Home Senza categoria Un farmaco antinfluenzale usato in Giappone mostra risultati promettenti nel trattamento di COVID-19

Un farmaco antinfluenzale usato in Giappone mostra risultati promettenti nel trattamento di COVID-19

by Freelance

I medici trovano “prove evidenti” che migliora i sintomi del coronavirus.

Di Concetta Giuliani

Un farmaco usato in Giappone per curare l’influenza sembra essere efficace nel trattamento del nuovo coronavirus che causa COVID-19.

Il farmaco antivirale, chiamato Favipiravir o Avigan, ha mostrato esiti positivi in ​​studi clinici che hanno coinvolto 340 persone a Wuhan e Shenzhen, secondo Zhang Xinmin, del ministero cinese della scienza e della tecnologia.

“Ha un alto grado di sicurezza ed è chiaramente efficace nel trattamento”, ha detto Zhang.

Sviluppato da Fujifilm Toyama Chemical, il farmaco antivirale viene prodotto da Zhejiang Hisun Pharmaceutical per il trattamento dei virus influenzali. Lo scorso mese, secondo quanto riferito, il farmaco ha ricevuto l’approvazione come trattamento sperimentale per le infezioni da COVID-19.

I pazienti a Shenzhen che erano risultati positivi al test COVID-19 e che avevano ricevuto il farmaco hanno ricevuto un test del virus negativo quattro giorni dopo, come mediana (metà ha mostrato un test negativo prima e metà dopo quattro giorni). Ciò è stato confrontato con un test negativo circa 11 giorni dopo, come mediana, per i pazienti che non assumevano il farmaco, secondo i rapporti di notizie. Nello stesso studio, le condizioni polmonari (come mostrato dai raggi X) sono migliorate in circa il 91% dei pazienti che assumevano Favipiravir, rispetto al solo 62% che non stava assumendo il farmaco antivirale.

Nello studio di Wuhan, il farmaco sembrava anche ridurre la durata della febbre di un paziente da una media di 4,2 giorni a 2,5 giorni.

Il farmaco è specificamente progettato per trattare i virus RNA come SARS-CoV-2; questi sono virus il cui principale materiale genetico è l’RNA, piuttosto che il DNA. Il farmaco impedisce ad alcuni virus di replicarsi paralizzando l’enzima (una sostanza che provoca reazioni chimiche) chiamato RNA polimerasi, che crea l’RNA. Senza quell’enzima intatto, il virus non può duplicare efficacemente il suo materiale genetico una volta all’interno di una cellula ospite.

Tuttavia, il farmaco sembra meno efficace nei pazienti con sintomi gravi.

I medici stanno usando lo stesso farmaco in Giappone per trattare i pazienti con coronavirus con sintomi da lievi a moderati.

Ad oggi, non esiste un farmaco approvato o noto per il trattamento della SARS-CoV-2. Tuttavia, i farmaci antivirali sviluppati per trattare altre malattie sono in fase di test per il loro uso nel trattamento del coronavirus. Ad esempio, Remdesivir è stato sviluppato per trattare l’Ebola, ma ha mostrato risultati promettenti nel trattamento delle scimmie infette da un altro coronavirus, la sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS); tale farmaco è attualmente in fase di test in Cina e negli Stati Uniti.

Inoltre, studi clinici hanno iniziato a testare un vaccino coronavirus sperimentale nell’uomo. Nelle prossime sei settimane, circa 45 partecipanti dovrebbero arruolarsi nello studio sui vaccini a Seattle, che sta testando la sicurezza del vaccino e la sua capacità di innescare la risposta immunitaria dell’organismo per combattere il coronavirus. Se tutto andrà bene in quella sperimentazione e nelle successive due fasi della sperimentazione clinica, il vaccino potrebbe essere pronto per l’uso pubblico in circa 12-18 mesi, ha affermato il dott. Anthony Fauci, direttore dell’Istituto nazionale degli Stati Uniti per le allergie e le malattie infettive.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento