Home Cronaca Putin minaccia di intensificare gli attacchi contro l’Ucraina dopo l’attacco mortale di Belgorod

Putin minaccia di intensificare gli attacchi contro l’Ucraina dopo l’attacco mortale di Belgorod

by Redazione

Di Ginevra Lestingi

Il presidente russo Vladimir Putin ha promesso di intensificare gli attacchi contro l’Ucraina dopo l’attacco senza precedenti contro la città russa di Belgorod nel fine settimana.

Secondo le autorità russe, l’attacco aereo di sabato ha ucciso almeno 25 persone e ne ha ferite più di 100.

La Russia ha incolpato l’Ucraina per l’attacco, che è stato uno dei più mortali avvenuti sul suolo russo da quando è iniziata l’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte di Mosca, più di 22 mesi fa.

“Intensificheremo gli scioperi. Nessun crimine contro i civili rimarrà impunito – questo è certo”, ha detto Putin lunedì durante una visita a un ospedale militare.

Il presidente russo ha detto che la Russia continuerà a colpire quelle che ha definito “installazioni militari”.

“Lo stiamo facendo oggi e domani continueremo a farlo”, ha detto Putin.

Putin in precedenza aveva definito la distruzione di Belgorod un “attacco terroristico” e aveva accusato le forze ucraine di aver preso di mira “il centro della città, dove la gente passeggiava prima di Capodanno”.

Ha affermato che l’Ucraina viene utilizzata dall’Occidente per “risolvere i suoi problemi” e ha insistito sul fatto che il corso della guerra sta cambiando notevolmente a favore della Russia.

Il Ministero della Difesa russo ha detto che l’Ucraina ha colpito Belgorod con due missili e diversi razzi. Si dice che la maggior parte delle armi siano state abbattute, ma alcuni detriti sono caduti sulla città.

Vyacheslav Gladkov, governatore della regione di Belgorod, ha detto che l’attacco ha danneggiato 30 condomini e diverse case e automobili.

I funzionari ucraini raramente riconoscono la responsabilità degli attacchi sul territorio russo.

Botti di Capodanno

Almeno cinque persone sono state uccise negli attacchi di Capodanno nella regione di Odessa, nell’Ucraina meridionale, e nella città orientale di Donetsk, occupata dai russi.

Un ragazzo di 15 anni è stato ucciso e sette persone sono rimaste ferite quando i detriti di uno degli 87 droni abbattuti hanno colpito un edificio residenziale nella città di Odessa, nel sud dell’Ucraina, ha detto il capo dell’amministrazione militare della regione, Oleh Kiper.

Nella città occidentale di Leopoli, gli attacchi russi hanno gravemente danneggiato un museo dedicato a Roman Shukhevych, un nazionalista ucraino e comandante militare che combatté per l’indipendenza ucraina durante la seconda guerra mondiale. Danneggiati anche gli edifici universitari della città di Dubliany.

Scrivendo sui social media, il sindaco di Leopoli Andriy Sadovyi ha descritto lo sciopero come “simbolico e cinico”, aggiungendo: “Questa è una guerra per la nostra storia”.

Quattro persone sono state uccise e 13 ferite nel bombardamento ucraino delle aree di Donetsk occupate dai russi, secondo il leader della regione imposto dal Cremlino, Denis Pushilin. I media statali russi hanno riferito che tra le vittime c’era anche un giornalista, ma non hanno fornito dettagli.

Una persona è stata uccisa e un’altra ferita nel bombardamento nella città russa di confine di Shebekino, ha detto il governatore Vyacheslav Gladkov.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento