Home In evidenza Google stringe un accordo segreto con Facebook

Google stringe un accordo segreto con Facebook

by Nik Cooper

Facebook Inc e Google di Alphabet, i due maggiori attori della pubblicità online, hanno utilizzato una serie di accordi per consolidare illegalmente il loro potere di mercato, il Texas e altri nove stati hanno mosso causa a Google.

Google e Facebook competono pesantemente nella vendita di annunci su Internet, conquistando insieme oltre la metà del mercato globale. I due competitor hanno concordato un accordo pubblicizzato nel 2018 per iniziare a dare ai clienti degli inserzionisti di Facebook la possibilità di inserire annunci all’interno della rete di partner editoriali di Google. Secondo la denuncia, i dirigenti al livello più alto delle società hanno firmato l’accordo.

Ad esempio, un blog di sneaker che utilizza il software di Google per vendere annunci pubblicitari potrebbe finire per generare entrate da un rivenditore di calzature che ha acquistato annunci su Facebook.

Google ha raggiunto partnership simili con altre società pubblicitarie come parte di uno sforzo per mantenere la quota di mercato che è stata denominata internamente Project Jedi, ha detto una fonte con conoscenza diretta della questione.

Ma ciò che Google non ha annunciato pubblicamente è che ha dato a Facebook un trattamento preferenziale, sostiene la denuncia. Facebook ha accettato di rinunciare a supportare il software concorrente, che gli editori avevano sviluppato per intaccare il potere di mercato di Google.

In cambio, hanno affermato gli stati, Facebook ha ricevuto vari vantaggi, tra cui l’accesso ai dati di Google e le eccezioni alle norme che hanno consentito ai suoi clienti di ricevere ingiustamente più annunci rispetto a quelli di altri partner di Google.

Il portavoce di Google Peter Schottenfels ha descritto le accuse degli stati sulla partnership in corso come imprecise e ha affermato che Facebook non riceve dati speciali. Facebook non ha risposto alle richieste di commento.

La denuncia ha anche affermato che Google e Facebook si sono impegnati a fissare i prezzi degli annunci e hanno continuato a collaborare, sebbene la sezione sia stata pesantemente oscurata e non fosse chiaro come e quando le società avrebbero utilizzato il loro “accordo di allocazione del mercato”.

Tuttavia, ha affermato che “data la portata e la natura ampia della cooperazione tra le due società, Google e Facebook erano altamente consapevoli che il loro accordo potrebbe innescare violazioni antitrust. Le due società hanno discusso, negoziato e ricordato come avrebbero collaborato tra loro”. Gli stati non hanno accusato Facebook di illeciti nella denuncia.

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha anche indagato sull’accordo tra le società come parte della sua indagine antitrust su Google. Ma il Dipartimento di Giustizia, che ha citato in giudizio Google per un comportamento separato a ottobre, non ha ancora presentato alcuna accusa relativa all’accordo del 2018. Una portavoce del Dipartimento di Giustizia non ha risposto a una richiesta di commento.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento