Home Senza categoria La situazione in Italia: 6 marzo 2020, ore 18.00

La situazione in Italia: 6 marzo 2020, ore 18.00

by Redazione

POSITIVI 3916 DECEDUTI 197 GUARITI 523

Conferenza stampa del Capo della protezione civile Angelo Borrelli alle ore 18 del 6 marzo:

  • 4636 le persone che hanno contratto il virus, attualmente positivi 3916, 197  deceduti e 523 guariti.

Tra i 3916 positivi:

  • 1060 si trovano in isolamento domiciliare
  • 2394 ricoverati con sintomi
  • 462 in terapia intensiva

1. Misure applicabili nei comuni della “zona rossa
(Bertonico; Casalpusterlengo; Castelgerundo; Castiglione D’Adda;
Codogno; Fombio; Maleo; San Fiorano; Somaglia; Terranova dei Passerini;
Vo’)

Dove vige il divieto di accesso o di allontanamento dal territorio comunale.

2. Misure applicabili nelle regioni Emilia Romagna, Lombardia e Veneto e nelle province di Pesaro e Urbino e di Savona

Tra cui la sospensione degli eventi, delle competizioni sportive e
delle scuole fino all’8 marzo o l’apertura in modalità contingentata dei
locali aperti al pubblico e dei lughi di culto.

3. Misure applicabili nelle province di Bergamo, Lodi, Piacenza e Cremona

Per le quali si stabilisce anche la chiusura nelle giornate di sabato e
domenica delle medie e grandi strutture di vendita e degli esercizi
commerciali presenti all’interno dei centri commerciali e dei mercati,
ad esclusione delle farmacie, delle parafarmacie e dei punti vendita di
generi alimentari.

4. Misure applicabili nella regione Lombardia e nella provincia di Piacenza

Dove si applica anche la sospensione delle attività di palestre, centri
sportivi, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali
(fatta eccezione per l’erogazione delle prestazioni rientranti nei
“livelli essenziali di assistenza”), centri culturali, centri sociali,
centri ricreativi.

5. Misure applicabili sull’intero territorio nazionale

Tra queste la promozione del lavoro agile, la sospensione delle gite
scolastiche, l’obbligo di certificato medico per il ritorno a scuola
dopo cinque giorni di assenza, attività didattica a distanza, la proroga
dei termini per l’esame guida.

Tali misure sono state integrate e ampliate dal Dpcm del 4 marzo, che dispone tra l’altro la sospensione dell’attività didattica nelle scuole e nelle università.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento