Home News Merkel: L’Europa deve lavorare insieme per rimanere in prima linea sulle High-tech

Merkel: L’Europa deve lavorare insieme per rimanere in prima linea sulle High-tech

by Freelance

Di Mirko Fallacia

I paesi europei devono lavorare insieme alla produzione di chip di prossima generazione, ha affermato Angela Merkel, attingendo ai suoi 16 anni di esperienza nella più alta carica per avvertire che nessun paese europeo potrebbe rimanere in prima linea nell’high-tech da solo.

Il cancelliere tedesco uscente ha dichiarato in un’intervista che i costi per passare al livello successivo in aree dallo sviluppo di chip al cloud, al calcolo quantistico e alla produzione di batterie significavano che il settore privato avrebbe avuto bisogno del sostegno statale.

La stessa Merkel ha condotto ricerche fondamentali sulla chimica quantistica nella Germania dell’Est prima di entrare in politica dopo la riunificazione tedesca nel 1990.

Ha indicato la Corea, Taiwan e il pacchetto di stimoli del presidente degli Stati Uniti Joe Biden come esempi di ciò che era possibile.

“Lo stato dovrà svolgere un ruolo significativo. La Corea del Sud e Taiwan dimostrano che la produzione competitiva di chip nell’intervallo di 3 o 2 nanometri, ad esempio, è essenzialmente impossibile senza sussidi statali”, ha affermato.

L’attuale lotta dell’economia globale per ripristinare le catene di approvvigionamento spezzate dalla carenza di risorse e dalla pandemia di coronavirus evidenzia ulteriormente la necessità di garantire che l’Europa disponga di propri impianti di produzione in aree chiave, ha affermato.

Ma ha anche lamentato l’incapacità delle aziende tedesche di capitalizzare su una base di ricerca eccezionale.

In particolare, ha affermato di essere “scioccata” dalla mancanza di interesse delle aziende tedesche per l’informatica quantistica, anche se la Germania è leader mondiale nella ricerca in un campo che potrebbe rendere i computer più veloci e potenti che mai.

Inoltre la Merkel ha affermato che il suo governo ha compiuto passi avanti per migliorare l’innovazione e la cultura delle start-up in Germania, indicando un progetto guidato dalla Germania per creare un’infrastruttura di dati cloud sicura ed efficiente per l’Europa, denominata Gaia-X.

“Ma a lungo termine non può essere lo stato a guidare i nuovi sviluppi”, ha affermato il leader più longevo dell’Unione europea. Anche la struttura di governo tentacolare e decentralizzata della Germania potrebbe essere un ostacolo all’innovazione.

La Merkel ha affermato che la presenza di un consiglio etico e di un responsabile della protezione dei dati in ciascuno dei 16 stati federali rappresenta un pesante fardello per le aziende nel settore delle scienze della vita, ad esempio, dove la Germania è rimasta indietro.

Tuttavia, era all’avanguardia per quanto riguarda la ricerca in settori come la fisica quantistica, la ricerca sul clima, la fisica, la chimica e la robotica, ha affermato. Non che lo stesso si possa dire per l’uso della tecnologia domestica da parte della Merkel.

“Sono abbastanza felice quando posso impostare un avvio ritardato della mia lavatrice, ma oltre a questo, ad essere onesti, non ho né il tempo né la voglia di avere tutta la mia casa controllata a distanza”, ha detto. “Forse svilupperò un interesse quando avrò più tempo nel prossimo futuro”, conclude la Merkel.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento