Home Estero La Russia avverte la NATO che qualsiasi mossa sull’Ucraina avrà conseguenze

La Russia avverte la NATO che qualsiasi mossa sull’Ucraina avrà conseguenze

by Freelance

Di Aldo Pantano

Mosca ha avvertito la NATO che qualsiasi mossa verso l’adesione dell’Ucraina al blocco avrà conseguenze, ha detto giovedì l’agenzia di stampa RIA citando il vice ministro degli Esteri russo Andrei Rudenko.

La RIA ha affermato che a Rudenko è stato chiesto dei commenti del segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin durante una visita in Ucraina questa settimana, quando ha affermato che Washington ha sostenuto l’aspirazione di Kiev di aderire all’alleanza transatlantica e che nessun paese potrebbe porre il veto a tale mossa.

Però, giovedì i ministri della difesa della NATO concordano un nuovo piano generale per difendersi da qualsiasi potenziale attacco russo su più fronti, riaffermando l’obiettivo principale dell’alleanza di dissuadere Mosca nonostante la crescente attenzione alla Cina.

La strategia riservata mira a preparare qualsiasi attacco simultaneo nelle regioni del Baltico e del Mar Nero che potrebbe includere armi nucleari, hacking di reti informatiche e assalti dallo spazio.

“Riconosce una minaccia più del 21° secolo e come affrontarla”, ha detto ai giornalisti il ​​ministro della Difesa britannico Ben Wallace.

I funzionari sottolineano che non credono che nessun attacco russo sia imminente. Mosca nega qualsiasi intenzione aggressiva e dice che è la NATO che rischia di destabilizzare l’Europa con tali preparativi.

Ma i diplomatici affermano che il “Concetto per la deterrenza e la difesa nell’area euro-atlantica” – e il suo piano di attuazione strategica – sono necessari poiché la Russia sviluppa sistemi d’arma avanzati e schiera truppe ed equipaggiamenti più vicini ai confini degli alleati.

“Questa è la via della deterrenza”, ha detto del piano il ministro della Difesa tedesco Annegret Kramp-Karrenbauer.

“E questo si sta adattando all’attuale comportamento della Russia – e stiamo assistendo a violazioni in particolare dello spazio aereo sugli stati baltici, ma anche a un aumento delle incursioni sul Mar Nero”, ha detto alla radio tedesca Deutschlandfunk.

L’approvazione consentirà piani regionali più dettagliati entro la fine del 2022, ha affermato un funzionario degli Stati Uniti, consentendo alla NATO di decidere di quali armi aggiuntive ha bisogno e come posizionare le sue forze.

A maggio, la Russia ha accumulato circa 100.000 soldati al confine con l’Ucraina, il numero più alto da quando Mosca ha annesso la Crimea nel 2014, dicono i funzionari occidentali.

A settembre, la Russia ha utilizzato nuovi robot da combattimento in grandi esercitazioni militari con il suo ex alleato sovietico, la Bielorussia, che hanno allarmato gli alleati baltici.

La Russia aggiorna o sostituisce i sistemi spaziali militari sovietici per attaccare potenzialmente i satelliti in orbita, sviluppando tecnologie basate sull’intelligenza artificiale per interrompere i sistemi di comando alleati.

Il Cremlino, impegnato nello sviluppo di “super armi”, vanta dispositivi che includono missili da crociera ipersonici con capacità nucleare che potrebbero eludere i sistemi di allarme rapido.

Il generale americano in pensione Ben Hodges, che ha comandato le forze armate statunitensi in Europa dal 2014 al 2017, ha affermato di sperare che il piano favorisca una maggiore coerenza nella difesa collettiva della NATO, il che significa più risorse per la regione del Mar Nero.

“Per me, questo è il punto critico più probabile rispetto ai Paesi baltici”, ha detto Hodges, osservando che meno grandi alleati come Gran Bretagna e Francia hanno una forte presenza nel Mar Nero e la Turchia è più concentrata sul conflitto in Siria.

Jamie Shea, un ex alto funzionario della NATO ora presso il think-tank Friends of Europe a Bruxelles, ha affermato che il piano potrebbe anche aiutare a consolidare l’attenzione sulla Russia in un momento in cui i principali alleati stanno cercando di rafforzare la loro presenza nell’Indo-Pacifico e contrastare la crescente potenza militare della Cina.

“Finora si presumeva che la Russia fosse una seccatura, ma non una minaccia imminente. Ma i russi stanno facendo cose preoccupanti. Si stanno esercitando con la robotica e i missili da crociera ipersonici che potrebbero essere davvero molto dirompenti”, ha detto Shea.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento