Le forze israeliane invadono Gaza da nord a sud

Di Gaia Marino

Lunedì le forze israeliane hanno sfondato in profondità tra le rovine del confine settentrionale di Gaza per riconquistare un’area occupata dai combattenti di Hamas, mentre a sud i carri armati e le truppe si sono spinti attraverso un’autostrada verso Rafah, lasciando i civili palestinesi in preda al panico a cercare rifugio.

Alcuni dei combattimenti più intensi da settimane infuriano sia nel nord che nel sud.

Le operazioni israeliane a Rafah, al confine con l’Egitto, hanno chiuso un principale punto di passaggio per gli aiuti.

I gruppi umanitari affermano che ciò ha peggiorato una situazione già terribile.

Centinaia di migliaia di persone sono di nuovo in fuga.

Circa la metà della popolazione di Gaza si è rifugiata lì dopo che Israele ha ordinato l’evacuazione dal nord di Gaza in ottobre.

L’autorità sanitaria di Gaza ha lanciato un appello alle pressioni internazionali per riaprire l’accesso attraverso il confine meridionale per consentire l’arrivo di aiuti, forniture mediche e carburante per alimentare generatori e ambulanze.

“I feriti e i malati subiscono una morte lenta perché non ci sono cure e rifornimenti e non possono viaggiare”, si legge.

Un membro straniero del personale di sicurezza delle Nazioni Unite è stato ucciso lunedì quando un veicolo con marchio delle Nazioni Unite diretto a un ospedale di Rafah è stato colpito: la prima vittima internazionale delle Nazioni Unite nella guerra di Gaza, ha detto un portavoce delle Nazioni Unite, portando il bilancio totale delle vittime del personale delle Nazioni Unite a circa 190.

A Jabalia, nel nord di Gaza, un vasto campo profughi costruito 75 anni fa per i palestinesi sfollati, le forze israeliane sono entrate in un’area dove affermavano di aver smantellato Hamas mesi fa.

I residenti sono fuggiti lungo le strade disseminate di macerie portando con sé sacchi di averi.

I proiettili dei carri armati sono caduti al centro del campo e i funzionari sanitari hanno affermato di aver recuperato 20 corpi dagli attacchi aerei notturni.

“Non sappiamo dove andare. Siamo stati sfollati da un posto all’altro… Stiamo correndo per le strade. L’ho visto con i miei occhi. Ho visto il carro armato e il bulldozer. È su quella strada”, ha detto una donna, che non ha dato il suo nome.

Un attacco aereo israeliano su una casa nel campo profughi di Al-Nuseirat, nel centro della Striscia di Gaza, ha ucciso almeno otto persone e molte altre sono rimaste ferite e disperse.

Il bilancio delle vittime palestinesi nella guerra ha ormai superato i 35.000, di cui 57 uccisi nelle ultime 24 ore, secondo i funzionari sanitari di Gaza, le cui cifre non fanno distinzione tra civili e combattenti.

Le truppe israeliane cercano di annientare Hamas. Lunedì un alto funzionario del Dipartimento di Stato americano ha detto che Washington non ritiene che l’obiettivo della vittoria totale sia “probabile o possibile”.

Il gruppo militante, che ha affermato di essere impegnato nella distruzione di Israele, ha fatto irruzione in Israele il 7 ottobre, uccidendo 1.200 persone e prendendo più di 250 ostaggi, secondo i conteggi israeliani.

Il braccio armato di Hamas ha detto che a causa dei bombardamenti israeliani ha perso i contatti con i militanti che sorvegliavano quattro ostaggi israeliani, tra cui il cittadino israeliano-americano Hersh Goldberg-Polin, apparso in un video diffuso da Hamas alla fine di aprile.

Lunedì, partecipando alla cerimonia del Memorial Day per ricordare i soldati israeliani caduti, il primo ministro Benjamin Netanyahu ha affermato che la guerra contro Hamas è una lotta per garantire “l’esistenza, la libertà, la sicurezza e la prosperità” di Israele.

“La nostra guerra d’indipendenza non è ancora finita”, ha detto.

A Rafah, Israele ha intensificato i bombardamenti aerei e terrestri sulle aree orientali, uccidendo persone in un attacco aereo su una casa nel quartiere del Brasile.

I residenti hanno detto che i bombardamenti aerei e terrestri israeliani si stavano intensificando e che i carri armati avevano tagliato la strada principale nord-sud per Salahuddin.

Corsa verso Rafah

L’UNRWA, la principale agenzia umanitaria delle Nazioni Unite a Gaza, stima che circa 360.000 persone siano fuggite dalla città meridionale da quando l’esercito israeliano ha dato il suo primo ordine di evacuazione una settimana fa.

Si stanno spostando verso tratti di terra vuoti, tra cui Al-Mawasi, una piccola striscia lungo la costa, designata come area umanitaria ampliata da Israele.

L’assalto a Rafah ha causato una delle più grandi spaccature degli ultimi decenni tra Israele e il suo principale alleato, gli Stati Uniti, che hanno sospeso alcune consegne di armi.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, in corsa per la rielezione quest’anno, ha dovuto affrontare pesanti critiche da parte dei suoi stessi sostenitori a livello nazionale per il suo sostegno a Israele.

Alcuni di questi critici hanno accusato Israele di aver commesso un genocidio, un’accusa respinta dalla Casa Bianca e da Israele.

“Non crediamo che ciò che sta accadendo a Gaza sia un genocidio”, ha detto ai giornalisti il ​​consigliere per la sicurezza nazionale statunitense Jake Sullivan.

Washington dice che Israele non deve assaltare Rafah senza un piano per proteggere i civili, che deve ancora vedere.

L’ufficio del ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha dichiarato lunedì di aver informato il segretario di Stato americano Antony Blinken sulla “precisa operazione” nell’area di Rafah.

Il Dipartimento di Stato ha detto che Blinken ha parlato lunedì con il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry e ha ribadito che Washington non sostiene un’importante operazione militare di terra da parte di Israele a Rafah.

L’ala armata di Hamas ha detto che i suoi combattenti erano impegnati in scontri a fuoco con le forze israeliane in una delle strade a est di Rafah e ad est di Jabalia.

In Israele, i militari hanno suonato più volte le sirene nelle aree vicino a Gaza, avvertendo di potenziali lanci di razzi o mortai palestinesi oltre confine.

Related posts

Intervista ad Andrea Orlando(Pd) “L’Europa non deve essere piegata sulla dimensione del rigore e dell’austerità”

Intervista all’on. Giuseppe Lupo: “Noi vogliamo l’Europa di David Sassoli, il quale diceva che ‘l’Europa deve innovare, proteggere ed essere faro”.

Il presidente iraniano Ebrahim Raisi è morto in un incidente in elicottero