Ucraina: Le Nazioni Unite affermano che un missile della Corea del Nord è esploso a Kharkiv

Di Gaia Marino

I detriti del missile esploso nella città ucraina di Kharkiv il 2 gennaio 2024 provenivano da un missile balistico nordcoreano della serie Hwasong-11, dicono gli osservatori delle sanzioni delle Nazioni Unite a un comitato del Consiglio di sicurezza in un rapporto lunedì.

Nel rapporto di 32 pagine, gli osservatori delle sanzioni delle Nazioni Unite hanno concluso che “i detriti recuperati da un missile atterrato a Kharkiv, in Ucraina, a gennaio derivano da un missile della serie Hwasong-11 della RPDC” e violano l’embargo sulle armi nel Nord Corea.

Formalmente conosciuta come Repubblica popolare democratica di Corea (RPDC), la Corea del Nord è soggetta alle sanzioni delle Nazioni Unite per i suoi programmi missilistici balistici e nucleari dal 2006, e tali misure sono state rafforzate nel corso degli anni. Tre osservatori delle sanzioni si sono recati in Ucraina all’inizio di questo mese per ispezionare i detriti e non hanno trovato prove che il missile fosse stato fabbricato dalla Russia. Essi “non potevano identificare in modo indipendente da dove fosse stato lanciato il missile, né da chi”.

“Le informazioni sulla traiettoria fornite dalle autorità ucraine indicano che è stato lanciato all’interno del territorio della Federazione Russa”, hanno scritto in un rapporto del 25 aprile al comitato per le sanzioni della Corea del Nord del Consiglio di sicurezza. “Una posizione del genere, se il missile fosse sotto il controllo delle forze russe, probabilmente indicherebbe un approvvigionamento da parte di cittadini della Federazione Russa”, hanno detto, aggiungendo che ciò costituirebbe una violazione dell’embargo sulle armi imposto alla Corea del Nord nel 2006.

Le missioni russa e nordcoreana presso le Nazioni Unite a New York non hanno risposto immediatamente alla richiesta di commento sul rapporto da parte degli osservatori delle sanzioni. Gli Stati Uniti e altri hanno accusato la Corea del Nord di aver trasferito armi alla Russia da utilizzare contro l’Ucraina, che ha invaso nel febbraio 2022. Sia Mosca che Pyongyang hanno negato le accuse, ma hanno promesso l’anno scorso di approfondire le relazioni militari.

In una riunione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite a febbraio, gli Stati Uniti hanno accusato la Russia di aver lanciato missili balistici forniti dalla RPDC contro l’Ucraina in almeno nove occasioni. Gli osservatori delle Nazioni Unite hanno affermato che i missili balistici della serie Hwasong-11 sono stati testati pubblicamente per la prima volta da Pyongyang nel 2019. Il mese scorso la Russia ha posto il veto al rinnovo annuale degli osservatori delle sanzioni delle Nazioni Unite – noto come gruppo di esperti – che per 15 anni ha monitorato l’applicazione delle sanzioni delle Nazioni Unite alla Corea del Nord sui suoi programmi nucleari e missilistici balistici. Il mandato dell’attuale gruppo di esperti scadrà martedì. Pochi giorni dopo l’attacco del 2 gennaio, l’ufficio del procuratore della regione di Kharkiv ha mostrato ai media frammenti del missile, dicendo che era diverso dai modelli russi e “potrebbe essere un missile fornito dalla Corea del Nord”.

Related posts

Intervista ad Andrea Orlando(Pd) “L’Europa non deve essere piegata sulla dimensione del rigore e dell’austerità”

Intervista all’on. Giuseppe Lupo: “Noi vogliamo l’Europa di David Sassoli, il quale diceva che ‘l’Europa deve innovare, proteggere ed essere faro”.

Il presidente iraniano Ebrahim Raisi è morto in un incidente in elicottero