiano a contrastare la proliferazione di bande e violenze.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento