Home Attualità La Russia viene accusata di utilizzare droni iraniani “illegali”

La Russia viene accusata di utilizzare droni iraniani “illegali”

by Freelance

Di Gaia Marino

La Russia ha messo in guardia le Nazioni Unite dall’indagare sull’uso di droni in Ucraina. Le accuse riguardano la provenienza delle armi, provenienti dall’Iran, che sono state utilizzate in violazione delle restrizioni sulle armi delle Nazioni Unite nel Paese mediorientale.

Gli Stati Uniti, la Francia e il Regno Unito hanno convocato una riunione del Consiglio di sicurezza a porte chiuse sui droni dopo un attacco a Kiev lunedì che ha ucciso almeno cinque persone e causato danni diffusi alle centrali elettriche e ad altre infrastrutture civili.

L’Ucraina afferma che i suoi militari hanno abbattuto più di 220 droni iraniani, formalmente noti come veicoli aerei senza equipaggio (UAV), in poco più di un mese e ha invitato il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres in Ucraina per ispezionare alcuni dei relitti che ha raccolto.

Parlando dopo la riunione del Consiglio di sicurezza di mercoledì, il vice ambasciatore russo delle Nazioni Unite Dmitry Polyanskiy ha insistito sul fatto che le armi erano state fabbricate in Russia e ha condannato “accuse infondate e teorie di complotto”.

Ha invitato Guterres e il suo staff ad “astenersi dall’impegnarsi in qualsiasi indagine illegittima. Altrimenti, dovremo rivalutare la nostra collaborazione con loro, il che non è certo nell’interesse di nessuno”, ha detto ai giornalisti.

Gli Stati Uniti e l’Unione Europea affermano di avere prove che l’Iran abbia fornito alla Russia gli Shahed-136, droni a basso costo che esplodono all’atterraggio.

Washington afferma che qualsiasi trasferimento di armi violava la risoluzione 2231 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che fa parte del Piano d’azione globale congiunto del 2015 (PACG), un accordo ormai moribondo per frenare le attività nucleari dell’Iran e impedire al paese di sviluppare un’arma nucleare.

Teheran nega di aver fornito i droni alla Russia e all’inizio di questa settimana ha affermato di essere pronta per “il dialogo e i negoziati con l’Ucraina per cancellare queste accuse” dopo che il ministro degli Esteri Dmytro Kuleba ha affermato che l’Ucraina dovrebbe rompere i legami diplomatici con Teheran.

Mercoledì, l’inviato iraniano delle Nazioni Unite, Amir Saeid Iravani, ha respinto le “affermazioni infondate” sui trasferimenti dei droni e ha affermato che Teheran, che si è astenuta nelle votazioni sulla guerra, voleva una “risoluzione pacifica” del conflitto, iniziato quando La Russia ha inviato le sue truppe in Ucraina il 24 febbraio.

Iravani ha affermato che l’invito dell’Ucraina “manca di qualsiasi fondamento giuridico” e ha invitato Guterres “a prevenire qualsiasi uso improprio” della risoluzione e funzionari delle Nazioni Unite su questioni relative alla guerra in Ucraina.

“L’Iran è fermamente convinto che nessuna delle sue esportazioni di armi, compresi gli UAV, in nessun paese” violi la risoluzione 2231, ha aggiunto.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento