Home In evidenza “Da un grande potere derivano grandi responsabilità”, nasce l’Acn (Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale)

“Da un grande potere derivano grandi responsabilità”, nasce l’Acn (Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale)

by Romano Franco

E’ nata la Acn, la nuova Agenzia per la cybersicurezza nazionale. Si tratta di un organismo pubblico con autonomia regolamentare, amministrativa, patrimoniale, organizzativa.

Il premier avrà tra le sue mansioni “l’alta direzione e responsabilità generale delle politiche di cybersicurezza, anche per la tutela della sicurezza nazionale” e nomina il direttore generale dell’Acn. Viene anche istituito un comitato interministeriale per la cybersicurezza e un nucleo per la cybersecurity presso l’agenzia e a supporto del premier. La nuova norma è stata approvata dal Consiglio dei Ministri.

Si tratta di un organismo pubblico che avrà lo scopo primario del “coordinamento tra i soggetti pubblici coinvolti in materia di cybersicurezza a livello nazionale” e di promuovere “la realizzazione di azioni comuni dirette ad assicurare la sicurezza e resilienza cibernetica per lo sviluppo della digitalizzazione del paese, del sistema produttivo e delle Pa, nonché per il conseguimento dell’ autonomia, nazionale ed europea, riguardo a prodotti e processi informatici di rilevanza strategica a tutela degli interessi nazionali nel settore”.

“L’Agenzia ha personalità giuridica di diritto pubblico ed è dotata di autonomia regolamentare, amministrativa, patrimoniale, organizzativa, contabile e finanziaria, nei limiti di quanto previsto dal presente decreto. I regolamenti previsti dal presente decreto possono recare disposizioni anche in deroga alle norme vigenti, in relazione all’assolvimento delle funzioni di tutela della sicurezza nazionale nello spazio cibernetico attribuite all’Agenzia stessa e tenuto conto delle attività svolte in raccordo con il Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica”, si sottolinea.

Al presidente del Consiglio dei ministri – si legge nel decreto legge – sono attribuite in via esclusiva “l’alta direzione e la responsabilità generale delle politiche di cybersicurezza, anche ai fini della tutela della sicurezza nazionale nello spazio cibernetico”, l’adozione della strategia nazionale di cybersicurezza, sentito il Comitato interministeriale per la cybersicurezza, la nomina e la revoca del direttore generale e del vice direttore generale dell’Agenzia per la cybersicurezza nazionale.

Da oggi, il ruolo del presidente del Consiglio sarà dotato di un potere in più. Che sia utile o meno, o che venga usato bene o male, non è ancora tempo di dirlo. Ci si auspica che tali dati non vengano utilizzati con finalità di Marketing.

Di sicuro la nostra privacy, da oggi, viene minata ulteriormente dalla nascita di questo nuovo Istituto. Poco importa se venga fatto per la sicurezza nazionale o meno. Si spera che questo nuovo potere venga utilizzato al meglio e con le migliori intenzioni. Perché, proprio come diceva zio Ben: “Da un grande potere derivano grandi responsabilità” e più è grande il potere e più giudizio bisogna avere nel controllarlo.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento