Home Cronaca Il terremoto in Pakistan uccide almeno 20 persone e ne ferisce centinaia

Il terremoto in Pakistan uccide almeno 20 persone e ne ferisce centinaia

by Freelance

Di Miriam Lestingi

Almeno 20 persone sono morte e circa 300 sono rimaste ferite giovedì quando un terremoto di magnitudo 5,7 ha colpito il Pakistan meridionale nelle prime ore mentre molte delle vittime dormivano, ha detto l’Autorità per la gestione dei disastri.

I soccorritori hanno detto che la maggior parte delle persone uccise erano donne e bambini. Il terremoto ha colpito alla profondità relativamente bassa di 20 km con un epicentro a 102 km a est della città di Quetta, secondo l’U.S. Geological Survey (USGS).

Più di 100 case di fango sono crollate e molti edifici sono stati danneggiati. Le riprese televisive hanno mostrato edifici con crepe spalancate, tetti sfondati e muri accartocciati. Centinaia di persone erano senzatetto ha detto il vice commissario nella città di Harnai.

I social media hanno mostrato case che tremavano e lampade che ondeggiavano mentre il terremoto ha colpito. I residenti storditi si sono poi riuniti per le strade al buio. I filmati delle telecamere a circuito chiuso in onda sulla televisione Geo hanno mostrato i camion di trasporto che tremavano.

Mentre i soccorritori cercavano tra le macerie, alcuni dei feriti sono stati curati in barella in strada sotto la luce delle torce del telefono.

Un elicottero dell’esercito ha trasportato in aereo almeno nove dei gravemente feriti a Quetta, secondo quanto riportato dall’Associated Press Pakistan. Scosse di assestamento sono state avvertite in tutta la regione.

Il Pakistan si trova in cima a placche tettoniche in collisione e i terremoti sono comuni.

Un terremoto di magnitudo 7,7 colpì Quetta nel 1935, uccidendo tra le 30.000 e le 60.000 persone e distruggendo gran parte della città.

Nel 2006, circa 73.000 persone sono state uccise da un terremoto di magnitudo 7,6 che ha colpito circa 95 km a nord-est della capitale, Islamabad.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento