Home In evidenza La Spagna si avvia verso il dialogo, mentre i separatisti catalani in carcere vengono graziati

La Spagna si avvia verso il dialogo, mentre i separatisti catalani in carcere vengono graziati

by Romano Franco

La Spagna martedì ha graziato tutti e nove i leader separatisti incarcerati per il loro ruolo nel fallito tentativo di indipendenza della Catalogna nel 2017 in un gesto che il governo spera possa favorire il dialogo per mantenere la regione parte della Spagna, sgonfiando la sua spinta per l’autodeterminazione.

I politici e gli attivisti sono stati condannati nel 2019 a una pena compresa tra i nove e i 13 anni per sedizione e uso improprio di fondi pubblici, dopo un referendum su una separazione che i tribunali hanno vietato ma che ha portato a una breve dichiarazione di indipendenza, innescando la peggiore crisi politica della Spagna da decenni.

“Con questo atto vogliamo aprire una nuova fase di dialogo, di riconciliazione e di fermare, una volta per tutte, tutte le divisioni e gli scontri”, ha detto il primo ministro Pedro Sanchez in un discorso televisivo.

Il capo del governo separatista catalano, Pere Aragones, ha affermato che le grazie sono un primo passo sulla “strada del negoziato e dell’accordo”, ribadendo la sua opinione che Madrid dovrebbe consentire un referendum riconosciuto a livello internazionale.

Poco dopo, il governo centrale ha ribadito la sua opposizione a tale voto.

Le grazie sono condizionate e rimane in vigore il divieto per i leader che ricoprono cariche pubbliche, ha affermato Sanchez.

Uno dei nove leader ha reagito con aria di sfida alla notizia delle grazie.

Raul Romeva, che come capo degli affari esteri della Catalogna nel 2017 è stato condannato a 12 anni, ha affermato che la regione continuerà la sua lotta per l’autodeterminazione.

“Non rinunceremo alla lotta: amnistia e autodeterminazione!” ha twittato.

Una fonte governativa ha affermato che il decreto di concessione della grazia, che potrebbe essere revocato in caso di reato grave, dovrebbe essere pubblicato mercoledì e che la Corte suprema non avrebbe autorizzato il rilascio dei leader prima di allora.

I sondaggi mostrano che la maggioranza degli spagnoli si oppone alla grazia. Sanchez scommette che alla fine indeboliranno la spinta indipendentista nella ricca regione nord-orientale.

Il governo socialista è convinto che non ci saranno nuove mosse unilaterali verso l’indipendenza e il rilascio dei prigionieri porrà fine a un clima “tossico” che ha ostacolato il dialogo, ha affermato un’altra fonte governativa, sottolineando che la Spagna spera di migliorare la propria immagine internazionale, segnata dalle dure condanne.

Lluis Orriols, professore di scienze politiche presso l’Università Carlos III di Madrid, ha affermato che la decisione ad alto rischio di Sanchez è stata tempestiva, dopo che i nove hanno trascorso tre anni dietro le sbarre in quella che il pubblico probabilmente vedrà come una giusta punizione, e si aspettava che i prossimi colloqui almeno sgonfino le tensioni con la Catalogna.

I partiti conservatori di Madrid hanno dichiarato che sfideranno la grazia in tribunale, sostenendo che darebbero nuova forza al movimento separatista e accusando Sanchez di cercare principalmente di sostenere le sue alleanze parlamentari.

Il partito separatista catalano Esquerra Republicana de Catalunya – il cui presidente Oriol Junqueras è tra i leader graziati – è stato determinante nel consentire a Sanchez di governare nel 2020.

In Catalogna, alcuni hanno elogiato le grazie ma hanno detto che non bastano.

“Politicamente è una decisione difficile per il governo spagnolo, ma (questo) … non elimina il loro divieto dall’incarico e non tiene conto delle tremila persone che hanno casi pendenti” legati al 2017, ha affermato l’insegnante Josep Sunyer, 50 anni.

Il passo coraggioso del governo spagnolo si spera dia i suoi frutti. Il leader socialista Sanchez ha creato un ponte laddove c’era un muro, ed è già questo un primo passo verso la conciliazione, si spera che le reazioni siano improntate da una collaborazione e da un dialogo sempre più aperto e cordiale. L’unione fa la forza. Per una Spagna unita e per un’Europa unita. Bisogna lavorare per questo tralasciando opportunismi personali e facendo emergere il benessere comune. Avanti Spagna.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento