Molto tempo fa vi era moltissima acqua su Marte. Ma ora dove si trova?

Di Mimmo Di Maggio

Marte una volta era un mondo umido, con abbondanti masse d’acqua sulla sua superficie. Ma questo è cambiato radicalmente miliardi di anni fa, lasciandosi alle spalle il paesaggio desolato conosciuto oggi. Allora cosa è successo all’acqua? Gli scienziati hanno una nuova ipotesi.

I ricercatori hanno affermato questa settimana che da qualche parte tra il 30% e il 99% circa di esso potrebbe ora essere intrappolato all’interno di minerali nella crosta marziana, in contrasto con la nozione di lunga data che semplicemente è stato perso nello spazio fuggendo attraverso l’alta atmosfera.

“Troviamo che la maggior parte dell’acqua di Marte è andata persa nella crosta. L’acqua è stata persa 3 miliardi di anni fa, il che significa che Marte è stato il pianeta asciutto che è oggi negli ultimi 3 miliardi di anni”, ha detto Eva Scheller, dottoranda del California Institute of Technology, autrice principale dello studio finanziato dalla NASA pubblicato martedì sulla rivista Science.

All’inizio della sua storia, Marte potrebbe aver posseduto acqua liquida sulla sua superficie approssimativamente equivalente in volume alla metà dell’Oceano Atlantico, abbastanza da aver coperto l’intero pianeta con acqua forse fino a quasi un miglio (1,5 km) di profondità.

L’acqua è composta da un ossigeno e due atomi di idrogeno. La quantità di un isotopo dell’idrogeno, o variante, chiamato deuterio presente su Marte, ha fornito alcuni indizi sulla perdita d’acqua. A differenza della maggior parte degli atomi di idrogeno che hanno un solo protone all’interno del nucleo atomico, il deuterio – o idrogeno “pesante” – vanta un protone e un neutrone.

L’idrogeno ordinario può sfuggire attraverso l’atmosfera nello spazio più facilmente del deuterio. La perdita d’acqua attraverso l’atmosfera, secondo gli scienziati, lascerebbe dietro di sé un rapporto molto elevato di deuterio rispetto al normale idrogeno. I ricercatori hanno utilizzato un modello che simulava la composizione dell’isotopo di idrogeno e il volume dell’acqua di Marte.

“Ci sono tre processi chiave all’interno di questo modello: ingresso di acqua dal vulcanismo, perdita di acqua nello spazio e perdita di acqua sulla crosta. Attraverso questo modello e abbinandolo al nostro set di dati sull’isotopo dell’idrogeno, possiamo calcolare quanta acqua è stata persa nello spazio e nella crosta”, ha detto Scheller.

I ricercatori hanno suggerito che molta dell’acqua non ha effettivamente lasciato il pianeta, ma piuttosto è finita intrappolata in vari minerali che contengono acqua come parte della loro struttura minerale, in particolare argille e solfati.

Quest’acqua intrappolata, sebbene apparentemente abbondante se presa nel suo insieme, potrebbe non fornire una risorsa pratica per le future missioni degli astronauti su Marte.

“La quantità di acqua all’interno di una roccia o di un minerale è molto piccola. Dovresti riscaldare molta roccia per rilasciare acqua in quantità apprezzabile”, ha detto Scheller.

Related posts

Intervista all’on. Giuseppe Lupo: “Noi vogliamo l’Europa di David Sassoli, il quale diceva che ‘l’Europa deve innovare, proteggere ed essere faro”.

Sciopero Rai: I giornalisti si ribellano al bavaglio meloniano

Ucraina: Le Nazioni Unite affermano che un missile della Corea del Nord è esploso a Kharkiv