Home Senza categoria Morto Ezio Bosso, il grande maestro che ha commosso l’Italia

Morto Ezio Bosso, il grande maestro che ha commosso l’Italia

by Rosario Sorace

Ezio Bosso ha lasciato la vita terrena e la musica internazionale perde un eccelso protagonista. La sua anima è stata colma di queste doti artistiche e a soli quattro anni ha iniziato la lunga passione per il piano.

Nella sua famiglia c’era anche il fratello musicista e così a 16 anni, dopo un lungo apprendistato, esordisce in Francia ed incomincia a girare l’Europa. Ma l’incontro con Ludwig Streicher segna una svolta nella sua carriera artistica, che lo porta a studiare Composizione e Direzione d’Orchestra all’Accademia di Vienna. Sembrava avviato ad un successo senza limiti, ma un destino infausto lo attendeva. Nel 2011, subisce un intervento per l’asportazione di una neoplasia e viene anche colpito da una sindrome autoimmune. In un primo momento queste patologie non gli avevano impedito di continuare a suonare, comporre e dirigere. Purtroppo il peggioramento di una malattia neurodegenerativa, verificatasi l’ha costretto nel settembre 2019 alla cessazione dell’attività di pianista, avendo compromesso definitivamente l’uso delle mani.

Negli anni novanta ha partecipato a numerosi concerti sulla scena internazionale, nei quali si è esibito, sia come solista, sia come direttore o in formazioni da camera. Ha tenuto corsi in Giappone e a Parigi, partecipando ad alti livelli alla vita musicale della scena contemporanea. Ha diretto tra le altre orchestre in Italia e all’estero. Dal 1º ottobre 2017 al 14 giugno 2018 è stato direttore stabile residente del Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste.

Il grande musicista, pianista, direttore d’orchestra compositore, è morto nella sua casa di Bologna a soli 48 anni. La sua malattia neurodegenerativa l’aveva costretto anche a muoversi in carrozzella. Nonostante la sua vita fosse segnata, il pianista non solo non si è mai arreso, ma, anzi, combatteva fieramente con coraggio e allegria. La passione verso la musica aveva forgiato tutta la sua esistenza e per lui quest’arte era vissuta come una rinascita del corpo e dello spirito.

Nonostante l’impossibilità di suonare il piano aveva diretto con la sua orchestra, la Europe Philharmonic, lo scorso gennaio e aveva tenuto le ultime trionfali serate all’insegna di Beethoven e Strauss al Conservatorio di Milano per la Società dei Concerti.

Quando si trattava di dirigere si trasformava e trasmetteva il suo amore infinito verso la sinfonia e la musica coinvolgendo l’orchestra in un pathos emozionante.
Nella sua ultima intervista aveva usato frasi toccanti: “I miei orchestrali sono i miei fratelli, i miei figli. Ci sentiamo moltissimo ma non è lo stesso. Alcuni stanno vivendo un periodo di grande sofferenza, non possono più suonare, non hanno più un reddito”.

La sensibilità di questo grande artista è stata indimenticabile perché non smetteva mai di progettare il futuro. La sua immensa umanità resta nel ricordo del grande pubblico nella sua commovente esibizione al Festival di Sanremo. Ora Ezio è una stella del firmamento che non si spegnerà mai.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento