Home Attualità New York: La tempesta Elliot uccide 13 persone nella zona di Buffalo

New York: La tempesta Elliot uccide 13 persone nella zona di Buffalo

by Redazione

Una letale bufera di neve ha paralizzato Buffalo, New York, il giorno di Natale, intrappolando automobilisti e soccorritori nei loro veicoli, lasciando migliaia di case senza elettricità e aumentando il bilancio delle vittime delle tempeste che hanno raggelato gran parte degli Stati Uniti per giorni.

La guerra contro il clima si fa sempre più dura e almeno 30 persone sono morte in incidenti meteorologici negli Stati Uniti, secondo un conteggio di NBC News, da quando un gelo ha colpito la maggior parte della nazione, insieme a neve, ghiaccio e venti ululanti da una tempesta tentacolare che ha ruggito dalla regione dei Grandi Laghi di venerdì.

La CNN ha riportato un totale di 26 vittime ma il numero è destinato ad aumentare.

Gran parte della perdita di vite umane si è concentrata dentro e intorno a Buffalo, ai margini del lago Erie, nella parte occidentale di New York, poiché la neve fredda e pesante “effetto lago” – il risultato dell’aria gelida che si sposta sulle acque più calde del lago – è persistita durante le vacanze nel fine settimana.

Il dirigente della contea di Erie, Mark Poloncarz, ha dichiarato che il bilancio confermato delle vittime della tempesta è salito a 13 domenica, rispetto ai tre segnalati durante la notte nella regione di Buffalo. Le ultime vittime includevano alcune trovate in auto e altre in banchi di neve, ha detto Poloncarz.

“Questo non è il Natale che nessuno di noi sperava né si aspettava”, ha detto domenica Poloncarz su Twitter. “Le mie più sentite condoglianze alle famiglie che hanno perso i loro cari”.

Il governatore di New York Kathy Hochul lo ha definito un disastro meteorologico “epico, irripetibile” che si è classificato come la più feroce tempesta invernale che ha colpito la grande area di Buffalo dai tempi di una paralizzante bufera di neve del 1977 che ha ucciso quasi 30 persone.

“Ora abbiamo superato la portata di quella tempesta, nella sua intensità, longevità, ferocia dei suoi venti”, ha detto Hochul in una conferenza stampa serale, aggiungendo che l’attuale tempesta probabilmente passerà alla storia come “the blizzard of ’22”.

L’ultima bufera di neve è arrivata quasi sei settimane dopo che una tempesta da record ma di breve durata ha colpito la parte occidentale di New York.

La gravità della tempesta è stata notevole anche per una regione abituata al rigido clima invernale.

L’amministrazione Biden aveva accettato di sostenere la richiesta di dichiarazione di disastro federale.

Circa 200 soldati della Guardia Nazionale sono stati mobilitati nella parte occidentale di New York per aiutare la polizia e i vigili del fuoco, condurre controlli sanitari e portare rifornimenti ai rifugi, ha detto Hochul.

Una delle più grande tempeste della storia stava spostando verso est domenica, dopo aver interrotto l’alimentazione a ben 1,5 milioni di clienti al culmine delle interruzioni alla fine della scorsa settimana e aver costretto migliaia di cancellazioni di voli commerciali durante il periodo di intenso viaggio delle vacanze.

Più di 150.000 case e aziende negli Stati Uniti sono rimaste senza elettricità domenica, in netto calo rispetto agli 1,8 milioni senza elettricità all’inizio di sabato, secondo PowerOutage.us.

A Buffalo, domenica sera, 15.000 residenti erano ancora senza elettricità.

Una sottostazione elettrica fuori servizio è stata sigillata da un cumulo di neve alto 18 piedi e le squadre di servizio hanno trovato l’intera struttura congelata all’interno.

Le temperature del giorno di Natale sono rimaste ben al di sotto della media negli Stati Uniti centrali e orientali, e sotto lo zero anche a sud fino alla Costa del Golfo, meteorologo del National Weather Service (NWS).

Potrebbe interessarti

Lascia un commento