Home In evidenza L’accordo fiscale globale: Il primo grande ‘successo’ di Biden

L’accordo fiscale globale: Il primo grande ‘successo’ di Biden

by Freelance

Di Mirko Fallacia

I leader del gruppo G20 delle principali economie hanno approvato una revisione tanto attesa del sistema fiscale globale che costringerà alcune delle più grandi aziende del mondo a versare circa 150 miliardi di dollari di entrate fiscali aggiuntive ogni anno.

I leader, tra cui il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il presidente francese Emmanuel Macron, hanno approvato le proposte il primo giorno del vertice del G20 a Roma, secondo diversi funzionari informati sui colloqui.

La revisione pianificata è scaturita da negoziati politicamente tesi sotto la supervisione dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE).

Durante anni di discussioni, Washington ha minacciato diversi paesi europei di una guerra commerciale dopo che i governi di Parigi, Roma e Londra hanno approvato le proprie tasse digitali specificamente rivolte a marchi del calibro di Google e Facebook.

L’Unione europea ha affrontato una guerra interna mentre paesi membri come l’Irlanda hanno combattuto per mantenere i loro bassi regimi di imposta sulle società da altri all’interno del blocco di 27 paesi.

I paesi in via di sviluppo hanno avvertito che i negoziati non li hanno aiutati a recuperare le entrate fiscali necessarie.

Ora che i leader del G20 hanno firmato l’accordo, ecco tutto quello che c’è da sapere.

Di cosa si tratta?

Le proposte si suddividono in due bucket. Il cosiddetto Pillar One consente ai governi di tassare le prime 100 aziende del mondo, al di sopra di una certa soglia, sulle loro operazioni all’interno dei singoli paesi. Per essere incluse, le aziende devono avere un margine di profitto di almeno il 10% e un fatturato annuo di 20 miliardi di dollari o più.

L’obiettivo è ridistribuire questi profitti ai paesi in cui le aziende fanno i loro soldi rispetto al sistema attuale, che consente alle aziende di rimpatriare questi fondi nei loro mercati interni. In totale, il nuovo sistema Pillar One, che dovrebbe entrare in vigore entro il 2023, dividerà circa 125 miliardi di dollari di entrate fiscali esistenti tra più di 130 paesi in tutto il mondo.

Nell’ambito della seconda componente, nota come secondo pilastro, i paesi accetteranno un’imposta societaria minima globale del 15% in modo che le imprese multinazionali non possano sfruttare i paradisi fiscali e altre giurisdizioni a bassa tassazione per evitare di pagare la loro giusta quota.

Quella parte dell’accordo includerà i governi di tutto il mondo che aggiorneranno le loro aliquote fiscali nazionali – modifiche che potrebbero essere concluse entro il prossimo anno e generare ulteriori $ 150 miliardi di entrate fiscali annuali a livello globale”.

Quale problema si sta cercando di risolvere?

La pandemia di COVID-19 ha messo in luce i riflettori su come le più grandi aziende del mondo, molte delle quali giganti digitali, hanno continuato a trarre profitto anche se l’economia globale ha preso una svolta per il peggio.

Anche prima della crisi sanitaria globale, paesi come la Francia chiedevano modifiche al regime fiscale globale per costringere i più grandi nomi della Silicon Valley – molti dei quali pagavano poche o nessuna tassa nei paesi in cui vivevano i loro clienti – a trasferire più entrate fiscali a governi di tutto il mondo.

Gli Stati Uniti non la vedevano così. Sotto l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, Washington ha rifiutato le proposte dell’OCSE, sostenendo che qualsiasi rinnovamento fiscale globale dovrebbe essere semplicemente volontario per le aziende.

Questa posizione è cambiata sotto l’amministrazione Biden, che ha offerto una soluzione in primavera che includeva la tassazione dei primi 100 paesi del mondo, sia digitali che non digitali, come parte delle modifiche fiscali.

Questo piano ha rinvigorito le discussioni e ha portato all’accordo previsto per questo fine settimana.

Sono tutti contenti dell’accordo?

Sì e no. Come per tutti i negoziati globali, i funzionari hanno dovuto scendere a compromessi lungo la strada. Diversi paesi dell’UE, che avevano approvato le proprie tasse digitali nazionali, hanno accettato di ritirare tali imposte, non appena l’accordo generale sarà in vigore entro il 2023, al più presto.

Gli Stati Uniti hanno anche dovuto consentire che parte del gettito fiscale generato dai suoi giganti della tecnologia fosse condiviso con altri paesi, cosa che non è andata molto bene ad alcuni all’interno del Congresso degli Stati Uniti.

Gli attivisti, tuttavia, hanno criticato l’accordo per escludere i paesi in via di sviluppo, molti dei quali vedranno solo entrate fiscali aggiuntive marginali dall’accordo attuale.

Anche quelli all’interno delle aziende Big Tech non sono troppo contenti che le loro aziende siano state incluse mentre altri giganti globali di altri settori, come i servizi finanziari e l’estrazione mineraria, sono stati volutamente esclusi dall’accordo.

Nonostante le tante premesse e le tante sponsorizzazioni delle diverse celebrità e addirittura di alcuni capi di Stato, la gestione Biden, per il momento, ha raccolto una serie di fallimenti e sconfitte, prime tra tutte è la campagna in Afghanistan evolutasi ampiamente in uno dei peggiori scenari possibili. Ma la sfida per la Global Tax e le tassazioni delle Big Tech sono storia ben diversa e, anche se i limiti della nuova tassazione globale sono evidenti, di sicuro rappresentano un concreto passo avanti per la soluzione globale del problema. Avanti!

Potrebbe interessarti

Lascia un commento