Home Cronaca Piovono missili su Kiev dopo che Putin ha accusato l’Ucraina dell’attacco al ponte

Piovono missili su Kiev dopo che Putin ha accusato l’Ucraina dell’attacco al ponte

by Nik Cooper

Massicce esplosioni hanno scosso la capitale ucraina e altre città durante l’ora di punta mattutina di lunedì in apparenti attacchi di vendetta russa dopo che il presidente Vladimir Putin ha dichiarato che un’esplosione sul ponte per la Crimea è un attacco terroristico.

Gli attacchi sono stati i più intensi a colpire la capitale ucraina dai primi giorni della guerra e hanno mandato i residenti in fuga verso i rifugi antiaerei e il fumo denso si è alzato verso il cielo.

Sono state segnalate esplosioni anche a Lviv, Ternopil e Zhytomyr nell’ovest dell’Ucraina e a Dnipro nell’Ucraina centrale.

In uno degli incroci stradali più trafficati di Kiev, si era formato un enorme cratere dopo una potente esplosione. Diverse auto sono saltate in aria, gli edifici sono stati danneggiati e sul posto sono intervenuti i soccorsi. Due auto e un furgone vicino al cratere sono state completamente distrutte, annerite e bucate dalle schegge.

Le finestre degli edifici della principale Università Taras Shevchenko di Kiev erano state spazzate via. Le truppe della Guardia Nazionale in completo equipaggiamento da combattimento e munite di fucili d’assalto erano allineate fuori dall’edificio di un sindacato educativo.

“La capitale è attaccata dai terroristi russi! I missili hanno colpito oggetti nel centro della città (nel distretto di Shevchenkivskyi) e nel distretto di Solomyanskyi. Le sirene dei raid aerei stanno suonando, e la minaccia continua”, ha scritto il sindaco Vitali Klitschko sui social.

“Le strade centrali di Kiev sono state bloccate dalle forze dell’ordine, i servizi di soccorso stanno lavorando”.

Un portavoce dei servizi di emergenza statali ha detto che ci sono morti e feriti, anche se non hanno fornito ulteriori dettagli.

Putin ha affermato domenica che l’attacco, che ha danneggiato l’unico ponte sullo stretto di Kerch verso la penisola di Crimea, è stato “un atto di terrorismo volto a distruggere infrastrutture civili di importanza critica”.

“Questo è stato ideato, realizzato e ordinato dai servizi speciali ucraini”, ha detto in un video sul canale Telegram del Cremlino.

L’Ucraina non ha rivendicato l’esplosione, ma l’ha celebrata. Alti funzionari russi hanno chiesto una rapida risposta al Cremlino prima di una riunione del consiglio di sicurezza di Putin lunedì.

Il ponte è un’importante via di rifornimento per le forze russe nell’Ucraina meridionale e un simbolo del controllo russo della Crimea, la penisola che ha proclamato annessa dopo che le sue truppe l’hanno sequestrata nel 2014.

Il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo Dmitry Medvedev ha affermato prima della riunione che la Russia dovrebbe uccidere i “terroristi” responsabili dell’attacco.

“La Russia può rispondere a questo crimine solo uccidendo direttamente i terroristi, come è consuetudine in altre parti del mondo. Questo è ciò che i cittadini russi si aspettano”, ha affermato l’agenzia di stampa statale Tass.

Alexander Bastrykin, il capo del comitato investigativo russo, ha detto domenica che un veicolo è esploso sul ponte provocando un incendio.

Il veicolo ha viaggiato attraverso Bulgaria, Georgia, Armenia, Ossezia del Nord e la regione russa di Krasnodar prima di raggiungere il ponte, ha detto.

Tra coloro che hanno aiutato i servizi speciali ucraini a preparare l’attacco c’erano “cittadini della Russia e di paesi stranieri”, ha aggiunto Bastrykin nel video sul canale Telegram del Cremlino.

Sabato il ministero della Difesa russo ha affermato che le sue forze nell’Ucraina meridionale potrebbero essere “completamente rifornite” attraverso le rotte terrestri e marittime esistenti.

Nel sud-est dell’Ucraina, i bombardamenti russi durante la notte hanno distrutto un altro condominio nella città di Zaporizhzhia, ha dichiarato lunedì il governatore regionale Oleksandr Starukh. Almeno una persona è morta e cinque sono rimaste ferite nell’attacco, ha detto un funzionario cittadino.

Gli attacchi prima dell’alba sono stati il ​​terzo attacco missilistico russo contro condomini in città in quattro giorni. La città, che le forze russe non hanno mai catturato, è la capitale di una delle quattro regioni parzialmente occupate che la Russia afferma di aver annesso questo mese.

Secondo funzionari ucraini, un attacco ha ucciso almeno 13 persone e ferito altre 87, tra cui 10 bambini. Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy ha condannato quell’attacco come “male assoluto”.

“Questo è stato un colpo deliberato. Chiunque abbia dato l’ordine e chiunque lo abbia eseguito sapeva cosa stavano prendendo di mira”, ha detto in un discorso video.

La Russia nega di prendere di mira i civili. Vladimir Rogov, un funzionario dell’amministrazione insediata dalla Russia a Zaporizhzhia, ha affermato senza prove che le forze ucraine avevano bombardato la città per “scopi di propaganda”.

La Russia ha dovuto affrontare gravi battute d’arresto sul campo di battaglia dall’inizio di settembre, con le forze ucraine che hanno fatto irruzione attraverso le linee del fronte e riconquistano territori nel nord-est e nel sud.

Putin ha risposto alle perdite ordinando la mobilitazione di centinaia di migliaia di riservisti, proclamando l’annessione dei territori occupati e minacciando ripetutamente di usare armi nucleari.

Le truppe russe stanno concentrando i loro sforzi sulla città orientale di Bakhmut ha affermato lunedì un aggiornamento dell’intelligence britannica.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento