Home Estero Kim Jong Un lancia la sfida a Biden dichiarando gli Stati Uniti: “il nostro più grande nemico”

Kim Jong Un lancia la sfida a Biden dichiarando gli Stati Uniti: “il nostro più grande nemico”

by Freelance

Di Raimondo Pastellato

Il leader nordcoreano Kim Jong Un ha chiesto armi nucleari più avanzate e ha detto che gli Stati Uniti sono “il nostro più grande nemico”, presentando una dura sfida al presidente eletto Joe Biden pochi giorni prima del suo insediamento.

Le politiche ostili di Washington non cambierebbero indipendentemente da chi occupa la Casa Bianca, ma abbandonare quelle politiche sarebbe la chiave per un conflitto tra Corea del Nord-Stati Uniti.

“Le nostre attività politiche estere dovrebbero essere focalizzate e reindirizzate a sottomettere gli Stati Uniti, il nostro più grande nemico e principale ostacolo al nostro sviluppo innovativo”, ha detto Kim durante nove ore di osservazioni per diversi giorni in un raro congresso di partito a Pyongyang.

“Non importa chi sia al potere negli Stati Uniti, la vera natura degli Stati Uniti e le loro politiche fondamentali nei confronti della Corea del Nord non cambieranno mai”, ha detto Kim, giurando di espandere i legami con “forze antimperialiste e indipendenti”.

La Corea del Nord non “abuserebbe” delle sue armi nucleari, ha detto Kim, ma il paese sta espandendo il suo arsenale nucleare, comprese le capacità di attacco “preventivo” e “di ritorsione” e testate di varie dimensioni.

Kim ha chiesto lo sviluppo di apparecchiature tra cui armi ipersoniche, missili balistici intercontinentali a combustibile solido (ICBM), satelliti spia e droni.

La Corea del Nord si sta preparando per il test e la produzione di varie nuove armi, tra cui un “razzo a testata multipla” e “testate di volo supersonico planante per razzi balistici di nuovo tipo”, mentre la ricerca su un sottomarino nucleare è quasi completa, ha detto.

“Kim ha praticamente mostrato quello che ha in mente: missili sottomarini, missili balistici intercontinentali migliori e altre armi avanzate”, ha detto Yoo Ho-yeol, professore di studi nordcoreani alla Korea University di Seoul. “Sta dicendo che questo è fondamentalmente ciò che Washington vedrà in futuro, il che potrebbe aumentare la tensione o aprire le porte ai colloqui”.

Le osservazioni di Kim sono state uno dei contorni più ambiziosi della difesa nazionale nordcoreana e delle questioni nucleari da un po ‘di tempo, ha detto Ankit Panda, un senior fellow della Carnegie Endowment for International Peace con sede negli Stati Uniti.

“Potrebbe presagire un ritorno ai test nucleari, che ora è sul tavolo dato che Kim ha rinunciato alla sua moratoria dell’aprile 2018”, ha detto.

I colloqui statunitensi sono bloccati

Non ci sono stati commenti immediati dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti. Un portavoce della campagna Biden ha rifiutato di commentare.

Kim ha criticato la Corea del Sud per aver offerto cooperazione in aree “non fondamentali” come gli aiuti per il coronavirus e il turismo, e ha detto che Seoul dovrebbe smettere di acquistare armi e condurre esercitazioni militari con gli Stati Uniti.

Il ministero dell’Unificazione della Corea del Sud ha detto che spera ancora in un migliore rapporto Corea del Nord-Stati Uniti, relazione che continuerà a perseguire la denuclearizzazione della penisola coreana.

“L’inaugurazione della nuova amministrazione statunitense può essere una buona opportunità per migliorare le relazioni tra Stati Uniti e Corea del Nord, e ci aspettiamo che le relazioni riprendano rapidamente”, ha detto il ministero in una dichiarazione dopo che i commenti di Kim sono stati rilasciati.

Biden, che era vice presidente del presidente Barack Obama, ha definito Kim un “delinquente” durante la campagna elettorale. Nel 2019 la Corea del Nord ha definito Biden un “cane rabbioso” che doveva essere “picchiato a morte con un bastone”.

Kim ha avuto tre incontri senza precedenti con il presidente Donald Trump e i due hanno corrisposto in una serie di lettere, ma questi sforzi non sono riusciti a portare a un accordo di denuclearizzazione o a un cambiamento ufficiale nelle relazioni dei paesi.

“La Corea del Nord dichiara che la finestra per la cooperazione è molto, molto più piccola per l’amministrazione Biden”, ha detto Yoo.

Biden ha detto in ottobre che avrebbe incontrato Kim solo a condizione che la Corea del Nord accettasse di ridurre la sua capacità nucleare.

Il mese scorso Kurt Campbell, il massimo diplomatico degli Stati Uniti per l’Asia orientale sotto Obama e considerato un contendente per una posizione di massima politica in Asia sotto Biden, ha detto che l’amministrazione statunitense entrante dovrebbe prendere una decisione tempestiva su quale approccio adottare con la Corea del Nord e non ripetere il ritardo dell’era Obama.

“Economia e Autonomia”

Oltre agli Stati Uniti e alla politica di difesa, Kim ha parlato più a lungo delle proposte per un piano economico quinquennale che dovrebbe essere annunciato al congresso, che ha affermato che continuerà a concentrarsi sulla costruzione di un’economia indipendente.

“I semi e i temi di base del nuovo piano di sviluppo economico quinquennale sono ancora la fiducia in se stessi e l’autosufficienza”, ha detto.

Tra i piani ci sono la costruzione di acciaierie a risparmio energetico, l’aumento significativo dei prodotti chimici, l’aumento della produzione di elettricità e la sicurezza di più miniere di carbone, ha detto Kim.

Il congresso ha compiuto passi verso “il rafforzamento della guida unitaria e della gestione strategica dello stato sul lavoro economico”.

La Corea del Nord deve affrontare crescenti crisi causate dalle sanzioni internazionali sul suo programma nucleare, oltre a blocchi autoimposti per prevenire un’epidemia di coronavirus.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento