Home Attualità La Turchia ricatta la Svezia prima di appoggiare il suo ingresso nella NATO

La Turchia ricatta la Svezia prima di appoggiare il suo ingresso nella NATO

by Redazione

Di Mimmo Di Maggio

La Svezia ripone la sua fiducia nella Turchia dicendo che approverà la sua domanda di adesione all’alleanza militare della NATO, ma aggiunge che non soddisferà tutte le condizioni che Ankara ha posto per il suo sostegno, ha detto domenica il primo ministro svedese.

“La Turchia conferma che abbiamo fatto quello che avevamo detto che avremmo fatto, ma dice anche che vuole cose che non possiamo o non vogliamo dargli”, ha detto il primo ministro Ulf Kristersson a una conferenza del gruppo di esperti della difesa in Svezia.

La Finlandia e la Svezia hanno firmato un accordo a tre con la Turchia nel 2022 volto a superare le obiezioni di Ankara alla loro adesione all’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico.

A maggio i due paesi hanno chiesto di aderire alla NATO in risposta all’invasione russa dell’Ucraina, ma la Turchia si è opposta e ha accusato i paesi di ospitare militanti, tra cui quelli del fuorilegge Partito dei lavoratori del Kurdistan.

Domenica scorsa, in una conferenza stampa, Kristersson ha affermato che le richieste che la Svezia non può o non vuole soddisfare non rientrano nell’ambito del memorandum a tre.

“Di tanto in tanto, la Turchia menziona persone che vogliono vedere estradate dalla Svezia. A questo ho detto che queste questioni sono gestite all’interno della legge svedese”, ha detto.

Ankara ha espresso disappunto per la decisione presa alla fine dell’anno scorso dalla corte suprema svedese di fermare la richiesta di estradare un giornalista con presunti legami con lo studioso islamico Fetullah Gulen, accusato dalla Turchia di un tentativo di colpo di stato.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento