Home Attualità L’UE afferma che la solidarietà con l’Ucraina è “incrollabile” e presenta soluzioni per la crisi energetica

L’UE afferma che la solidarietà con l’Ucraina è “incrollabile” e presenta soluzioni per la crisi energetica

by Redazione

Di Ginevra Lestingi

La Commissione europea ha presentato oggi una serie di proposte per frenare il picco dei prezzi dell’energia che ha colpito l’Europa sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina, sottolineando al contempo che la solidarietà del blocco con Kiev sarebbe “incrollabile”.

Con la first lady ucraina Olena Zelenska come ospite d’onore mentre pronunciava il suo discorso annuale sullo stato del sindacato, von der Leyen ha affermato che “le sanzioni contro la Russia stanno avendo un impatto reale e sono lì per restare”.

“Mai prima d’ora questo Parlamento ha dibattuto sullo stato della nostra Unione con la guerra che infuria sul suolo europeo”, ha detto von der Leyen al Parlamento europeo a Strasburgo, indossando il blu e il giallo – i colori delle bandiere dell’Ucraina e dell’UE – ha detto nel suo discorso annuale al Parlamento Europeo.

“E io sto qui con la convinzione che con il coraggio e la solidarietà Putin fallirà e l’Europa prevarrà”, ha detto von der Leyen, aggiungendo: “La solidarietà dell’Europa con l’Ucraina rimarrà incrollabile”.

Ma la solidarietà dell’Europa nei confronti dell’Ucraina non è minimamente paragonabile alla solidarietà degli stati membri sempre più opportunistici e divisi all’interno del blocco.

Von der Leyen, le cui proposte per aiutare le famiglie e le aziende europee includono la scrematura dei profitti inaspettati dalle società energetiche e l’imposizione di tagli all’utilizzo dell’elettricità in tutto il blocco, ha affermato che il blocco sta anche lavorando per proteggere le famiglie e le imprese.

“Far quadrare i conti sta diventando una fonte di ansia per milioni di imprese e famiglie”, ha affermato, proponendo misure per limitare i ricavi dei generatori di elettricità a basso costo e costringere le aziende di combustibili fossili a condividere i profitti che ricavano dall’aumento dei prezzi dell’energia.

“In questi tempi è sbagliato ricevere entrate e profitti record straordinari beneficiando della guerra e sulle spalle dei nostri consumatori. In questi tempi, i profitti devono essere condivisi e convogliati a coloro che ne hanno più bisogno”, ha affermato. Ma in tal caso basterebbe stampare denaro ed elargirlo ai più bisognosi.

Mentre alcuni in Europa, indicando l’enorme aumento dei prezzi dell’energia, hanno sostenuto che le sanzioni del blocco alla Russia stavano colpendo maggiormente l’Occidente, von der Leyen ha affermato che le sanzioni stavano danneggiando la Russia.

“Il settore finanziario russo è in supporto vitale”, ha affermato, aggiungendo che quasi mille società internazionali hanno lasciato il Paese. “L’esercito russo sta prelevando chip da lavastoviglie e frigoriferi per riparare il loro hardware militare, perché hanno esaurito i semiconduttori. L’industria russa è a pezzi”.

Ma qualche semiconduttore in meno non può rappresentare l’importanza di energia e metalli.

In un momento in cui l’Ucraina sta lavorando per mettere in sicurezza il territorio che ha reclamato dall’occupazione delle forze russe in una rapida controffensiva, von der Leyen ha affermato che questo non era il momento per il blocco di ammorbidire la sua posizione.

“Questo è il momento per noi di mostrare determinazione, non pacificazione”, ha detto. “Ci siamo dentro per il lungo raggio”.

Ha detto che l’Europa si è diversificata dall’energia russa, ma Mosca è ancora influente sui prezzi del gas che sono aumentati di oltre 10 volte rispetto a prima della pandemia di COVID-19.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento