Home In evidenza Macron prende uno “schiaffo” e perde la maggioranza assoluta in parlamento

Macron prende uno “schiaffo” e perde la maggioranza assoluta in parlamento

by Nik Cooper

Emmanuel Macron, a poco tempo dalla riconferma della carica presidenziale, perde clamorosamente il controllo dell’Assemblea nazionale alle elezioni legislative di domenica. La grave sconfitta di ieri potrebbe gettare il paese in una paralisi politica a meno che non ci siano alleanze con altri partiti.

La coalizione centrista Ensemble di Macron, che vuole aumentare l’età pensionabile e approfondire ulteriormente l’integrazione nell’UE, ha conquistato il maggior numero di seggi alle elezioni di domenica.

Ma nonostante ciò il risultato è ben al di sotto della maggioranza assoluta necessaria per controllare il parlamento, come hanno mostrato i risultati.

Sebbene Ensemble si sia assicurato il maggior numero di legislatori nell’Assemblea nazionale da 577 seggi, è rimasto comodamente al di sotto della soglia richiesta per la maggioranza assoluta in un voto che ha visto un’alleanza di sinistra e l’estrema destra ottenere buoni risultati.

Le cifre finali hanno mostrato che il campo centrista di Macron ha ottenuto 245 seggi, meno dei 289 necessari per la maggioranza assoluta.

Il voto è stato una battuta d’arresto per Macron e per il suo programma intento ad approfondire l’integrazione nell’Unione Europea, aumentare l’età pensionabile e dare nuova vita all’industria nucleare francese.

Il copione è tutto da riscrivere per il presidente francese e le opzioni includono la formazione di una coalizione di governo o la presidenza di un governo di minoranza che deve avviare negoziati con gli oppositori ogni volta.

L’alternativa, se non si riesce a trovare un accordo, è che la seconda economia più grande della zona euro precipiti nella paralisi politica.

Il ministro delle finanze Bruno Le Maire ha definito l’esito uno “shock democratico” e ha aggiunto che se altri blocchi non collaborassero, “questo bloccherebbe la nostra capacità di riformare e proteggere i francesi”.

Un parlamento sospeso richiederà un grado di condivisione del potere e compromessi tra i partiti non sperimentati in Francia negli ultimi decenni.

Non esiste un copione prestabilito in Francia per come si svilupperanno le cose. L’ultima volta che un presidente neoeletto non è riuscito a ottenere la maggioranza assoluta alle elezioni parlamentari è stato nel 1988.

“Il risultato è un rischio per il nostro Paese viste le sfide che dobbiamo affrontare”, ha affermato il primo ministro Elisabeth Borne, aggiungendo che da lunedì in poi il campo di Macron lavorerà per cercare alleanze.

Macron potrebbe eventualmente indire elezioni anticipate se si verificasse un blocco legislativo.

“La sconfitta del partito presidenziale è completa e non c’è una chiara maggioranza in vista”, ha detto ai sostenitori esultanti il ​​veterano dell’estrema sinistra Jean-Luc Melenchon.

Leftwing Liberation ha definito il risultato “uno schiaffo” per Macron e il quotidiano economico Les Echos “un terremoto”.

Il partito di estrema destra National Rally di Marine Le Pen ha conquistato la sua più grande rappresentanza di sempre nella camera bassa, mentre un blocco di sinistra in ripresa, Nupes, guidato dall’estrema sinistra Jean-Luc Melenchon formerà la più grande forza di opposizione.

“La sconfitta del partito presidenziale è completa”, ha detto Melenchon ai suoi sostenitori.

Anche così, la sua improbabile alleanza ora potrebbe trovare più difficile restare uniti che ottenere voti.

Dopo un primo mandato presidenziale caratterizzato da uno stile di governo dall’alto verso il basso che lo stesso Macron ha paragonato a quello di Giove, l’onnipotente dio romano, il presidente dovrà ora imparare l’arte della costruzione del consenso tramite il compromesso.

“Questa cultura del compromesso è quella che dovremo adottare, ma dobbiamo farlo attorno a valori, idee e progetti politici chiari per la Francia”, ha affermato il ministro delle Finanze Bruno Le Maire.

La sinistra guadagna terreno

Uniti dietro a Melenchon, i partiti di sinistra sono stati visti sulla buona strada per triplicare il loro punteggio rispetto alle ultime elezioni legislative del 2017.

Macron è diventato ad aprile uno dei pochi presidenti francesi a vincere un secondo mandato, poiché gli elettori si sono mobilitati per mantenere l’estrema destra fuori dal potere.

Ma, visto come fuori dal mondo da molti elettori, presiede un paese profondamente disincantato e diviso in cui è cresciuto il sostegno ai partiti populisti di destra e di sinistra.

La sua capacità di perseguire un’ulteriore riforma della seconda economia più grande della zona euro dipende dall’ottenere il sostegno per le sue politiche da parte dei moderati al di fuori della sua alleanza, sia a destra che a sinistra.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento