Home In evidenza Putin annuncia un “nuovo ordine mondiale”

Putin annuncia un “nuovo ordine mondiale”

by Redazione

Dopo i ritardi legati a degli attacchi hacker ai sistemi del Forum di San Pietroburgo, Vladimir Putin ha fatto il suo discorso alla sessione plenaria.

Il discorso del presidente russo è stato molto rancoroso nei confronti di Washington e Bruxelles e preannuncia un cambio di rotta legato ad un nuovo ordine mondiale.

Il presidente russo Putin afferma che gli Stati Uniti fingono di non notare che ci sono altri forti centri di potere nel mondo.

Le nazioni occidentali pensano ancora nei termini del secolo scorso, trattando gli altri stati come colonie. Putin dice che cercano di isolare, o cancellare, gli stati “sbagliati”.

Il presidente russo attacca le sanzioni imposte dall’Occidente in seguito all’invasione russa dell’Ucraina, dicendo che sono “folli e sconsiderate”. Dice che i paesi occidentali non sono riusciti ad abbattere Mosca.

“La guerra lampo economica contro la Russia non ha avuto alcuna possibilità di successo fin dall’inizio”, dice.

Putin afferma che le sanzioni sono più dannose per coloro che le impongono. Dice che l’Unione Europea potrebbe perdere più di $ 400 miliardi a causa delle sanzioni contro la Russia.

Putin aggiunge che l’Ue ha perso la sua “sovranità politica” nella sua risposta alla guerra in Ucraina e dice che l’inflazione sta aumentando nei paesi europei. La disuguaglianza aumenterà solo a causa delle sanzioni, evidenzia il presidente russo.

Putin afferma che i veri interessi delle persone in Europa vengono messi da parte per far posto agli ideali.

Continuando con il discorso del presidente Putin a San Pietroburgo.

Riferendosi ai timori di una crisi alimentare globale innescata dalla guerra in Ucraina, afferma che la Russia è in grado di aumentare in modo significativo le sue esportazioni di grano e fertilizzanti.

Le sole esportazioni di grano potrebbero salire a circa 50 milioni di tonnellate, dice.

L’Ucraina è uno dei principali produttori mondiali di grano insieme alla Russia, ma non è stata in grado di inviare rifornimenti all’estero a causa del blocco dei suoi porti.

Ma Putin continua a negare che Mosca stia impedendo all’Ucraina di inviare i suoi prodotti all’estero o che sia responsabile dell’aumento dei prezzi sul mercato globale dei cereali. La Russia invierà esportazioni di cibo in Africa e Medio Oriente, aggiunge.

Il presidente Putin si rivolge alla guerra in Ucraina e dice che la decisione della Russia di avviare la cosiddetta “operazione militare speciale” è stata difficile, ma “ci è stata forzata”.

Putin afferma che mirava a proteggere il “nostro popolo” del Donbas – nell’Ucraina orientale, mentre ribadisce la sua infondata accusa di “essere sottoposto a genocidio”.

Aggiunge che “l’Occidente continua a rifornire armi all’Ucraina”, affermando che “tutti gli obiettivi dell’operazione speciale saranno raggiunti senza alcun dubbio”.

Vladimir Putin afferma che la Russia si svilupperà come un’economia aperta e non percorrerà mai la strada dell’isolamento, nonostante le sanzioni senza precedenti imposte dall’Occidente in seguito all’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca.

Putin dice che la Russia continuerà a trattare con le compagnie occidentali e che spera che i flussi di gas aumentino attraverso nuove rotte. Inoltre il presidente russo aggiunge che la Russia continuerà ad ampliare la cooperazione economica “con chi la vuole”.

Putin conclude il suo discorso, dicendo al pubblico di San Pietroburgo: “La Russia sta entrando nell’era che sta iniziando come nazione potente e sovrana”.

“Utilizzeremo sicuramente le colossali opportunità offerte dai tempi attuali e saremo ancora più forti”.

Aggiunge: “È ovvio che le regole, l’essenza del nuovo ordine mondiale, saranno stabilite da forti stati sovrani”. Altri, dice, sono “destinati a rimanere colonie senza diritti”.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento