Home Senza categoria La risposta di Monti sul Mes

La risposta di Monti sul Mes

by Redazione

E’ uno scarica barile generale quello a cui si assiste, interviene Mario Monti, dicendo: “Il richiamo ai fatti dovrebbe indurre a maggiore lucidità. Il Mes rappresenta l’evoluzione del Fondo europeo per la stabilità finanziaria (Fesf). Il Fesf prima e il Mes poi sono stati preparati e decisi a livello europeo nel 2010-2011 con l’Italia rappresentata da Silvio Berlusconi nel Consiglio europeo e da Giulio Tremonti nell’Ecofin ed Eurogruppo. Quel governo si reggeva sull’alleanza Pdl-Lega. Giorgia Meloni ne faceva parte come ministro per il Pdl, Matteo Salvini era europarlamentare della Lega. L’umiliante esperienza fatta dalla Grecia con la troika, creata con il Fesf, fu tra le ragioni che mi indussero – quando nel novembre 2011 venni chiamato al governo dopo la caduta di Berlusconi, abbandonato dalla Lega, e dovendo rispettare le condizioni draconiane imposte da Trichet e Draghi nella lettera del 5 agosto, accettate dal governo Berlusconi per non perdere il sostegno della Bce ai titoli italiani – ad escludere la richiesta di aiuti, che avrebbe comportato la calata della troika su Roma, e a chiedere al Parlamento di approvare una dura manovra”.

Ancora una volta la scena politica si occupa di puntare il dito, nessuno che si assume le proprie colpe e come sempre la propaganda elettorale avanza. La cittadinanza è stufa di sentire solo problemi legati al passato, non c’è nessuno che abbia una visione del futuro e che voglia guardare al domani.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento