Razzi sull’aeroporto di Kabul mentre le truppe si affrettano per completare l’evacuazione

Le difese antimissile degli Stati Uniti sono scattate e hanno intercettato cinque razzi lanciati sull’aeroporto di Kabul lunedì mattina mentre gli Stati Uniti si affrettano a completare il ritiro dall’Afghanistan per porre fine alla loro guerra più lunga.

Le forze statunitensi e alleate si stanno affrettando a evacuare i loro cittadini rimasti e gli afgani a rischio prima di completare il loro ritiro entro martedì per rispettare una scadenza concordata tra i talebani e Washington.

La missione è diventata più urgente e pericolosa dopo che un attentato suicida dello Stato Islamico giovedì ha ucciso 13 militari statunitensi e decine di civili afgani fuori dall’aeroporto.

I primi rapporti non indicavano vittime statunitensi dall’ultimo attacco missilistico, ma le informazioni potrebbero cambiare.

I resoconti dei media afgani hanno affermato che l’attacco missilistico è stato montato dal retro di un veicolo. Secondo l’agenzia di stampa Pajhwok, diversi razzi hanno colpito diverse parti della capitale afghana.

Gli Stati Uniti e gli alleati hanno evacuato circa 114.400 persone – inclusi cittadini stranieri e afgani vulnerabili – in un’operazione iniziata il giorno prima che Kabul cadesse in mano ai talebani il 15 agosto, ma decine di migliaia di afgani disperati rischiano di essere lasciati indietro.

“Abbiamo provato ogni opzione perché le nostre vite sono in pericolo. Loro (gli americani o le potenze straniere) devono mostrarci un modo per salvarci. Lasciare l’Afghanistan o fornirci un posto sicuro”, ha detto una donna fuori dall’aeroporto elencando le possibili opzioni.

Due funzionari statunitensi hanno detto che le evacuazioni continueranno lunedì, dando la priorità alle persone ritenute a rischio estremo. Altri paesi hanno anche presentato richieste dell’ultimo minuto per far emergere persone in quella categoria, hanno detto i funzionari.

Nessuno dei membri caduti aveva più di 31 anni e cinque avevano solo 20 anni, vecchi quanto la guerra in Afghanistan stessa.

Un attacco di droni degli Stati Uniti domenica ha ucciso un attentatore suicida che, secondo i funzionari del Pentagono, si stava preparando ad attaccare l’aeroporto per conto dell’ISIS-K, un’affiliata locale dello Stato islamico che è un nemico sia dell’Occidente che dei talebani, almeno da quanto ci risulta.

Il comando centrale degli Stati Uniti ha affermato che stava indagando sui rapporti sulle vittime civili dello sciopero, il secondo dell’esercito americano contro sospetti militanti dell’ISIS-K.

“Sappiamo che ci sono state esplosioni successive sostanziali e potenti derivanti dalla distruzione del veicolo, indicando una grande quantità di materiale esplosivo all’interno che potrebbe aver causato ulteriori vittime”, ha affermato.

La partenza delle ultime truppe segnerà la fine dell’intervento militare guidato dagli Stati Uniti in Afghanistan, iniziato alla fine del 2001, dopo gli attacchi di al Qaeda dell’11 settembre agli Stati Uniti.

La forzatura sostenuta dagli Stati Uniti ha estromesso un governo talebano che aveva fornito rifugio al leader di al Qaeda Osama bin Laden, che è stato infine ucciso dalle forze statunitensi in Pakistan nel 2011, e negli ultimi due decenni vi è stata una guerra di contro-insurrezione contro i militanti islamisti.

Il governo dei talebani nel 1996-2001 è stato caratterizzato da una versione dura della sharia, la legge islamica, con libertà fondamentali ridotte e le donne gravemente oppresse.

Il portavoce dei talebani Zabihullah Mujahid ha affermato che il gruppo annuncerà un gabinetto completo nei prossimi giorni e che le difficoltà si placheranno rapidamente una volta che la nuova amministrazione sarà operativa.

Ma con la sua economia distrutta da decenni di guerra, l’Afghanistan deve ora affrontare un arresto improvviso dell’afflusso di miliardi di dollari in aiuti esteri.

Related posts

Intervista ad Andrea Orlando(Pd) “L’Europa non deve essere piegata sulla dimensione del rigore e dell’austerità”

Intervista all’on. Giuseppe Lupo: “Noi vogliamo l’Europa di David Sassoli, il quale diceva che ‘l’Europa deve innovare, proteggere ed essere faro”.

Il presidente iraniano Ebrahim Raisi è morto in un incidente in elicottero