Home Attualità La Merkel non si biasima per l’Ucraina e risponde a chi l’accusa di essere un “utile idiota”

La Merkel non si biasima per l’Ucraina e risponde a chi l’accusa di essere un “utile idiota”

by Nik Cooper

Dopo essere passata dalle stelle alle stalle, l’ex cancelliera tedesca Angela Merkel vuole dire la sua sulla questione ucraina.

L’opinione della stampa occidentale non è stata clemente con la povera Angela e, in poco tempo, è passata dall’essere un personaggio politico da emulare a “utile idiota” da condannare, solo, per aver instaurato nel tempo ottimi rapporti con il Cremlino.

L’ex cancelliera tedesca ha dichiarato martedì di aver cercato duramente, quando era in carica, di impedire che la situazione in Ucraina degenerasse fino allo stato attuale, aggiungendo che non si incolpa di non essersi sforzata abbastanza.

“È una grande tristezza che non abbia funzionato, ma non mi biasimo per non aver provato”, ha detto la Merkel, parlando dell’accordo di Minsk del 2014 con la Russia.

L’ex leader del CDU tedesco ha parlato in un’intervista con il giornalista e autore tedesco Alexander Osang trasmessa in televisione dall’emittente ARD.

La Merkel, che ha guidato l’imposizione di sanzioni da parte dell’Occidente alla Russia nel 2014 dopo l’annessione della Crimea, ha affermato che l’accordo di Minsk ha calmato la situazione e ha dato all’Ucraina il tempo di diventare quello che è oggi.

“Cosa sarebbe successo se a nessuno fosse importato di quanto accaduto nel 2014. E se Putin avesse continuato? Non voglio assolutamente saperlo”, ha aggiunto.

La Merkel ha affermato che non c’era giustificazione per il “brutale disprezzo del diritto internazionale” da parte della Russia in Ucraina, aggiungendo di essere stata contraria a un piano per far entrare l’Ucraina nella NATO perché voleva prevenire l’escalation con la Russia e l’Ucraina non era pronta.

“Quella non era l’Ucraina che conosciamo oggi… Il paese non era stabile, era crivellato di corruzione”, ha detto.

Di lingua russa fluente, dopo essere cresciuta nell’ex Germania dell’Est comunista, la Merkel ha attirato critiche da parte degli Stati Uniti e di altri paesi per aver sostenuto il previsto gasdotto Nord Stream 2, progettato per fornire gas russo direttamente alla Germania.

L’ex cancelliere ha difeso la sua politica di sostegno al commercio con la Russia, affermando che Europa e Russia erano vicine che non potevano ignorarsi a vicenda.

Ha detto di aver affrontato questioni sull’ex Unione Sovietica durante il suo mandato, ma non è mai stato possibile porre fine alla Guerra Fredda.

“Semplicemente non siamo riusciti a creare un’architettura di sicurezza per impedirlo”, ha aggiunto.

La Merkel, conservatrice, ha rilasciato una breve dichiarazione poco dopo l’invasione della Russia a febbraio, ma il suo silenzio da allora aveva sollevato un polverone gigantesco per la stampa che l’ha accusata ferocemente di essere un “utile idiota” al servizio del Cremlino.

Ad aprile, è stata criticata per aver visitato l’Italia poco dopo la notizia delle atrocità a Bucha, vicino a Kiev, piuttosto che accettare un invito a visitare l’Ucraina.

Nell’intervista di un’ora e mezza, la Merkel, 67 anni, ha affermato di sapere che il viaggio sarebbe stato controverso, ma ha voluto chiarire che non era più la cancelliera.

“Questo viaggio è stato molto importante per me per il mio processo di disaccoppiamento dalla politica”, dice la Merkel.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento