Home In evidenza Mentre l’Europa si divide sul tema immigrati Di Maio “viaggia” nel Limbo

Mentre l’Europa si divide sul tema immigrati Di Maio “viaggia” nel Limbo

by Romano Franco

L’Europa è sempre più divisa sul tema dell’accoglienza comune europea per quanto riguarda i profughi provenienti dall’Afghanistan.

Il presidente del Consiglio dell’Unione Europea e premier sloveno, Janez Jansa, ribadisce la sua posizione: “L’Ue non aprirà corridoi per i migranti afghani, non permetteremo che si ripeta l’errore strategico del 2015. Dobbiamo aiutare solo gli individui che ci hanno aiutato durante l’operazione Nato e quei Paesi che sorvegliano il confine esterno dell’Ue per proteggerlo completamente”.

Kurz si dice contrario ad accogliere altri afgani

Anche il cancelliere conservatore austriaco Sebastian Kurz si oppone ad accogliere altre persone in fuga dall’Afghanistan ora che i talebani hanno preso il potere, ha affermato in un commento pubblicato domenica.

L’Austria ha accolto più dell’uno per cento della sua popolazione in richiedenti asilo durante la crisi migratoria europea nel 2015 e nel 2016, e Kurz ha costruito la sua carriera prendendo una linea dura sull’immigrazione, vincendo tutte le elezioni parlamentari dal 2017.

Mentre l’Unione europea è alle prese con cosa fare con gli afgani che l’hanno assistita negli ultimi 20 anni, Kurz ha affermato che venire in Austria non era un’opzione.

“Sono chiaramente contrario al fatto che ora accettiamo volontariamente più persone e questo non accadrà durante la mia carica di cancelliere”, ha detto Kurz in un’intervista al canale televisivo Puls 24. Gli estratti dell’intervista sono stati rilasciati prima che venisse trasmessa domenica.

L’Austria ha più di 40.000 rifugiati afgani, il secondo numero più grande in Europa dopo la Germania, che ne ha 148.000, secondo i dati dell’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati UNHCR per il 2020. La popolazione austriaca è nove volte più piccola di quella tedesca.

Anche l’Austria è un paese neutrale e non membro della NATO. Ha inviato solo un numero molto limitato di truppe in Afghanistan. Il sito web della NATO lo elenca come aver inviato 16 truppe per la missione di supporto risoluto, uno sforzo per addestrare e consigliare le forze di sicurezza afghane.

“Non sono dell’opinione che dovremmo accogliere più persone. Al contrario”, ha detto Kurz. “L’Austria ha dato un contributo sproporzionato”, ha aggiunto, riferendosi al gran numero di rifugiati e richiedenti asilo afgani già presenti nel Paese.

Ha detto che le persone in fuga dall’Afghanistan dovrebbero rimanere nella regione, aggiungendo che i vicini Turkmenistan e Uzbekistan hanno accolto rispettivamente solo 14 e 13 rifugiati afgani, il che corrisponde ai dati dell’UNHCR.

Mentre le amministrazioni più conservatrici chiudono le porte, la presidente della Commissione Ue Ursula Von del Leyen nei giorni scorsi era stata chiara: “Il reinsediamento delle persone vulnerabili è della massima importanza. E’ nostro dovere morale”.

A fare eco a questo concetto ci pensa il presidente del Parlamento Ue, David Sassoli che dice: “La sconfitta dell’Occidente mette in discussione la nostra identità nel contesto globale, ma non possiamo diventare spettatori sconcertati e impotenti”.

Poi, Sassoli risponde duramente a Jansa rimproverandolo: “Non spetta al presidente di turno dire cosa farà l’Unione Europea. Tutte le nostre istituzioni stanno facendo uno sforzo per cercare di individuare tutti gli elementi di solidarietà nei confronti, non solo di tutti gli afghani che hanno lavorato con noi, ma anche delle persone che si sentono a rischio rispetto al nuovo regime”.

Intanto, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez hanno concordato che due basi militari nel sud della Spagna possono essere utilizzate per ricevere gli afgani che hanno lavorato per il governo degli Stati Uniti.

Sabato sera, in una conversazione telefonica di 25 minuti, Biden e Sanchez hanno concordato che Moron de la Frontera vicino a Siviglia e Rota vicino a Cadice possono essere utilizzate per i rifugiati dall’Afghanistan fino a quando non sarà organizzato il loro viaggio in altri paesi.

“Pedro Sanchez e Joe Biden hanno concordato l’uso delle basi di Moron e Rota per ospitare gli afgani che hanno lavorato con gli Stati Uniti mentre erano in transito verso altri paesi”, ha affermato domenica il governo spagnolo in una nota.

Sanchez ha twittato sabato: “Ho appena avuto una conversazione significativa con il presidente Joe Biden in cui abbiamo affrontato diversi argomenti di interesse comune, in particolare la situazione in Afghanistan e la collaborazione tra i nostri governi nell’evacuazione dei cittadini da quel paese”.

Un aereo che trasportava 110 rifugiati afgani e le loro famiglie è arrivato sabato sera a un hub dell’Unione europea con sede in Spagna presso una base militare fuori Madrid, tra cui 36 persone che avevano lavorato per l’amministrazione statunitense in Afghanistan.

La base viene utilizzata per ospitare i rifugiati afgani che hanno lavorato con l’Unione Europea e le loro famiglie che poi si trasferiranno in altri paesi dell’UE.

La Turchia rafforza il confine per bloccare qualsiasi ondata di migranti afghani

Gli afghani che riescono a compiere il viaggio di settimane attraverso l’Iran a piedi fino al confine turco devono affrontare un muro alto tre metri, fossati o filo spinato mentre le autorità turche intensificano gli sforzi per bloccare qualsiasi afflusso di rifugiati nel paese.

Le misure rafforzate alle frontiere in Turchia, che ospita già quasi 4 milioni di rifugiati siriani ed è un punto di passaggio per molti migranti che cercano di raggiungere l’Europa, sono iniziate quando i talebani hanno iniziato ad avanzare in Afghanistan e hanno preso il controllo di Kabul la scorsa settimana.

Le autorità prevedono di aggiungere altri 64 km entro la fine dell’anno a un muro di confine iniziato nel 2017. Fossati, cavi e pattuglie di sicurezza 24 ore su 24 copriranno il resto dei 560 km di frontiera.

“Vogliamo mostrare al mondo intero che i nostri confini sono invalicabili”, ha detto Mehmet Emin Bilmez, governatore della provincia di confine orientale di Van. “La nostra più grande speranza è che non ci sia un’ondata di migranti dall’Afghanistan”.

La Turchia non è l’unico paese a erigere barriere: la sua vicina Grecia ha appena completato una recinzione di 40 km e un sistema di sorveglianza per tenere fuori i migranti che riescono ancora a entrare in Turchia e cercano di raggiungere l’Unione europea.

Le autorità dicono che ci sono 182.000 migranti afgani registrati in Turchia e fino a circa 120.000 non registrati. Il presidente Tayyip Erdogan ha esortato i paesi europei ad assumersi la responsabilità di qualsiasi nuovo afflusso, avvertendo che la Turchia non aveva intenzione di diventare “l’unità di stoccaggio dei migranti in Europa”.

Il numero di migranti afgani irregolari detenuti in Turchia finora quest’anno è meno di un quinto del numero dei detenuti nel 2019 e i funzionari affermano di non aver ancora visto segni di un’impennata maggiore dalla vittoria dei talebani della scorsa settimana, anche se per far fronte alle lunghe distanze potrebbero volerci settimane per arrivare.

Il lato turco del confine montuoso con l’Iran è fiancheggiato da basi e torri di avvistamento. Le auto della pattuglia controllano 24 ore su 24 i movimenti dal lato iraniano, da dove migranti, trafficanti e militanti curdi cercano spesso di entrare in Turchia.

Le strade che portano dal confine sono fiancheggiate da posti di blocco. I migranti che riescono a farcela vengono nascosti dai contrabbandieri nelle case – spesso edifici sporchi e fatiscenti nel sottosuolo o in profondi letti di fiumi secchi – in attesa di essere trasferiti nella Turchia occidentale.

Sabato la polizia ha catturato 25 migranti, per lo più afgani, dietro un edificio fatiscente nel quartiere di Van Hacibekir.

“Pensavamo di avere strutture qui, guadagneremo per sostenere i nostri genitori. Là ci sono i talebani che ci uccidono”, ha detto il ventenne Zaynullah, uno dei detenuti. Ha detto di essere arrivato in Turchia due giorni prima dopo aver viaggiato a piedi per 80 giorni.

Le persone catturate vengono portate per controlli sanitari e di sicurezza in un centro di elaborazione. Lì Seyyed Fahim Mousavi, un 26enne, ha detto di essere fuggito dalla sua casa di Kabul un mese fa, prima che arrivassero i talebani, temendo che lo avrebbero ucciso perché aveva lavorato come autista per americani e turchi.

Sua moglie di 22 anni, Morsal, ha detto che hanno fatto il viaggio attraverso l’Iran principalmente a piedi per sfuggire ai talebani.

“Fanno del male alle donne. Dopo averle violentate, le uccidono. Decapitano gli uomini”, ha detto, tenendo in braccio i suoi due bambini, di due e cinque anni. “Non vogliamo tornare indietro. Rimaniamo qui.”

Dopo l’elaborazione, i migranti vengono portati in un centro di rimpatrio, dove possono trascorrere fino a 12 mesi prima di essere rispediti nel loro paese d’origine. Questi rimpatri per gli afgani sono stati ora interrotti, lasciando circa 7.500 afgani nel limbo in vari centri di rimpatrio.

Ramazan Secilmis, vice capo della direzione della migrazione, ha affermato che la sua organizzazione sta lavorando per identificare coloro che hanno bisogno di protezione dai talebani per trasferirli in paesi terzi.

Gli eventi in Afghanistan hanno alimentato i timori nell’Unione europea di una ripetizione della crisi dei rifugiati del 2015, quando quasi un milione di persone in fuga dalla guerra e dalla povertà in Medio Oriente e oltre è passato in Grecia dalla Turchia prima di viaggiare verso nord verso gli stati più ricchi.

La Grecia era in prima linea in quella crisi e ha affermato che le sue forze di frontiera sono in allerta per assicurarsi che non torni ad essere la porta d’ingresso dell’Europa.

La crisi in Afghanistan ha creato “possibilità per i flussi migratori”, ha affermato il ministro per la protezione dei cittadini Michalis Chrisochoidis dopo aver visitato venerdì la regione di Evros con il ministro della difesa e il capo delle forze armate.

“Non possiamo aspettare, passivamente, il possibile impatto”, ha detto Chrisochoidis ai giornalisti. “I nostri confini rimarranno sicuri e inviolabili”.

Gli arrivi di migranti in Grecia, via terra o via mare, sono complessivamente rallentati dal 2016, quando l’UE ha concordato un accordo con la Turchia per arginare i flussi in cambio di sostegno finanziario.

Grecia e Turchia, alleati della NATO e rivali storici, sono stati a lungo in disaccordo sulle questioni dei migranti e sulle rivendicazioni territoriali in competizione nel Mediterraneo orientale.

Intanto, come sempre, c’è chi cerca di darsi un tono e di farsi distinguere. Stiamo parlando del ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, che, con le sue lezioni di morale e di etica da brividi, quasi come le sue piroette sugli ideali politici, semmai ne abbia mai avuti, cerca di esporre in maniera goffa un chiarimento su una questione davvero poco chiara. “L’Afghanistan – dice Di Maio – negli ultimi venti anni ha rappresentato una delle principali sfide per la comunità internazionale e il sistema multilaterale. Nonostante venti anni di presenza e investimento nel Paese da parte di una vasta coalizione internazionale, delle Nazioni Unite, di Nato e Unione Europea, il collasso repentino del governo afghano e delle sue istituzioni – collasso sfuggito alle capacità di previsione della comunità internazionale – ci pone di fronte ad uno scenario drammatico. Un dramma rispetto al quale dovremo interrogarci, per capire gli errori commessi dall’Occidente e dall’intera comunità internazionale”.

“La gravità della situazione in Afghanistan – prosegue il ministro degli Esteri – rende ineludibile un raccordo ancor più stretto con i nostri alleati, per definire una strategia comune a favore del popolo afghano e delle conquiste maturate finora”. Inoltre, “La messa in sicurezza degli afghani che hanno collaborato a vario titolo con la comunità internazionale e di personalità che si sono esposte a favore dei diritti umani e civili è al centro dei nostri sforzi. L’Italia, presente con il console e un nucleo di militari presso l’aeroporto di Kabul, continua a lavorare per portare in salvo i collaboratori e gli attivisti che vogliono lasciare il Paese. Abbiamo evacuato finora circa 1.600 civili afghani, nostri ex collaboratori e loro familiari. Il piano è di trasferirne in Italia circa 2.500”.

E così, dopo aver tessuto il suo elogio sui suoi meriti che appaiono invisibili, “il multiforme” Di Maio descrive così la situazione imbarazzante del governo italiano che sottolinea ancora una volta, grazie ai soggetti, di essere inerme e vincolato dalle decisioni altrui degli alleati che “contano”.

L’unica cosa che traspare e che appare evidente è quanto sia cambiata nel tempo la posizione di Di Maio che, pur di stare in quel palazzo che conta, abbia cambiato diverse volte la sua posizione ad uso e consumo della maggioranza che vuole rappresentare, e così, il concetto di “prima gli italiani”, per una poltrona agli esteri, si è trasformato in “mettiamo al sicuro gli afghani”.

Nulla di sbagliato nel nuovo concetto portato avanti dal “paladino” dei diritti, suoi. Peccato che la guerra in Afghanistan non sia stata mossa da un vero e proprio bisogno di portare pace e democrazia in quel Paese, altrimenti il ritiro si sarebbe fatto in maniera graduale senza dare campo libero ai talebani e senza lasciare armi e nuove tecnologie alla loro mercé.

Ora i talebani controllano il Paese, e l’Occidente, caro Biden, dopo aver speso 2.261 miliardi di dollari per la guerra in Afghanistan, dati per lo più a lobby di armi, tecnologie e trasporti, è rimasto con un pugno di mosche in mano.

Inoltre, i cittadini italiani, europei, americani e alleati, dopo aver pagato i costi ingenti della guerra voluta solo ed esclusivamente dagli amministratori Usa, si ritrovano a pagare enormi quantità di denaro per dar vita ad un sistema accoglienza, solo perché gli Stati Uniti hanno deciso di porre fine alla guerra.

Così, se prima guadagnavano lobby di armi, tecnologia e trasporti, ora la “corsa all’oro”, per quanto riguarda il sistema accoglienza, spetta a Ong, Coop e tutte le aziende complementari che appartengono al gigantesco business dell’immigrazione.

Si spera che gli Stati questa volta si organizzino e sviluppino un sistema di accoglienza pubblico che metta fine a questo grande giro di affari basato sul sangue e denaro della povera gente.

Basta dare da mangiare a chi specula da eventi di questa portata, bisogna cambiar atteggiamento! Questa sconfitta non appartiene a Bush, Obama, Trump o Biden, ma appartiene a tutti i cittadini alleati che continuano a versare tasse che vengono utilizzate per dare introiti a chi festeggia ogni qual volta vi è una tragedia di questa portata.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento