Home Senza categoria Marinai uccisi da un missile iraniano

Marinai uccisi da un missile iraniano

by Redazione

L’esercito iraniano afferma che la nave di supporto ha colpito un missile in un incidente di fuoco amico. Almeno 19 marinai sono stati uccisi e 15 feriti dopo che un missile iraniano è stato sparato durante un esercitazione nel Golfo dell’Oman e ha colpito una nave di supporto vicino al bersaglio.

L’incidente di fuoco è avvenuto domenica vicino al porto di Jask, a circa 1.270 km a sud-est di Teheran, nel Golfo dell’Oman, secondo quanto riferito da una dichiarazione sul sito web dell’esercito.

“Il numero dei morti, di questo incidente, è di 19 e anche 15 sono stati feriti”, ha aggiunto, dicendo che la nave era stata rimorchiata a terra.

Il missile colpì il Konarak, una nave di supporto di classe Hendijan, che stava prendendo parte all’esercizio.

La televisione di stato ha descritto la catastrofe come un fatto accidentale, affermando che la Konarak, una nave di supporto è stata colpita dal missile, aveva lanciato obiettivi in ​​acqua per le altre navi su cui sparare ed era rimasta troppo vicina a un obiettivo.

La fregata iraniana di classe Moudge Jamaran ha colpito accidentalmente la nave Konarak con un missile durante l’esercizio.

I media iraniani hanno affermato che Konarak è stato revisionato nel 2018 ed è stato in grado di lanciare missili marittimi.

La nave di 47 metri (155 piedi) di fabbricazione olandese era in servizio dal 1988.

Non è stato immediatamente chiaro quanti membri dell’equipaggio fossero a bordo della nave da guerra al momento dell’incidente.

L’agenzia turca Anadolu ha dichiarato che almeno 20 persone sono state uccise e che c’erano circa 40 membri dell’equipaggio a bordo del Konarak.

Anadolu ha affermato che l’incidente è stato considerato un “errore umano”, citando fonti del Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche iraniane.

L’Iran tiene regolarmente esercitazioni nel Golfo di Oman, che è chiuso allo Stretto strategico di Hormuz, la stretta bocca del Golfo, attraverso la quale passa il 20% del petrolio mondiale.

I media iraniani riferiscono raramente di incidenti durante i suoi esercizi. L’incidente arriva anche in un momento di forti tensioni tra l’Iran e gli Stati Uniti.

Le relazioni tra i due nemici si sono fortemente deteriorate dal 2018, quando il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha ritirato il suo paese da un accordo nucleare del 2015 tra le principali potenze e l’Iran.

Washington quindi ha re-imposto sanzioni a Teheran, paralizzando la sua economia.

L’animosità si è accentuata all’inizio di gennaio, quando gli Stati Uniti hanno assassinato il massimo comandante militare iraniano Qassem Soleimani a Baghdad, nella capitale dell’Iraq.

L’Iran ha fatto ritorsioni l’8 gennaio sparando missili contro le basi in Iraq, dove erano di stanza truppe statunitensi.

Lo stesso giorno, le forze armate iraniane hanno abbattuto un aereo passeggeri del Boeing 737 diretto a Kiev su Teheran, uccidendo tutte le 176 persone a bordo.

I militari hanno ammesso l’errore catastrofico, affermando che le difese aeree dell’Iran erano in allerta dopo aver sparato la raffica di missili contro obiettivi statunitensi in Iraq.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento