Home In evidenza L’FBI trova scarse prove che l’attacco al Campidoglio degli Stati Uniti sia scaturito da un complotto

L’FBI trova scarse prove che l’attacco al Campidoglio degli Stati Uniti sia scaturito da un complotto

by Freelance

Di Mirko Fallacia

L’FBI ha trovato scarse prove che l’attacco del 6 gennaio al Campidoglio degli Stati Uniti sia stato il risultato di un complotto organizzato per ribaltare il risultato delle elezioni presidenziali.

Sebbene i funzionari federali abbiano arrestato più di 570 presunti partecipanti, l’FBI a questo punto ritiene che la violenza non sia stata coordinata centralmente da gruppi di estrema destra o da importanti sostenitori dell’allora presidente Donald Trump, secondo le fonti.

“Dal novanta al novantacinque per cento di questi sono casi una tantum”, ha detto un ex alto funzionario delle forze dell’ordine a conoscenza delle indagini. “Allora hai il cinque percento, forse, di questi gruppi di miliziani che erano organizzati più da vicino. Ma non c’era un grande piano con Roger Stone, Alex Jones e tutte queste persone per prendere d’assalto il Campidoglio e prendere ostaggi”.

Stone, un veterano operativo repubblicano, si autodefinisce “sporco imbroglione”, e Jones, fondatore di un programma radiofonico e di un webcast guidato dalla cospirazione, sono entrambi alleati di Trump ed erano stati coinvolti in eventi pro-Trump a Washington il 5 gennaio, il giorno prima della rivolta.

Gli investigatori dell’FBI hanno scoperto che cellule di manifestanti, inclusi seguaci dei gruppi di estrema destra Oath Keepers e Proud Boys, avevano mirato a irrompere nel Campidoglio. Ma non hanno trovato prove che i gruppi avessero piani seri su cosa fare se fossero riusciti a entrare.

I pubblici ministeri hanno presentato accuse di cospirazione contro 40 di quegli imputati, sostenendo che si erano impegnati in un certo grado di pianificazione prima dell’attacco.

Hanno affermato che un leader di Proud Boy ha reclutato membri e li ha esortati a fare scorta di giubbotti antiproiettile e altro equipaggiamento in stile militare nelle settimane prima dell’attacco e il 6 gennaio ha inviato i membri con un piano per dividersi in gruppi e fare più ingressi al Campidoglio.

Ma finora i pubblici ministeri si sono tenuti alla larga da accuse più gravi e politicamente cariche che secondo le fonti erano state inizialmente discusse dai pubblici ministeri, come cospirazione sediziosa.

La valutazione dell’FBI potrebbe rivelarsi rilevante per un’indagine congressuale che mira anche a determinare come sono stati organizzati gli eventi di quel giorno e da chi.

Finora i legislatori senior sono stati informati in dettaglio sui risultati delle indagini dell’FBI e li ritengono credibili, ha affermato una fonte del Congresso democratico.

Il caos è scoppiato il 6 gennaio quando il Senato e la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti si sono incontrati per certificare la vittoria di Joe Biden alle elezioni presidenziali di novembre.

Fu l’attacco più violento al Campidoglio dalla guerra del 1812, costringendo i legislatori e il vicepresidente di Trump, Mike Pence, a lottare per la salvezza.

Quattro persone sono morte e un’altra è morta il giorno seguente, più di 100 agenti di polizia sono rimasti feriti.

IL DISCORSO DI TRUMP

Trump ha fatto un discorso incendiario in una manifestazione vicina poco prima della rivolta, ripetendo false affermazioni secondo cui le elezioni del 2020 erano state rubate e esortando i sostenitori a marciare sul Campidoglio per fare pressione sui legislatori affinché rifiutassero la vittoria di Biden.

Nei commenti pubblici del mese scorso al comitato congressuale guidato dai democratici formato per indagare sulla violenza, gli agenti di polizia feriti nel caos hanno esortato i legislatori a determinare se Trump abbia contribuito a istigarli.

Ma l’FBI finora non ha trovato alcuna prova che lui o le persone direttamente intorno a lui fossero coinvolte nell’organizzazione della violenza, secondo i quattro attuali ed ex funzionari delle forze dell’ordine.

Secondo il Dipartimento di Giustizia, finora più di 170 persone sono state accusate di aggressione o impedimento a un agente di polizia. Che comporta una pena massima di 20 anni.

Ma una fonte ha affermato che c’è stata poca, se non nessuna, discussione recente da parte di alti funzionari del Dipartimento di Giustizia di accuse come “cospirazione sediziosa” per accusare gli imputati di cercare di rovesciare il governo.

Inoltre, i pubblici ministeri non hanno presentato alcuna accusa secondo cui un individuo o un gruppo ha svolto un ruolo centrale nell’organizzazione o nella guida della rivolta.

Le accuse di cospirazione che sono state presentate affermano che gli imputati hanno discusso dei loro piani nelle settimane prima dell’attacco e hanno lavorato insieme il giorno stesso. Ma i pubblici ministeri non hanno affermato che questa attività fosse parte di un complotto più ampio.

Alcuni giudici federali ed esperti legali si sono chiesti se il Dipartimento di Giustizia stia lasciando passare gli imputati con troppa leggerezza.

Il giudice Beryl Howell a luglio ha chiesto ai pubblici ministeri di spiegare perché a un imputato è stato permesso di invocare un’accusa di reato che comporta una pena massima di sei mesi, piuttosto che un’accusa più grave.

I portavoce del Dipartimento di Giustizia e dell’ufficio del Procuratore degli Stati Uniti a Washington, che sta guidando l’accusa del 6 gennaio, hanno rifiutato di commentare. Il comitato del Congresso che indaga sull’attacco parlerà con l’FBI e altre agenzie come parte della sua indagine.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento